Festival Follemente tetro Verga, spettacoli e dibattiti in nome dei più fragili, ingresso libero

Logo_Teatro_VergaDa domenica 10 a martedì 12 ottobre, in concomitanza con la Giornata Mondiale della Salute Mentale, torna al teatro Verga di Milano il festival “Follemente”. La manifestazione, giunta alla V edizione, è promossa dall’Associazione Culturale “Il Cielo” e dall’Assessorato alla Salute del Comune.

 

3 serate a ingresso libero che vedranno il palcoscenico del teatro trasformarsi  in un vero e proprio salotto, dove psichiatri, giornalisti e artisti si porranno in prima linea con la loro esperienza per combattere il disagio e l’esclusione sociale.

 

Nell’ambito di talk show e spettacoli si discuterà di malessere psichico, di malattia mentale ma anche di pedofilia e di violenza sulle donne.

 

Gli incontri inizieranno domenica 10 ottobre alle 19, con una tavola rotonda seguita da un “chinese cocktail” dalle 20 alle 21, per poi concludersi con uno spettacolo dalle 21 alle 23.

 

Al disagio psichico, infatti, ci si può avvicinare non solo con un approccio terapeutico.

 

Strenuo sostenitore ne è il direttore artistico del Teatro Verga, Roberto De Simone: “E’ da molti anni – racconta – che accarezzo la follia, teatralmente, che aiuto gli artisti ad affermarsi, attraverso il nostro spazio, riflettendo spesso di quanto la follia illumini la loro mente. Ma quello che, per chi fa spettacolo è sinonimo di dolore, è anche sinonimo di piacere. E quando è dolore, come i problemi riguardanti la salute mentale, spesso la vergogna costruisce il suo muro di silenzio che tutto nasconde sotto un leggero velo di indifferenza dove molti intravedono, ma nessuno vede  perfettamente. ‘Follemente’, con i suoi informali salotti che ospitano personaggi dello spettacolo e della scienza e con eventi teatrali, proiezioni ed esibizioni, cerca di portare sul palco lo Spettacolo della Vita”.

Inoltre, tra gli strumenti più efficaci per il sostegno dei più fragili, ci sono i gruppi di auto-aiuto. Proprio come quelli del Progetto Itaca, la cui esperienza decennale è raccontata in un libretto che sarà presentato domenica “con lo scopo – sottolinea Liana Rosental, responsabile dei gruppi – di far conoscere l’auto-aiuto alle persone con disturbi dell’umore e/o di ansia e di diffonderlo presso gli operatori dei servizi affinché ne riconoscano l’efficacia. Questo consentirebbe ai gruppi strutturati  dell’Associazione di entrare a far parte del sistema di salute mentale della Lombardia. Dieci anni di esperienza ci hanno insegnato che le persone che partecipano ai nostri gruppi, col sostegno dei facilitatori (volontari che hanno sperimentato personalmente il disagio psichico) traggono grande beneficio dall’ascolto, dalla condivisione dei problemi e dallo scambio emotivo e riescono spesso a ritrovare la capacità di relazionarsi con gli altri e ad aumentare il livello di autostima; le testimonianze che verranno lette in teatro ne sono un commovente esempio”.

 

Per informazioni: Teatro Verga, Via Giovanni Verga, 5, telefono 02-33.10.67.49

 

Leggi anche:

La terapia dell’allegria per curare i bambini con patologie psicologiche e fisiche

“Comunicare senza parole”: al via negli ospedali milanesi la sperimentazione di un nuovo approccio per aiutare tutti i pazienti che non possono parlare

LEDHA: Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità

Inaugurata la “Casa di l’abilità”, la prima struttura italiana che ospiterà bambini disabili abbandonati alla nascita e in affido temporaneo

Inaugurata casa del volontariato piazza 25 Aprile, laboratorio sperimentale di formazione ed educazione al volontariato

Emergenza 112, da oggi è attivo un numero unico anche per i non udenti che, sul territorio di Verona, potranno allertare polizia, sanitari, CC e VVFF

Bambini disabili a scuola, ecco i loro diritti quando le ore con l’insegnante di sostegno sono insufficienti

 

Di Redazione
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here