In crescita a Milano il mercato sulla rete mobile: vantaggi per i clienti, grande occasione per aziende e negozianti

profilo-di-un-consumatore-mobile-piccolaLa crisi economica è fortemente presente anche a Milano, ma è ormai arrivato il tempo di organizzarsi per batterla. La realtà metropolitana milanese offre al cliente tutto ciò che è necessario per vivere bene, eppure la maggior parte dei milanesi preferisce acquistare online. Perché? La risposta è pressoché semplice: in rete con pochi click si compra e si ha a disposizione il prodotto direttamente a casa in tempi brevissimi, e spesso si trovano offerte per le quali il cliente si sente più agevolato.

 

E’ tempo che anche i commercianti si adeguino alle tendenze e creino quel servizio in più che può fare la differenza: un negozio online oggi può rappresentare quel che serve per vincere la crisi. Anche a Milano, come in tutta Italia, su 10 cittadini almeno 9 hanno un device mobile, dunque la vendita online con i classici ecommerce consultabili da desktop o da laptop allarga gli orizzonti, e sicuramente la nuova tendenza del presente sono i servizi su mobile.

 

Le compagnie telefoniche offrono oggi ottimi contratti dati, ed è proprio vero che almeno il 70% dei milanesi compie quotidianamente migliaia di connessioni in rete da smartphone o tablet. Riprendendo i dati presenti nell’infografica “Profilo di un consumatore mobile” pubblicata dal portale vouchercloud.it, possiamo vedere come, per gli esperti di analisi, il commercio su mobile riuscirà a sfiorare cifre importanti, tanto che nel 2018 si dovrebbe raggiungere una cifra di 626 miliardi di dollari solo da mobile, che risulta essere il totale di quanto è stato incassato tra i diversi tipi di e-commerce in tutto il 2013. Ad oggi ben oltre il 30% dei giapponesi ad esempio acquista solo su mobile.

 

 Profilo-di-un-consumatore-mobile

 

Infografica “Profilo di un consumatore mobile” realizzata dal team di Vouchercloud.

 

A Milano esistono già anche parecchie realtà che investono in soluzioni mobili per fidelizzare i propri clienti, ma sembra chiaro che avere uno shopping mobile e studiare altre soluzioni idonee diventa il modo migliore per abbattere la crisi e riuscire a avere il giusto compenso. Oggi non è raro trovare online offerte in tempo reale che semplificano la vita, e che possono essere prese al volo se si possiede un device con connessione mobile. Se si cerca un’auto a noleggio all’ultimo minuto, ecco che possono spuntare fuori dei buoni sconto Hertz scaricabili sullo smartphone; si nota un capo nella vetrina di un negozio fisico ad un prezzo inaccessibile, ed ecco che con una ricerca dallo smartphone lo si trova nello stesso negozio online con uno sconto applicato.

 

Per capire come il mobile sia importante, basti pensare che sul noto social network Facebook quotidianamente aumentano le connessioni da devices portatili, smartphone o tablet, ed è proprio grazie alla costante osservazione dei social network che si possono rilevare le modifiche delle tendenze d’acquisto.

 

Ad esempio, cresce in modo importante il gradimento dei prodotti ecologici, e anche a Milano la tendenza è molto marcata; ciò che si ricicla o si riusa è sempre più cercato, le soluzioni online in questo settore non mancano ed è persino vero che un acquisto mobile è molto più ecologico.

 

Che dire poi delle app utili per monitorare il gradimento di un prodotto o persino per agevolare l’uso del prodotto acquistato? Le app diventano una soluzione fondamentale ed importante, perché riescono a fornire interessanti informazioni lato cliente, mentre il negoziante può capire meglio come orientare i propri prodotti, affinché il cliente possa essere pienamente soddisfatto e passare a pubblicizzare il negozio in modo indiretto con le condivisioni, sempre da mobile, sulle note piattaforme social.

 

Per uscire dalla crisi, anche le aziende milanesi possono pensare di sfruttare la costante crescita del mercato mobile da smartphone e tablet, un incentivo a sfruttare tutte le novità tecnologiche per riportare un po’ di serenità in più a tutto l’ambiente.

C.A.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here