Borse false Prada Piazza Castello, abusivo tenta di sfuggire alla Polizia e sferra due pugni a un agente

Polizia_LocaleLa Polizia Locale ha arrestato un clandestino senegalese di 32 anni per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

 

L’extracomunitario è anche indagato per vendita di merce contraffatta, poiché sorpreso a vendere borse con falso marchio Prada nella piazza del Cannone del Castello Sforzesco.

 

Alla richiesta di documenti di identificazione, il senegalese è fuggito e,  per sottrarsi alla cattura poi avvenuta presso l’Arco della Pace, ha sferrato due pugni nello stomaco a un vigile.

 

Da accertamenti è risultato che il 32enne ha precedenti specifici, ed è la quarta volta che viene identificato.

 

Nell’ambito dei controlli anticontraffazione in zona Sempione sono stati denunciati altri due clandestini senegalesi di 37 e 36 anni, mentre un venditore abusivo bengalese di 42 anni è finito in manette in corso Vittorio Emanuele per inottemperanza a un decreto di espulsione emesso dalla Questura di Milano.

 

Milano non può essere trasformata in un suk – spiega il vicesindaco e Assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato – . Il decoro va tutelato. Tanto più che il Castello è uno dei biglietti da visita della città.  Questi senegalesi abusivi sono poi molto aggressivi , oltre che tutti clandestini (salgono a 511 quelli fermati da inizio anno). Per sottrarsi alla fuga cercano di gettare scompiglio travolgendo i passanti o reagiscono con violenza. Nei primi 7 mesi dell’anno sono 74 gli episodi di colluttazione che hanno visto coinvolti degli agenti”.

 

“La Polizia Locale – sottolinea De Corato – sta conducendo una dura lotta all’abusivismo e alla contraffazione. Le operazioni di sequestro realizzate in tutto il territorio cittadino nei primi 6 mesi del 2010 sono più di 5.000, seguite da 359 denunce.

 

“I nordafricani vendono la merce falsa per le strade ma si riforniscono in depositi abusivi nascosti, che hanno sede spesso nell’hinterland, nel Bresciano o nella Bergamasca, – spiega il vicesindaco. – Merce che arriva per lo più dalla Cina, spesso via Prato.

 

Una di queste centrali è stata scoperta anche a Milano proprio dai vigili lo scorso aprile,  in via Stephenson, ed è tuttora sotto sequestro a disposizione del magistrato che sta conducendo le indagini.

 

“Al suo interno, sotto sigilli, – conclude De Corato, – ci sono ben 7 milioni di articoli, pelletteria, orologi, portafogli,  materiale elettrico e per computer, giocattoli. Un capannone abusivo esteso su 3.000 metri quadri che era una centrale di stoccaggio della merce contraffatta per diversi negozianti del quartiere Sarpi che poi, come abbiano scoperto in più episodi, riforniscono i senegalesi”.

 

Leggi anche:

Via Stephenson, sequestrato capannone di 3000 metri contenente 1 milione di articoli contraffatti destinati ai negozianti di via Paolo Sarpi

Sequestro Guardia di Finanza Operazione Flash, 10 milioni di pezzi contraffatti o irregolari

Gucci e Louis Vuitton falsi in corso Buenos Aires, multe e arresti per merce taroccata

Furto orologio Montenapoleone Louis Vuitton

Modello si suicida buttandosi dalla finestra prima di sfilare per Versace, si dice per motivi di cuore

Seno XXL modella Sheyla Hershey rischia la vita

Di Redazione
 
 
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here