Mostra “Il cibo come gioco artistico” Castello visconteo Somma Lombardo,15 – 27 settembre 2015, le opere de “I Pitturatori” di Anffas Ticino con i Piccaia

I pitturatori all'umanitaria 2015La pittura degli artisti dilettanti, insicuri nella manualità e nella comunicazione col mondo, nasce dal cuore. I ragazzi e le ragazze diversamente abili dell’Atelier Espressivo Anfass Ticino di Somma Lombardo (associazione di famiglie di disabili intellettivi e relazionali, riuniti nel gruppo dei “Pitturatori”), ispirati dai temi dell’Expo hanno dipinto soggetti vari tratti dagli alimenti. Col patrocinio di Expo e del comune di Somma Lombardo, “Il cibo come gioco artistico” presenta opere di artisti di ogni età, guidati dalla coordinatrice Viviana Innocente e dall’artista Giorgio Piccaia, esposte dal 15 al 27 settembre al Castello visconteo di San Vito, via Scipione 2, a Somma Lombardo, dopo essere state visibili a giugno presso la Società Umanitaria di Milano.

 

IL CIBO COME GIOCO ARTISTICO” – Il titolo dell’esposizione, “Il cibo come gioco artistico”, e l’ispirazione alla base, giungono direttamente dalla matrice di Expo 2015, che vede al proprio centro il grande dibattito su come assicurare un’alimentazione sana e di qualità a tutti gli esseri umani, eliminando la fame, la sete, la mortalità infantile e la malnutrizione che colpiscono oggi 850 milioni di persone.

 

SIAMO TUTTI ABILI, DIVERSAMENTE, IN QUALCOSA – Nelle opere vanno di pari passo abilità, genialità ed eccellenza: nel genio, infatti, non vi è mai normalità. In questo senso, forse non tutti sanno che Francisco Goya fu affetto da un’encefalopatia; Edward Munch (l’immortale autore dell’Urlo) pare soffrisse di una sindrome schizoide; vagavano tra psiche e sogni i maestri del Surrealismo e i nichilisti del Dadaismo. Genio e anomalia, dunque, a volte si associano, come spiegato anche dalla  coscienza universale di Steiner e, in psichiatria, dalle tavole di Rorschach.

 

L’ARTE FIGURATIVA E L’AUTOSTIMA – L’arte figurativa è spesso traguardo di evoluzioni interiori che raggiungono vette altissime allorché non sono la mente, la tecnica o la cultura a diventare segno e colore, ma è il Sé più profondo, che fa emergere nell’immagine le sue più sottili vibrazioni creative; per raggiungere una sorta di liberazione, o soltanto per attivare un poco di sollievo e autostima.

– Per chi soffre di disabilità psichica e relazionale, quindi, dipingere diventa un vero e proprio percorso emotivo, che significa affrontare la battaglia contro le difficoltà della propria esistenza.

 

EMOZIONI E GIOIA DAL PROFONDO DEL CUORE – Per coloro che danno una mano in tale delicato e affascinante cammino (Viviana Innocente e Giorgio Piccaia) c’è sempre  più gioia di quanta ne ricevano i ragazzi che impugnano un pennello per la prima volta. “Quindi attenzione e rispetto per il dipinto o il disegno nato dai lampi misteriosi della genialità istintiva, anche se contraddistinti da tratti imprevedibili e irrazionali”, ha detto Angelo Nuzzo, responsabile dei Servizi di Anfass Ticino.

– “È un onore per me e mio padre Matteo – ci dice Giorgio Piccaia – esporre le nostre opere con I Pitturatori al Castello di Somma”.

 

LE OPERE IN MOSTRA – La mostra presenta i lavori della serie #Tobeornotobe di Giorgio Piccaia, che tanto successo hanno riscosso nell’esposizione alla Fondazione L’Arsenale di Iseo, e del maestro Matteo Piccaia, decano degli artisti della provincia di Varese, che presenta tele con soggetti astratti.

– Insieme con loro, le creazioni dei “Pitturatori”, pronti a riempire il cuore di emozioni, in nome di un valore uguale per tutti: l’arte.

 

I Pitturatori e I Piccaia “Il cibo come gioco artistico”

– Castello Visconteo di Somma Lombardo

– dal 15 al 27 settembre 2015

– inaugurazione 18 settembre ore 11,00

– La mostra è patrocinata da EXPO 2015, Comune di Somma Lombardo, Fondazione Visconti di San Vito e Società Umanitaria.

– Ingresso libero e gratuito

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– il nostro staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

PUBBLICITA’ A PARTIRE DA 10 EURO  – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, ad eventi, mostre o spettacoli, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie.

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here