Governo Letta: e il governissimo partori’ il “pddl”

Alla fine è arrivato il tanto sospirato, da Giorgio Napolitano (e non solo), governassimo: ora Pd e Pdl, rappresentanti di due terzi dell’elettorato italiano, si sono uniti in un connubio che, stando ai risultati delle urne, li pone innanzi alle proprie responsabilità storiche sotto gli occhi, non solo degli altri soggetti politici non aderenti al c.d. “inciucio” (M5S in primis), ma anche di questo Paese diviso e spaccato più che mai.

 

A guidare l’esecutivo, una volta ottenuta la quasi certa fiducia delle Camere, sarà il giovane veterano di Montecitorio, Enrico Letta (nipote di Gianni), consigliere e braccio destro del Cavaliere e che, solo poco prima della e durante la rielezione di Napolitano, sembrava un partner di governo decisamente improponibile anche per un’ala consistente  degli stessi parlamentari  democratici.

 

Accanto ad Enrico Letta avremo, in qualità di vicepresidente del Consiglio (oltre che di titolare del Viminale), il delfino berlusconiano Angelino Alfano: i due “promessi sposi” quanto “padri” di questo neocompromesso, a suo modo storico, saranno sotto una lente d’ingrandimento più vigile che mai.

 

Questo probabile nuovo inizio, benedetto da Napolitano, rappresenta un’occasione (forse l’ultima), per l’attuale classe politica italiana, di dimostrare che ai fatti e non solo più a parole,  essa sia e possa sempre più essere vicina al suo elettorato, più di quanto sostengano al contrario non solo i rappresentanti del Movimento 5 Stelle, ma anche molti italiani che hanno abbandonato, disillusi e delusi, la matita nell’urna elettorale.

 

Mai come adesso, un’elevata disoccupazione giovanile unita a una crisi economica che soffoca l’imprenditoria nazionale, necessitano di risposte improcrastinabili che, ormai, nei politici salotti televisivi rischiano di restare lettera morta.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Giorgio Napolitano eletto Presidente della Repubblica 2013, ora tocca al premier: Amato favorito

Risultato elezioni 2013, vince l’ingovernabilità

Spread cos’è? BTP bund cosa sono? Garanzie conti sui correnti, dati e analisi

Ugo Grassi

Foto: wikipedia.it

1 COMMENTO

  1. Senza più fedi (Emilio e consorte), grazie ai Letta (Gianni lo frena, Enrico lo guida e la moglie lo mena!) e allo spettacolo del Santo d’oro (Michele), Silvio è risorto dal bunga bunga…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here