243esimo anniversario fondazione corpo Guardia di Finanza, bilancio operazioni 2017

La cerimonia si è svolta nella Piazza d’Armi della Caserma “Cinque Giornate” di Milano, sede del Comando Regionale Lombardia. Di seguito tutti i dati relativi ai primi 5 mesi del 2017

gdf-finanzaguardia-di-finanzaLa Guardia di Finanza di Milano ha festeggiato il 243° Anniversario della sua fondazione.
Il Comandante Interregionale dell’Italia Nord-Occidentale – Generale di Corpo d’Armata, Giuseppe Vicanolo, ha aperto la giornata celebrativa con la deposizione di una corona di alloro alla lapide commemorativa dei Caduti del Corpo, collocata nell’androne di ingresso della caserma “Cinque Giornate”, al fine di rendere omaggio e ricordare tutti coloro che hanno sacrificato la loro vita per la Patria.
Alle ore 10.00 ha avuto inizio la cerimonia commemorativa alla presenza del Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, On. Luigi Casero, delle massime autorità civili e militari del capoluogo lombardo, degli Organismi di Rappresentanza Militare, nonché dei membri dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia.
Nel corso della cerimonia, si è proceduto alla consegna degli Attestati di Pubblica Benemerenza al Merito Civile concessi dal Ministro dell’Interno – On. Marco Minniti, al Vicebrigadiere Villani Francesco e al Finanziere scelto Andrea Cigna per l’esemplare altruismo dimostrato, quando liberi dal servizio, intervenivano in soccorso di un uomo che, caduto accidentalmente in un canale artificiale, veniva trascinato dalla forte corrente, finendo più volte sott’acqua.
Sono state consegnate, inoltre, ricompense d’ordine morale a militari particolarmente distintisi in attività di servizio.
Nel suo intervento di saluto a tutti i convenuti, il Generale di Corpo d’Armata, Giuseppe Vicanolo, ha evidenziato il peculiare ruolo che oggi riveste la Guardia di Finanza nel panorama istituzionale, sia a livello nazionale che locale. Il Corpo, infatti, è una moderna forza di polizia economico-finanziaria la cui missione istituzionale non si esaurisce solo nella tutela degli interessi erariali, ma si estrinseca attraverso una penetrante ed efficace azione volta a contrastare, tra gli altri, l’infiltrazione della criminalità nell’economia legale, il pernicioso fenomeno della corruzione e lo sperpero di risorse pubbliche.
Per l’occasione, è stato effettuato un primo bilancio sulle attività svolte dalle Fiamme Gialle lombarde che, nei primi 5 mesi hanno:
– eseguito oltre 37.000. interventi, distribuiti nelle 2 missioni fondamentali di polizia economica (7%) e di polizia finanziaria (93%);
– concluso su tutto il territorio lombardo 2.914 deleghe d’indagine pervenute dalla magistratura ordinaria e dalla Corte dei Conti a fronte delle 3.396 ricevute;
– avviato penetranti azioni di contrasto ai grandi traffici illeciti e concorso al dispositivo di ordine e sicurezza pubblica nazionale.

LOTTA ALLE FRODI FISCALI E ALL’ECONOMIA SOMMERSA E AL GIOCO ILLEGALE
Contro l’evasione e le frodi fiscali, anche di tipo organizzato, sono state concluse 632 indagini di polizia giudiziaria, a cui si sommano 3.103 fra verifiche, controlli ed altri interventi a tutela del complesso degli interessi erariali comunitari, nazionali e locali.
– In questo ambito, rientrano anche 405 controlli per la ricostruzione della posizione reddituale e patrimoniale a richiesta di altre Autorità.
– Questi servizi si sono basati su una selezione preventiva e mirata degli obiettivi, supportata dal ricorso alle oltre 40 banche dati e applicativi disponibili, dall’intelligence e dal controllo economico del territorio.
– Denunciati 637 soggetti (di cui 13 tratti in arresto) per reati fiscali quali, a titolo esemplificativo, la presentazione di dichiarazione fraudolenta e infedele, l’omessa dichiarazione dei redditi, l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, l’occultamento/distruzione di documenti contabili.
– In tale ambito sono state individuate 93 frodi all’I.V.A. e 47 casi di evasione internazionale, per la maggior parte riferibili a fenomeni di fittizia residenza all’estero di persone e società, 8 casi di evasione immobiliare, in particolare nel settore delle cessioni/acquisti di immobili per importi diversi da quelli dichiarati, nonché la scoperta di 323 evasori totali, cioè soggetti che pur svolgendo attività produttive di reddito sono risultati completamente sconosciuti al fisco.
– 163 datori di lavoro sono risultati aver impiegato 293 lavoratori “in nero” e 193 lavoratori irregolari.
– Sequestrate disponibilità patrimoniali e finanziarie, per il recupero delle imposte evase nei riguardi di responsabili di frodi fiscali per oltre 39,7 milioni di euro ed avanzate proposte di sequestro per 243 milioni.
– Circa 25.885 interventi condotti nell’ambito del controllo economico del territorio. Tra questi, si segnalano, in particolare, quelli svolti in materia di controlli strumentali (18.321), trasporto merci su strada (5.834 di cui 1.206 nel settore della circolazione dei prodotti sottoposti ad accise) nonché in materia di indici di capacità contributiva (691).
– Effettuati 137 interventi nel campo delle imposte sulla produzione dei consumi (prodotti energetici ed alcoli) con il sequestro di 2.913 kg di prodotti energetici.
– Su 30 interventi effettuati presso sale giochi e centri scommesse, riscontrate irregolarità nel 53% dei casi. Verbalizzati 57 soggetti e sequestrati 14 postazioni di raccolta di scommesse clandestine.

CONTRASTO ALLE TRUFFE SUI FONDI PUBBLICI E ALL’ILLEGALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
– Scoperti casi di illegittima percezione o richiesta di finanziamenti pubblici, comunitari e nazionali, per 1,2 milioni di euro, con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 12 soggetti.
– Individuate truffe nel settore previdenziale e al Sistema Sanitario Nazionale per circa 560 mila euro, con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 239 soggetti.
– Nell’ambito di 25 accertamenti svolti su delega della Corte dei Conti, segnalati sprechi o irregolari gestioni di fondi pubblici che hanno cagionato danni patrimoniali allo Stato per oltre 28 milioni di euro e segnalato alla magistratura contabile 28 soggetti per connesse ipotesi di responsabilità erariale.
– A seguito delle 122 indagini e dei 40 interventi conclusi nei primi 5 mesi del 2017 per reati ed altri illeciti contro la Pubblica Amministrazione, denunciati 130 soggetti (per abuso d’ufficio, peculato, corruzione e concussione), di cui 9 tratti in arresto.
– Individuati appalti pubblici irregolari per circa 35 milioni, con la denuncia di 42 soggetti.
– Effettuati 284 controlli volti a verificare la sussistenza dei requisiti di legge previsti per l’erogazione di prestazioni sociali agevolate e per l’esenzione di ticket sanitari con percentuali di irregolarità pari al 60% dei casi e un danno complessivo cagionato allo Stato di circa 140 mila euro.

CONTRASTO ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA ED ALLA CRIMINALITÀ ECONOMICO-FINANZIARIA
– Svolti 61 accertamenti economico-patrimoniali, nei confronti di soggetti contemplati dalla normativa antimafia che hanno riguardato complessivamente 211 persone fisiche e 23 società.
– Eseguiti provvedimenti di sequestro ai sensi della normativa antimafia per un valore complessivo di circa 29 milioni di euro e confische, per un valore complessivo di oltre 17 milioni di euro.
– In materia di riciclaggio sono stati svolti 61 interventi che hanno portato alla denuncia di 90 soggetti, di cui 7 in stato di arresto.
2.024 sono state le segnalazioni per operazioni sospette approfondite dai reparti sul territorio appositamente delegati.
– Nelle azioni di contrasto all’usura, denunciati 14 soggetti, con il sequestro di patrimoni e disponibilità finanziarie per 240 mila euro.
– Nelle indagini svolte nei settori dei reati societari, fallimentari, bancari, finanziari e di borsa sono stati denunciati 198 soggetti, di cui 19 tratti in arresto, nonché sequestrati 81 milioni di euro ai responsabili di distrazioni patrimoniali in danno di società fallite.
1.893 sono stati i controlli svolti ai valichi di confine, presso gli aeroporti, in entrata e/o uscita dal territorio nazionale, ai fini della verifica del rispetto delle norme sulla circolazione transfrontaliera di valuta, che hanno permesso di individuare oltre 1.200 soggetti trovati in possesso di valuta in eccedenza, rispetto al limite consentito, nonché intercettare valori al seguito per oltre 25 milioni di euro. 5

CONTRASTO AI TRAFFICI ILLECITI
– Sequestrati 2.000 kg di droga a carico di 389 soggetti denunciati, di cui 126 arrestati.
– Effettuati 212 interventi contro le frodi doganali ed il traffico di contrabbando, e sequestrati oltre 3.000 kg di tabacchi lavorati esteri e 55 mezzi utilizzati per il trasporto e l’occultamento della merce, con la denuncia di 79 persone.
3.375 sono stati i controlli sulla regolarità del commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione (C.I.T.E.S.).
– Eseguiti 314 interventi e denunciate all’Autorità Giudiziaria 317 persone, per reati in tema di contraffazione.
Sequestrati oltre 1,7 milioni di prodotti illegali, perché contraffatti, piratati, pericolosi o recanti falsa o fallace indicazione di origine o provenienza.
– Nell’attività di contrasto al falso monetario sono stati proposti per il sequestro beni per oltre 2 milioni di euro, frutto dell’attività illecita. Verbalizzati 299 soggetti.

LE OPERAZIONI DI SOCCORSO E IL CONCORSO NEI SERVIZI DI ORDINE E SICUREZZA PUBBLICA
La Guardia Finanza non è solo Polizia economico-finanziaria. Con i suoi “baschi verdi”, con gli specialisti del soccorso alpino e con la componente aeronavale concorre quotidianamente alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.
– Nell’ambito del settore dell’ordine pubblico (pubbliche manifestazioni, eventi sportivi, consessi internazionali, impegni locali, ecc) i baschi verdi lombardi hanno concorso per 7.768 giornate/uomo.
– Le attività di soccorso vengono svolte dagli specialisti del Soccorso Alpino e del Servizio Aeronavale che esplicano le loro attività sia sui laghi che in montagna. Nel corso dei primi 5 mesi del 2017, i militari del Soccorso Alpino hanno effettuato 213 interventi portando in salvo 176 persone.
– Le azioni di servizio, in relazione alla difficoltà dell’intervento, vengono effettate o dalle singole unità operative o in forma sinergica con il supporto delle unità aeree. L’intervento del mezzo aereo in montagna risulta fondamentale in quanto non solo permette di individuare il luogo dell’incidente ma consente di raggiungerlo nel più breve tempo possibile. Gli specialisti del servizio aereo sono intervenuti in 18 operazioni di salvataggio. Gli interventi di soccorso effettuati dalle Unità Navali sui laghi lombardi sono stati 28 mentre le persone salvate sono state 14.
– I militari in forza presso le stazioni SAGF lombarde hanno concorso, altresì, alle operazioni di soccorso in occasione dei recenti eventi sismici e meteorologici che hanno interessato il territorio del centro Italia.
– I Reparti Aeronavali, inoltre, collaborano costantemente con la componente territoriale scambiandosi informazioni ed eseguendo interventi congiunti che hanno consentito di constatare l’evasione di canoni demaniali per circa 2,7 milioni di euro.
– Non meno importante sono state le attività di prevenzione e repressione degli illeciti in materia ambientale che hanno permesso di sequestrare oltre 1,8 milioni di quintali di rifiuti industriali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here