Donne e aziende Milano, progetto Un Fiocco in Azienda e imprese aderenti

PREMESSA – Il binomio “donne e aziende” è estremamente controverso in Italia. Il 2008 infatti ha visto l’abbandono del lavoro da parte del:

 

 


  • 20% delle madri in Italia;
  • 9% circa in Lombardia.

 

CONFRONTO CON L’EUROPA – Il confronto con l’Europa è lampante, poiché si presenta un tasso di occupazione medio delle madri del:

  • 71,3% con un figlio;
  • 69,2% con due figli.

 

UN FIOCCO IN AZIENDA

  • In tale contesto si colloca il progettoUn Fiocco in Azienda, che mette in campo una collaborazione con 22 grandi aziende del sistema produttivo milanese e lombardo, per creare un clima positivo nel rapporto tra azienda e neomamma.
  • L’obiettivo è quello di favorire l’individuazione condivisa dei tempi di lavoro, creando occasioni di formazione e una flessibilità lavorativa che non  penalizzi  le  donne che non vogliono rinunciare alla proprio professionalità.

 

L’ADESIONE DEL COMUNE DI MILANO – “Incentivare la natalità e restituire serenità alle donne che lavorano è un impegno in cui Milano crede fermamente – ha detto il Sindaco Letizia Moratti. – E’ un impegno che continueremo a portare avanti in modo condiviso con tutte le realtà coinvolte”.

 

IL PERCORSO –. Il tutto comincia quando la dipendente annuncia la sua maternità in azienda, fornendo l’opportunità di fare, lei e anche il coniuge, un percorso di informazione sanitaria e psicologica attraverso le psicologhe dell’associazione “La Casa Rosa”, al fine di abbassare il rischio di depressione post partum e per accostarsi alla genitorialità con animo sereno.

  • In tale contesto verranno anche fornite informazioni su tutte le procedure burocratiche, creando:
  • un percorso informativo e formativo che permetta alla futura mamma di sentirsi, grazie alle moderne tecnologie, ugualmente  partecipe della vita aziendale anche nei mesi della gestazione;
  • Al rientro dalla maternità la neo-mamma potrà affrontare un colloquio di orientamento per l’ottimale reinserimento.
  • La mamma, nel periodo facoltativo, per personali esigenze economiche potrà anche chiedere all’azienda di integrare il contributo Inps del 30% con un 20%, che le verrà scalato al rientro al lavoro.

 

VANTAGGI PER LE AZIENDE – Si tratta di un percorso virtuoso che tutte le aziende possono adottare senza particolari costi economici, poiché sono necessari solo grande apertura mentale e culturale. E i vantaggi  sono indubbi:

  • un notevole miglioramento del clima interno;
  • maggiore produttività;
  • una visibilità positiva all’esterno anche grazie alla promozione fatta da Manageritalia e dalle Istituzioni coinvolte.

 

IL COMMENTO DELL’ASESSORE MARIOLINA MOIOLI – “Il dato secondo cui un terzo delle donne non rientra al lavoro dopo la maternità è causato da un concorso di fattori ed è nostro dovere intervenire dove possiamo, – ha commentato l’assessore alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali Mariolina Moioli. – L’iniziativa un Fiocco in azienda è un ottimo esempio di collaborazione tra le istituzioni e i privati in favore del benessere delle famiglie.. Milano può essere considerata la città pilota per la promozione del benessere della donna nella famiglia, grazie a tutti i suoi servizi, tra cui primeggiano gli asili nido e le scuole per l’infanzia”. “Sono molto orgogliosa che il Comune di Milano non sia solo promotore, ma che  abbia anche aderito al progetto Un Fiocco in Azienda secondo le indicazioni del Comitato Pari Opportunità” ha concluso l’assessore Moioli.

 

IL COMMENTO DELLA VICEPRESIDENTE DI MANAGERITALIA MILANO – “Oggi per Un Fiocco in Azienda è un giorno importante – dichiara Marisa Montegiove, vicepresidente Manageritalia Milano e Responsabile Gruppo Donne Manager, – perché a pochi mesi dal lancio abbiamo 22 aziende, anche piccole medie imprese, che hanno aderito e utilizzato il percorso e qualche centinaio che ci hanno contattato per avere informazioni e tante sono prossime ad aderire. A questo si aggiunge che il forte sostegno avuto sin da subito dal Sindaco, dall’Assessorato alla Salute del Comune di Milano e dall’Assessorato alla Famiglia, Scuola e Politiche Sociali si rafforza con i riconoscimenti che Letizia Moratti consegna personalmente alle 22 aziende. Primi riscontri molto positivi vengono dalle aziende e delle madri che hanno intrapreso il percorso confermando che riesce a migliorare, anche in imprese già di per sé virtuose, la gestione di questo importante momento consentendo alle donne di vivere ancor più serenamente la gioia della maternità sentendosi e facendosi sentire dall’azienda sempre a bordo”.

 

AZIENDE ADERENTI AL PROGETTO – Le aziende che hanno già aderito all’iniziativa sono le seguenti:

  • ASSIDIR SRL;
  • ASSINGEST SRL;
  • AZIENDA OSPEDALIERA SAN CARLO BORROMEO;
  • BeM SERVICE CENTER;
  • BEST WESTERN ITALIA;
  • C.I.S. S.R.L.;
  • COMUNE DI MILANO;
  • EDENRED ITALIA SRL; GiGROUP SPA;
  • GP INSURANCE SOLUTIONS SRL;
  • GPA SPA;
  • GPA WIDE GROUP SRL;
  • HEWLETT PACKARD ITALIANA SRL;
  • MANAGERITALIA;
  • MC DONALD’S DEVELOPMENT ITALY INC;
  • MEDIAMARKET SPA;
  • MICROSOFT SPA;
  • NOVO NORDISK SPA;
  • PRECABRUMMEL SPA;
  • STMICROELETRONICS;
  • ZETASERVICE SRL.

 

INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni chiamare lo 02.02.02

 

Leggi anche:

Bonus bebè confermati nuovi fondi, requisiti per avere 500 euro mensili

Sovvenzioni mamme Bonus Bebè 500 euro mese e Progetto Cicogna 300 euro mese

baby pit stop, arrivano le aree per allattamento dentro negozi e uffici e nasce un concorso per gli studenti di Architettura, Ingegneria e Design

Fatebenefratelli, analisi sangue in pomeriggio, bambini sotto i 14 anni gratis e fino ai 17 si paga al ritiro

Clinica Macedonio Melloni, varato “Il primo vagito via Skype”

Validità di un anno alle ricette per esami medici ed estensione bollino verde agli specialisti delle strutture private

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here