Arresto spacciatori Milano, cittadini segnalano al Commissariato Quarto Oggiaro

Applauso dei cittadini della zona, scesi in strada in elevato numero per complimentarsi per l’operato della Polizia di Stato

L’area verde tra le vie Mambretti e Fabrizi, oltre alle strade limitrofe, è da tempo al centro dei servizi di controllo da parte del Commissariato Quarto Oggiaro della Questura di Milano poiché, specie nelle ore pomeridiane e serali, risulta teatro di fenomeni di spaccio, determinati dalla presenza di diversi cittadini stranieri, in particolare nordafricani, gambiani e nigeriani.
Particolarmente frequenti sono i controlli a loro carico da parte di questi equipaggi adibiti al controllo del territorio, oltre a quelli effettuati nel corso dei settimanali controlli straordinari con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia e talvolta di cani antidroga.
L’area in oggetto è stata scelta, in queste settimane, dal Comitato “Milano Sicura” zona 8 per svolgere presìdi con attivisti – debitamente vigilati dalle Forze dell’Ordine – volti a sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi della zona e per raccolta firme dei residenti. I residenti della zona, oltre al citato Comitato, lamentano un crescente disagio per la presenza continua di stranieri con particolare riferimento ad attività di spaccio e di degrado generale nell’area verde in questione, oltre all’attigua via Aldini.
Giovedì sera gli agenti del Commissariato “Quarto Oggiaro”, a seguito di accurati servizi di appostamento, hanno proceduto all’arresto facoltativo in flagranza di reato per art. 73 DPR 309/90 in concorso sei seguenti soggetti:
– un uomo nato in Senegal il 15.07.1977, già destinatario di provvedimento di espulsione emesso dalla Questura di Milano;
– un uomo nato in Gambia il 06.08.1998, già richiedente asilo politico;
– un uomo nato in Gambia il 01.01.1999, già richiedente asilo politico;
– un uomo nato in Gambia il 10.04.1999, già richiedente asilo politico.
Costoro, secondo la Questura di Milano, erano molto attivi nello spaccio al dettaglio di sostanze stupefacenti, rifornendo numerosissimi clienti, perlopiù di nazionalità italiana, come dimostrato dalle numerose immagini che, durante i servizi di appostamento, li hanno ritratti nella predetta illecita attività. Gli stessi, vistisi scoperti, hanno tentato una inutile fuga a piedi lungo le vie limitrofe, prontamente bloccati però dal personale di polizia.
Verifiche condotte nell’area verde hanno consentito il rinvenimento e sequestro di numerosi dosi di hashish e marijuana occultate tra gli arbusti, tra le siepi e nelle immediate vicinanze dei giochi del parco riservati ai bambini.
L’attività di polizia giudiziaria, supportata in una seconda fase da un’unità cinofila e da poliziotti con vetture con colori di Istituto che hanno provveduto ad identificare una quindicina di altre persone, ha suscitato il plauso dei cittadini della zona, scesi in strada in elevato numero per complimentarsi per l’operato della Polizia di Stato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here