Tensioni No Gelmini Day Università Statale, spray urticante, sputi e spintoni contro poliziotti

Scuola_IstruzioneSi è svolta in mattinata la manifestazione contro i tagli all’istruzione pubblica e la riforma del governo, con un’affluenza stimata dalla Questura di circa 10mila partecipanti.

 

 

 

 

 

Il corteo si è snodato da piazza Cairoli verso il Provveditorato, e vi hanno preso parte anche:

  • i collettivi studenteschi milanesi e della provincia;
  • i precari della scuola;
  • Rete Scuole;
  • i rappresentanti delle universita’ di Pavia e Varese;
  • i rappresentanti dei centri sociali;
  • il candidato sindaco Giuliano Pisapia;
  • i militanti della Bottiglieria Occupata di via Savona.

 

Tra i diversi slogan, anche uno striscione che invocava il “no allo sgombero” del centro sociale Fornace.

 

Momenti di tensione tra studenti e Polizia si sono verificati all’Universita’ Statale di via Festa del Perdono, dove uno spezzone di circa 3mila studenti ha raggiunto l’ateneo staccandosi dal corteo principale, per dar vita a un’assemblea in uno dei chiostri dell’Università, dove oggi si svolgevano regolarmente le lezioni per tutti gli studenti interessati a seguirle.

 

Secondo quanto riportato, i manifestanti hanno tentato di allontanare alcuni agenti con lo spray urticante, finito negli occhi dei poliziotti, con un seguito da sputi e spintoni.

 

Nonostante l’episodio, il corteo principale ha comunque raggiunto il Provveditorato di via Ripamonti, dove i manifestanti hanno dato voce a vari slogan di protesta. 

Di Redazione
 
 
 AGGIORNAMENTO del 8-10-2010 ore 13,32: i due agenti della Digos colpiti agli occhi dallo spray urticante sono stati portati in ospedale per accertamenti. successivamente, lo spezzone del corteo principale  si è rimesso in moto suddividendosi in più gruppi: la gran parte, composta da circa 500 studenti delle scuole superiori, si e’ avviata verso largo Treves, dove ha sede l’assessorato alla Scuola del Comune. I restanti, per lo più rappresentanti dei centri sociali, hanno imboccato via Chiaravalle e sono stati fermati dalle forze dell’ordine all’altezza di piazza Velasca. Qui si e’ verificato il secondo momento di tensione, con una carica di alleggerimento delle forze dell’ordine all’angolo con corso di Porta Romana e il lancio di diversi petardi e fumogeni da parte dei collettivi. I giovani, circa 200, sono poi ripartiti verso via Larga e sono tornati con un furgone all’interno dell’Università Statale, dove il corteo si e’ definitivamente sciolto.
 
 
 
 
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here