Petizione contro canili perreras spagnoli, Aidaa chiede condanna al Parlamento Europeo

Aidaa, Associazione Italiana in Difesa di Animali e Ambiente, ha presentato una petizione ufficiale al Parlamento Europeo per ottenere la condanna della Spagna per:

 

 

 

 

  • la mancata ratifica della Convenzione Europea dei diritti degli animali di compagnia;
  • per il massacro dei 30.000 cani che ogni anno vengono uccisi nelle perreras (canili) locali.

 

OLTRE 30MILA CANI AMMAZZATI OGNI ANNO NELLE PERRERAS – La Spagna è una delle nazioni europee dove gli animali di affezione, ed in particolare i cani, non godono di alcuna tutela, al punto che ogni anno vengono uccisi in maniera del tutto legale oltre 30.000 cani ospitati nei canili (perreras).

 

10 GIORNI DI ACCOGLIENZA NELLA PERRERA, DOPODICHE’ LA MORTE – Sono infatti gli stessi comuni spagnoli a pagare ai responsabili delle perreras un cifra fino a 80 euro per ogni cane, la cui soppressione può avvenire anche dopo solo dieci giorni di presenza in canile.

 

LA CONVENZIONE EUROPEA PREVEDE IL CARCERE PER UCCIDE GLI ANIMALI DI AFFEZIONE, COME SONO I CANI – Si tratta di una pratica diametralmente opposta rispetto alla Convenzione Europea dei diritti degli animali di compagnia, Legge che prevede il carcere fino a 2 anni per chi uccide gli animali di affezione e fino a 15 mesi per chi maltratta i cani ed i gatti.

 

LA RICHIESTA DI AIDAA

  • Ora AIDAA chiede un pronunciamento ufficiale da parte del Parlamento Europeo, attraverso al quale si condanni la Spagna sia per la strage dei cani sia per la mancata ratifica della convenzione Europea.
  • “Il massacro dei cani spagnoli è una vergogna per l’Europa tutta – dice Lorenzo Croce, presidente nazionale di AIDAA. – Occorre fermare questo ignobile massacro: la Spagna, se vuole stare in Europa, accetti tutte le regole comunitarie, anche quelle che non le piacciono. Forse – conclude Croce – questi ‘signori’ godono nell’ammazzare i cani, certo è che la strada da seguire non è quella del massacro ma quella della creazione di un fondo europeo per la sterilizzazione dei cani randagi presenti nei paesi dell’Unione”.

 

INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni:

 

Leggi anche:

Maltrattamento e uccisioni cani in Spagna, dopo le numerose proteste tante famiglie e persone hanno anche annullato vacanze e soggiorni estivi

Protesta animalisti Mifur Milano, ecco come vengono ammazzati gli animali che vengono scuoiati e trasformati in pellicce

Maltrattamento animali, 71132 segnalazioni nel 2010

Torture animali, servizio segnalazioni ad Aidaa anche anonime, ecco chi contattare


Di Redazione

16 COMMENTI

  1. Non c’é limite alle cattiverie che gli uomini possono infliggere agli animali. Un paese che, come la Spagna, si comporta così barbaramente andrebbe boicottato in tutti i campi.

  2. xsone del genere non dovrebbero esistere,sono inutili e senza 1 anima io direi di mettere loro in 1 forno,sperando ke la cenre non si dissolva troppo nell aria perchè respirare aria d m,,a nn è piacevole!

  3. non andate piu’ in ferie da quei bastardi spagnoli e neppure in Ucraina, dove animali vengono sterminati ancor peggio che in spagna…..i soldi devono essere
    dati ai canili (volontariato)=non ai comuni che si intascano i soldi e neppure agli extra comunitari…..ma solo algi animali loro sono indifesi…..persone di merda e paesi di merda……….

  4. La stessa ingente cifra (80 euro a cane) sarebbe più che sufficiente per sfamare e curare quello stesso cane e mantenere i canili NON come “il braccio della morte” (ORRORE INCIVILE E SPREGEVOLE) ma come consoni alla dignità e al benessere degli animali da dare in adozione… basterebbe una sempice TASSA sui RANDAGI! In loro favore… per le strutture da far gestire SOLO alla associazioni animaliste affidabili e NON a privati.
    Fa benissimo, la LIDA ad agire per violazione della Convenzione Europea sul diritto alla vita e alla salute degli animali da compagnia.

  5. SIGNORI GOVERNANTI….NON VI PAGHIAMO X STARE A GUARDARE LE ASSOCIAZIONI E I VOLONTARI CHE SI FANNO UN C… COSI’ NELLA SPERANZA DI RIUSCIRE A SALVARE LA VITA A UN POVERO E TANTO SFORTUNATO CANE!!!! LORO FANNO DAVVERO TANTO CONTRO QUESTI MASSACRI LEGALIZZATI….MA NON BASTA!!!! TIRATE GIU’ I CULI DALLE POLTRONE E USATE I NOSTRI SOLDI X LOTTARE CONTRO QUESTE INGIUSTIZIE???? NON CE NE FREGA NIENTE DI QUELLO CHE COMBINATE NEI VOSTRI FESTINI HARD….SE VI IMPEGNASTE TUTTI PER CAUSE PIU’ NOBILI E GIUSTE SICURAMENTE IL MONDO NON CADREBBE A PEZZI….NON PERDETEVI IN COSE RIDICOLE….LAVORATE!!!!!!!

  6. Questo abominio e orrore deve finire.Mi rivolgo a tuttin quelli che possono intervenire a fermare questa barbarie e ai governanti che hanno un cuore!
    In quanto alla Spagna evitiamo di andarci in vacanza e di acquistare in prodotti che vengono da questa nazione incivile e barbara!!!!

  7. BISOGNA BOICOTTARE LA SPAGNA E GLI SPAGNOLI,SONO DELLE MERDE CHE NON HANNO ALCUN RISPETTO PER GLI ANIMALI.IL FATTO CHE ALCUNI CANI RIESCANO AD ESSERE PORTATI IN ITALIA è UNA BELLA COSA MA DOBBIAMO SALVARE ANCORA I NOSTRI E POI ESSENDO IN EUROPA DOVREBBERO COMPORTARSI CIVILMENTE E LO STESSO VALE PER LA ROMANIA.
    SPAGNOLI A MORTE,GLI ANIMALI SIETE VOI !!!

  8. avrei dovuto fare l’ultimo dell’anno in Spagna con degli amici…ho spiegato che non lascero’ i miei soldi in questa nazione…hanno condiviso la mia idea…
    sono in attesa di un cane…una piccola goccia nell’oceano…il mio motto..
    puntiamo il dito e non andiamo in ferie in Spagna….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here