Sequestro cani e cavalli Bollate, salvati da Enpa Milano e Polizia Provinciale

sequestro Enpa MilanoL’operazione è stata svolta sabato 25 ottobre 2013 dalle Guardie Zoofile dell’Enpa di Milano, con la collaborazione della Polizia Provinciale di Milano, comando territoriale di Bollate.

 

In base a quanto spiegato, le Guardie Zoofile hanno ricevuto una segnalazione circa le terribili condizioni in cui avrebbero versato alcuni animali detenuti presso una via periferica di Bollate: 2 cavalli e cinque cani, ritrovati dalle Autorità in uno stato igienico-sanitario di massima emergenza.

 

Secondo quanto emerso, i cani, legati alla catena, erano chiusi all’interno di recinti, in uno spazio aperto a ogni tipo di rischio in quanto ingombro di materiale di scarto.  In più, deiezioni ovunque, poca acqua putrida al posto del cibo e ripari assolutamente inadeguati.

 

Ancora più grave la condizione dei due cavalli, trovati immersi non soltanto nei lori escrementi ed urina, ma anche in prossimità di paglia putrefatta, pochissima acqua e scarsa disponibilità di cibo.

 

Il personale preposto ha subito constatato che i due animali, purtroppo, presentano gravi patologie agli zoccoli,  poiché costantemente immersi nel pantano corrosivo.

 

Tale patologia è ancora più grave per il cavallo maschio, al quale è stata riscontrata una crescita abnorme degli zoccoli anteriori, non curati da diversi mesi.

 

Da qui il proliferare di una dolorosa infezione, tale da impedire all’animale qualsiasi movimento.

 

Mentre i cani sono stati sequestrati e hanno trovato accoglienza al canile municipale di competenza, i cavalli sono stati invece affidati alle cure veterinarie dell’Associazione A.S.O.M. (Associazione Salto Oltre il Muro).

 

Gli addetti di Asom hanno caricato entrambi gli animali sul trailer per portarli presso la casa circondariale di Bollate, dove l’associazione opera da anni in varie attività a favore dei detenuti e di altre categorie deboli.

 

Il cavallo maschio, in particolare, dovrà sottoporsi ad un intenso periodo di terapie: la speranza dei veterinari è che, assistito con le dovute cure, l’animale possa tornare ad avere una vita normale.

 

Per raggiungere tale risultato, però, dovrà sottoporsi a terapie che dovranno protrarsi per diversi mesi: la denuncia sporta nei confronti del responsabile di tali maltrattamenti non cambierà le atroci sofferenze patite da chi non ha potuto difendersi da solo.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Cucciolo preso a calci Milano metropolitana piazza Udine, sequestrato ora è al canile, cerca famiglia

Cane lasciato in auto via Stilicone Milano, ragazzo denunciato per maltrattamento

Adozione cani e gatti randagi in tutta Italia su adottiamoli.it, semplice e gratuito, in un click. Info

Cani abbandonati, linee guida per soccorrerli e trattenerli mentre si attendono gli operatori specializzati

Cane sta male a Varazze, salvato per strada con flebo e la collaborazione di una giornalista, una veterinaria, un cameriere, farmacisti e passanti

 

Di Redazione

Foto: http://www.enpamilano.org/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here