Indagine Rom Milano, spose bambine a 13 anni, il primo aborto entro i 14, con una media di 3,8 per donna rispetto al campione visitato dai volontari

I dati emergono da una ricerca condotta dai volontari dell’ambulatorio medico del Naga, l’associazione impegnata nella missione di soccorrere ed orientare gli stranieri irregolari, svolgendo in un anno oltre 15mila visite a stranieri senza permesso di soggiorno provenienti da ogni angolo del mondo, dall’Egitto al Perù, dallo Sri Lanka all’Ucraina, dal Brasile alle Filippine, dal Senegal alla Cina. In questo modo l’ambulatorio, grazie al contatto quotidiano con i cittadini stranieri, diventa un punto di osservazione privilegiato delle condizioni di vita e di salute dei cittadini stranieri e, purtroppo, anche delle violazioni dei loro diritti fondamentali.

 

L’INDAGINE CONDOTTA SUI ROM DI MILANO – In questo senso, l’associazione ha condotto un’indagine pubblicata sulla rivista ‘Epidemiologia & Prevenzione’, presentato a Milano e condotto su un gruppo di 1.142 rom, per il 96% romeni, visitati dai medici dell’associazione da gennaio 2009 a dicembre 2010, in 14 aree della metropoli lombarda.

  • In totale, il numero indagato dai camici bianchi del Naga equivale al 54% dei rom presenti e censiti a Milano secondo quanto dichiarato a ottobre 2008 (2.128 rom). In merito, tuttavia, il presidente del Naga Pietro Massarotto, precisa “crediamo che questo numero sia sottostimato e che in realta’ i rom che vivono a Milano siano circa 5 mila”.

 

LE SPOSE BAMBINE – Shockanti i dati riguardanti le donne, dove per “donne” si intendono le bambine anche di soli 13 anni:

  • l’83% delle persone over 12 visitate dai medici è già sposata o convivente;
  • solo il 15% è ancora single;
  • solo l’8% delle over 14 usa sistemi contraccettivi, e tale dato si lega anche all’alto tasso di aborti, in quanto il 32% delle over 14 visitate ha già subito almeno un aborto, con una media di 3,8 aborti per donna;

 

L’EMERGENZA FUMATORI – L’emergenza e’ sanitaria prima di tutto, ma coinvolge anche aspetti come la prevenzione, l’educazione sessuale e gli stili di vita. Sul totale dei rom visitati, c’e’ una percentuale di fumatori da record: il 53% delle donne e il 59% degli uomini.

  • I tabagisti incalliti – quelli da piu’ di 20 sigarette al giorno – sono il 17% (il 22% degli uomini e il 12% delle donne). Mentre sono esattamente la meta’ del totale quelli che viaggiano fra le 11 e le 20 ‘bionde’.

 

IL TASSO DI SCOLARIZZAZIONE E IMPIEGO LAVORATIVO – Le persone dai 6 ai 75 anni hanno fatto in media 5 anni di scuola:

  • il 25,9% di chi non e’ mai entrato in un istituto scolastico;
  • l’82% di under 14 presenta in media 3,5 anni di scolarità all’attivo,
  • il 16% degli over 13 dichiara di avere un lavoro (muratore, operaio, addetto alle pulizie, magazziniere, eccetera).
  • fra le donne quest’ultima percentuale scende al 5%.

 

CONDIZIONI IGIENICO-SANITARIE – Gli esperti del Naga dichiarano di non aver riscontrato differenze fra il campo autorizzato al Triboniano (dove i rom vivono in container) e quelli irregolari, in termini di condizioni di salute di chi vi abita.

  • Le condizioni di vita sono contraddistinte da alloggi quali container e baracche improvvisate, dove nessuno ritira la spazzatura e, per i campi abusivi, dove non arriva l’acqua potabile;
  • le condizioni igienico sanitarie “sono pessime, al di sotto della media italiana ed europea”;
  • “Il 21% delle diagnosi totali rientra nella macroarea delle malattie respiratorie (come le infezioni delle alte vie e otorinolaringoiatriche che rappresentano da sole il 52% delle diagnosi di quest’area)”;
  • seguono, in termini di frequenza, i disturbi ortopedico-reumatologico-traumatologici (il 12,6%), in particolare i dolori osteomuscolari localizzati alla colonna vertebrale (68% delle diagnosi di quest’area);
  • molto diffuse le malattie gastroenteriche (10%), dove si raggruppano i disturbi gastroenterici di tipo infettivo (16% delle diagnosi di quest’area) e i dolori addominali compatibili con il sospetto di malattia peptica (52%);
  • l’8% delle diagnosi riguarda invece disturbi dell’area odontoiatrica (carie, gengiviti, eccetera), il 6% malattie della cute, il 4% infezioni delle vie urinarie;
  • le diagnosi che riguardano invece gli under 14 sono in maggioranza di malattie respiratorie: 47% del totale nei bimbi fino a 5 anni e 36% dai 6 ai 14 anni. Seguono le malattie gastroenteriche che sono l’8% delle diagnosi fatte a under 14.

 

INFORMAZIONI – Per informazioni sull’Ambulatorio Medico Naga:

  • via Lazzaro Zamenhof 7,  in zona Navigli.
  • orari: da lunedì a venerdì dalle 8,30 e dalle 14,00. Il mercoledì è aperto anche dalle 20 alle 21.30.
  • Telefono: 02 58102599
  • Per le visite non è necessario l’appuntamento tra che per:
  • visite specialistiche di ginecologia
  • visite specialistiche di psichiatria
  • visite specialistiche di ortopedia
  • visite specialistiche di psicologia
  • ecografie
  • Tutte le altre visite non richiedono appuntamento.

 

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. siamo in italia e nulla mi sorprende piu’ facciamo entrare cani e porci e poi non ne abbiamo neache per noi non assicuriamo neanche il minimo per vivere decentemente ma vogliamo essere altruisti se no passiamo per razzisti.e’ una vergognaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here