Aids e Hiv, le nuove scoperte del San Raffaele di Milano per elaborare una cura

Lo studio è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), una delle più importanti riviste scientifiche internazionali: il lavoro è stato svolto da un team di ricercatori coordinati da Maria Vittoria Schiaffino dell’Istituto Scientifico Ospedale San Raffaele e da Guido Poli dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

 

LO STUDIO: COME SI DIFENDONO, LE CELLULE, DALL’ATTACCO DEI VIRUS? – Lo studio, principalmente svolto nelle due istituzioni rispettivamente da Ilaria Palmisano e Giulia Della Chiara (primo e secondo autore), in collaborazione con Antonello Mai dell’Università “la Sapienza” di Roma, indaga i meccanismi molecolari con cui le cellule si difendono da virus e da altri parassiti genetici (tra cui alcuni dei vettori utilizzati in terapia genica) che si inseriscono nel genoma.

 

L’ANALISI DEL COMPORTAMENTO DEL VIRUS HIV, RESPONSABILE DELL’AIDS – È da tempo noto che in presenza di DNA virale, o comunque estraneo, le cellule dei mammiferi si attivano spegnendo le sequenze esogene, al fine di impedirne l’espressione e la diffusione.

– Tale meccanismo protettivo presenta però alcuni inconvenienti, poiché riduce l’efficacia delle terapie antivirali.

– I ricercatori hanno esaminato, in particolare, il virus HIV-1, responsabile dell’AIDS.

– Dopo essersi inserito nel genoma cellulare, HIV viene spento in una percentuale dei casi, andando a costituire una riserva di cellule infettate invisibili e quindi non attaccabili, né dal nostro sistema immunitario, né dalla terapia antivirale corrente.

 

LA SCOPERTA: UNA NUOVA STRATEGIA PER AFFRONTARE IL PROBLEMA – Il team del San Raffaele ha identificato un nuovo meccanismo epigenetico che permetterà di disegnare una possibile strategia per affrontare questo grave problema.

– Secondo quanto spiegato, infatti, è stato scoperto che, quando vengono deprivate di componenti necessari per la loro crescita (ad esempio gli aminoacidi essenziali), le cellule riattivano il DNA esogeno prima silenziato

 

L’ELEMENTO CRUCIALE: L’ENZIMA “ISTONE DEACETILASI 4” – Un elemento cruciale in questa risposta cellulare è dato dall’inattivazione di un enzima, chiamato “istone deacetilasi 4 (HDAC4)”, che normalmente contribuisce alla regolazione epigenetica dell’espressione dei geni.

– La soppressione della sua attività determina sorprendentemente anche la riaccensione delle sequenze virali estranee al genoma.

 

PROTOCOLLI SPERIMENTALI PER ELIMINARE IL VIRUS HIV – Poiché per questo enzima esistono già inibitori specifici, essi potrebbero essere ulteriormente sviluppati per protocolli sperimentali finalizzati alla cura, ovvero dell’eradicazione, di HIV.

 

IL COMMENTO DEL PROF. GUIDO POLI – Il professor Guido Poli, responsabile dell’Unità di Immunopatogenesi dell’AIDS e impegnato proprio in questi giorni nella presentazione dello studio alla Conferenza Mondiale sull’AIDS di Washington commenta:

– “L’attuale terapia antivirale disponibile contro l’HIV è assai efficace nel controllare e bloccare la diffusione del virus attivato, ma non riesce a riconoscere ed eliminare le cellule infettate in cui il virus è temporaneamente spento (latente). Quindi non è possibile arrivare a una vera guarigione, perché il virus latente può sempre riattivarsi a seguito della sospensione della terapia, come in effetti avviene nella maggioranza dei pazienti”.

– L’utilizzo di inibitori specifici dell’enzima HDAC4 potrebbe invece, associato alla terapia antivirale, riattivare i virus latenti rendendoli visibili e quindi eliminabili, limitando gli effetti tossici sull’organismo, dato che nello studio del San Raffaele gli inibitori di HDAC4 si sono dimostrati, almeno in vitro, ben tollerati dalle cellule.

 

IL COMMENTO DELLA DOTT.SSA MARIA VITTORIA SCHIAFFINO – Maria Vittoria Schiaffino, genetista e biologa cellulare, conclude: “la scoperta di un efficiente meccanismo molecolare che regola la riattivazione del DNA estraneo all’interno della cellula ha una potenziale ricaduta importante anche per la terapia genica, perché l’utilizzo di farmaci che inibiscono l’enzima (o altre strategie utili a inattivarlo) potrebbe evitare che le cellule spengano i vettori virali utilizzati a scopo curativo, aumentandone così l’efficacia a lungo temine”.

 

INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni:

– Fondazione San Raffaele del Monte Tabor,

– via Olgettina 60,

– 20132 Milano,

– telefono 02-26.431

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Radioterapia innovativa Rapidarc Humanitas, gli entusiasmanti traguardi raggiunti contro il cancro

Prevenzione tumore del fegato con farmaci antipiastrinici, i risultati del nuovo studio del San Raffaele e i nomi dei medici di riferimento

Cura leucemia innovativa San Raffaele Milano, nuova tecnologia di immunoterapia cellulare, info e medici

Tumore al seno Milano San Raffaele, servizio telefonico per ottenere visite immediate, dettagli

Nuova cura sclerosi multipla San Raffaele Milano, scoperto come modulare la mielinizzazione dei nervi, dettagli e nomi dei professori che hanno condotto lo studio

Tumore al pancreas, nuove terapie San Raffaele Milano, massimi esperti e contatti per i pazienti

di Redazione

5 COMMENTI

  1. Salve a tutti sono un ragazzo di Bari affetto dal virus hiv sono in uno stato lieve potrei salvarmi con il trapianto del midollo osseo ma qui a bari i medici non sono fiduciosi,tra l’altro non mi hanno posto sotto alla cura dei farmaci perchè ho una piccola è leggera infezione. Chiedo aiuto! Medici italiani Salvatemi la vita guarendo da questa malattia c’è gente che sta guarendo. Svegliatevi!

    • Ciao scusamii ti volevo chiedere chi ti ha detto che con il trapianto di midollo si possa guarire e poi hai già parlato di persone guarite allora vorrei capire in che modo ciò è avvenuto! Grazie anticipatamente

  2. tesoro, dammi retta, prendi il viscum album e l’uncaria ( erbe contro l’HIV) argento colloidale e colostro-noni di guna. vedrai magicamente la viremia arrivare a zero e i cd 4 arrivare alti come prima! fidati! ..ah, l’uncaria almeno due volte al giorno , come l’argento colloidale. ricorda che il sistema immunitario è al 90% nell’intestino. consiglio quindi di tenere la flora batterica in forma , contro gli attacchi del virus HIV con PROLIFE compresse. Vai a controllare tutto quello che ti ho scritto , sopratutto l’UNCARIA,( contro HIV, e APOPTOTICA, significa che spinge le cellule infettate a morire, promuovendo la nuova creazione di CD4 sani). …. cose che i medici non ti diranno mai!!!!!

    • Scusa Carlo puoi dirmi da chi ti fai seguire in questa terapia alternativa? Ne ho urgente bisogno ho i cd4 a 31 ma sono incinta di 12 settimane. Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here