Mostra Raffaello Palazzo Marino Milano 28 novembre 2013 – 12 gennaio 2014, orari, info, ingresso gratis

Madonna Di FolignoSi è svolta a Palazzo Marino, presso la Sala dell’Orologio, la presentazione della nuova esposizione accolta nella prestigiosa Sala Alessi del Comune di Milano: “La Madonna di Foligno”, immortale opera dell’artista Raffaello Sanzio, datata 1504. L’inaugurazione è avvenuta a cospetto  del Sindaco Giuliano Pisapia e dell’Amministratore Delegato Eni, Paolo Scaroni, nonché di Antonio Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani, Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura per il Comune di Milano, e le curatrici della mostra Valeria Merlini e Daniela Storti.

 

Sia Pisapia che Scaroni, come gli altri correlatori del resto, hanno sottolineato l’importanza della nuova mostra ad ingresso gratuito, successiva all’esposizione dell’opera “Amore e Psiche” che, nello stesso periodo del 2012, ha riscosso un successo notevole in termini di visite, per il piacere di milanesi e turisti sopraggiunti da tutto il mondo per ammirarla. Questo, inoltre, è il sesto anno consecutivo in cui Eni e il Comune di Milano promuovono in collaborazione iniziative culturali di ampio respiro, grazie anche al prezioso, fondamentale partenariato dei Musei Vaticani.

 

RAFFAELLO: LA VITA E LE OPERE –  Nato ad Urbino nel 1483, Raffaello Sanzio ebbe modo, nel corso della gioventù, di formarsi artisticamente presso la bottega di un altro illustre maestro del Rinascimento: il Perugino.

– Dopo il soggiorno a Città di Castello, dove realizzò le due celebri opere “Crocifissione Gavari” e “Sposalizio della Vergine” (questo esposto attualmente alla Pinacoteca di Brera, a Milano), il suo nome divenne noto in tutta l’Umbria e molti furono i lavori commissionatigli all’interno della stessa regione.

Del periodo fiorentino va ricordata la “Madonna del Carmellino”; seguirono poi numerose commissioni, oltre che dall’Umbria, oltre che dalle Marche.

– Il periodo fondamentale dell’artista coincise col suo arrivo a Roma. Chiamato dal Pontefice Giulio II su suggerimento di Bramante, vi si distinse anche come architetto, per i lavori della Basilica di San Pietro, eseguiti sulla base dei principi enunciati da Vitruvio nell’opera “De architectura”.

– L’ultima grande opera del periodo romano fu la “Trasfigurazione”, realizzata per il cardinale Giulio De’ Medici per la cattedrale di Narbona.

Raffaello morì all’età di soli 37 anni a Roma, ove fu sepolto il 6 aprile 1520.

 

MADONNA DI FOLIGNO – Fu commissionata all’artista tra il biennio 1511-1512 da Sigismondo de’Conti, segretario del Pontefice Giulio II.

– Si tratta della prima pala d’altare romana realizzata da Raffaello: inizialmente destinata alla Basilica di Santa Maria in Aracoeli, fu poi trasferita alla chiesa di Sant’Anna a Foligno.

– L’opera, che ha contribuito maggiormente a consacrarlo agli occhi del pubblico come grande artista, è ispirata a una storia denominata ‘Legenda Aurea’: la Vergine e il suo Bambino sarebbero apparsi all’imperatore Augusto, davanti al disco solare, circondati da tanti angeli alle spalle. Augusto li avrebbe quindi consacrati riconoscendone la grandezza spirituale.

– Nello straordinario dipinto sono rappresentati, come spettatori della sacra visione, San Giovanni Battista, San Francesco d’Assisi, il committente e San Girolamo, considerato quest’ultimo come primo segretario pontificio.

– L’opera è volta a rappresentare l’armonia celeste derivante dalle figure della Vergine e del Bambino, una vera e propria espressione formale dell'”invisibile”, oltre l’annuncio alla Roma pagana e l’incarnazione di Cristo.

– Sullo sfondo si può anche intravedere un corpo infuocato che sta per cadere su una casa: il riferimento è a un fatto realmente accaduto, quando un fulmine, pur colpendo la casa di Sigismondo de’ Conti, a Foligno, non recò danni alla stessa e nemmeno all’incolumità del suo proprietario. Lo stesso de’Conti interpretò quanto accaduto come un miracolo.

– Infine, sempre sullo sfondo, è possibile contemporaneamente notare anche un arcobaleno, dai  colori poco definiti.

 

SALA D’ESPOSIZIONE E COMMENTO MUSICALE – Per l’allestimento dell’opera è stata scelta la Sala Alessi,  unica ritenuta in grado di esaltare la grandiosità della rappresentazione del Raffaello.

– Ad accompagnare la mostra, le suggestive musiche di:

Magister Perotinus: “Beata Viscera”

Giovanni Gabrieli: “Exaudi me Domine”

Gustav Mahler: da “Rucker – Lieder : Ich bin der Welt abhanden gekommen”

Richard Strauss: “Der Abend”

Maurice Ravel: da “Trois chansons pour choeur mixte: “Trois beaux oiseaux du paradis”

Gyorgy Ligeti: “Lux Aeterna per 16 voci”

Peter Maxwell Davies: “Lullabye for Lucy”

 

RAFFAELLO A MILANO – “LA MADONNA DI FOLIGNO”

– ingresso gratuito

 

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO:

– Palazzo Marino, presso Sala Alessi

– Piazza della Scala 2, Milano

– da 28 novembre 2013-12 gennaio 2014

– tutti i giorni dalle ore 09:30 alle 20:00 (ultimo ingresso alle ore 19:30)

giovedì dalle ore 09:30 alle 22:30 (ultimo ingresso alle ore 22:00)

 

CHIUSURE ANTICIPATE:

– 7 dicembre , chiusura alle ore 12:00

– 24 e 31 dicembre, chiusura alle ore 18:00

 

APERTURE STRAORDINARIE:

– Aperto i giorni 8 e 25 dicembre 2013 e 1 gennaio 2014

Informazioni al pubblico 24h/24

Numero verde gratuito 800.14.96.17

 

ELENCO COMPLETO MERCATINI DI NATALE – Per l’elenco completo dei mercatini di Natale a Milano, gli orari, gli indirizzi, le descrizioni e tutte le info utili, CLICCA QUI

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Bancarelle “Oh bej! Oh bej!” piazza Castello Milano 5 – 8 dicembre 2013 festa Sant’Ambrogio, tutte le info

Artigiano in Fiera Milano 30 novembre – 8 dicembre 2013, orari, come arrivare, info

Mostra Rodin Milano Palazzo Reale 17 ottobre 2013 – 26 gennaio 2014, orari, info, biglietti anche gratis

Ugo Grassi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here