Prevenzione tumore del fegato con farmaci antipiastrinici, i risultati del nuovo studio del San Raffaele e i nomi dei medici di riferimento

Lo studio è stato condotto dall’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, realizzato in collaborazione con lo Scripps Research Institute di La Jolla in California, grazie a finanziamenti dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC), del Ministero della Salute, dell’European Research Council (ERC), della Giovanni Armenise-Harvard Foundation e del National Institute of Health (NIH) degli Stati Uniti. E’ stato inoltre pubblicato sul Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), una delle più importanti riviste scientifiche internazionali. Lo studio è stato possibile. La scoperta è di massima importanza: una nuova applicazione d’uso per l’aspirina e il clopidogrel, farmaci anti-piastrinici riducono l’insorgenza del tumore del fegato associato a epatite virale cronica.

 

IL TUMORE DEL FEGATO – Prevenire l’insorgenza del carcinoma epatocellulare è un imperativo.

– Sono circa 600 milioni, infatti, secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) gli individui nel mondo affetti da epatiti croniche B e C, cioè quasi il 10% della popolazione mondiale.

– La scarsa efficacia con cui gli attuali approcci chirurgici, radioterapici e/o chemioterapici eliminano il carcinoma epatocellulare conseguente a epatite virale cronica fa sì che siano circa un milione i pazienti affetti da questo tipo di tumore che muoiono ogni anno.

– Ad oggi la prevenzione si basa su farmaci antivirali che si prefiggono di sconfiggere l’infezione e le sue conseguenze: purtroppo molti pazienti non rispondono a queste terapie e ciò rende di grande interesse lo studio di nuove e alternative strategie.

 

COME AVVIENE L’AZIONE DEL VIRUS DELL’EPATITE – HBV e HCV infettano il fegato causando epatiti acute e croniche.

– Mentre per l’epatite B esiste un vaccino alquanto efficace nel prevenire l’infezione (obbligatorio in Italia), un vaccino preventivo non è ancora disponibile per l’infezione da HCV.

– Il contagio dell’epatite B e C avviene principalmente venendo a contatto con sangue di persone infette e il periodo d’incubazione della malattia dura in media da 2 a 4 mesi.

– I sintomi dell’infezione acuta sono vari: nella maggioranza dei casi sono praticamente assenti, mentre nelle forme più gravi chi si ammala soffre di nausea, inappetenza e ittero.

 

LE REAZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO – Il sistema immunitario reagisce all’attacco dei virus dell’epatite B (HBV) o dell’epatite C (HCV) combattendo l’infezione, ma causando anche danni al fegato.

– I virus in realtà non attaccano direttamente l’organo e le sue cellule (che anzi utilizzano per replicarsi): il danno al fegato viene causato da particolari cellule immunitarie che normalmente circolano nel sangue, i linfociti citotossici, che hanno il compito di uccidere le cellule infettate dai virus.

– Durante l’epatite cronica virale, questo “attacco” da parte dei linfociti non è in grado di eliminare i virus, ma è causa di continui cicli di blanda malattia epatica che negli anni portano alla comparsa di serie complicanze, come il tumore del fegato (carcinoma epatocellulare).

– Si parla invece di forme croniche di epatite quando l’infezione da HBV o HCV dura per più di 6 mesi ed è associata a una serie di complicanze come il cancro del fegato che possono impiegare decenni per manifestarsi.

 

LA SCOPERTA: LA RIDUZIONE DELL’INSORGENZA DEL CARCINOMA AL FEGATO – Dopo aver scoperto che le piastrine partecipano attivamente ai processi di danneggiamento del fegato, facilitando l’accumulo di linfociti in quest’organo (Iannacone et al. Nature Medicine 11:1167, 2005), i ricercatori del San Raffaele hanno utilizzato modelli murini di epatite cronica B per valutare l’effetto nel tempo di farmaci anti-piastrinici.

– Si è così dimostrato come la somministrazione orale di aspirina e clopidogrel a basse dosi riduca non solo l’accumulo di linfociti nel fegato e la conseguente patologia epatica ma anche, e soprattutto, l’insorgenza del carcinoma epatocellulare.

– I ricercatori hanno altresì verificato come tale terapia antipiastrinica aumenti significativamente la sopravvivenza degli animali trattati senza provocare effetti secondari indesiderati (come l’instaurarsi di fenomeni emorragici).

 

IL COMMENTO DEL DOTT. LUCA GUIDOTTI, RESPONSABILE DELL’UNITA’ DI IMMUNOPATOLOGIA – “Prevenire l’insorgenza del carcinoma epatocellulare mediante l’uso di anti-piastrinici è un concetto innovativo che identifica le piastrine al centro di una malattia molto complessa” spiega Luca Guidotti, responsabile dell’Unità di Immunopatologia dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano.

– “Il fatto poi che l’aspirina e il clopidogrel siano farmaci generici già approvati per il trattamento di disordini trombotici nell’uomo dovrebbe accelerare studi clinici in pazienti cronicamente infetti da HBV o HCV” conclude Guidotti.

 

IL COMMENTO DEL DOTT. GIOVANNI SITIA, PRIMO AUTORE DELLO STUDIO – “Tali studi potrebbero inizialmente coinvolgere pazienti in cui la malattia epatica non è particolarmente avanzata” dichiara Giovanni Sitia, membro dell’Unità di Immunopatologia e primo autore dello studio “poiché spesso il rischio di sanguinamento in questi pazienti è inferiore al rischio di trombosi”.

 

INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni:

– Fondazione San Raffaele del Monte Tabor,

– via Olgettina 60,

– 20132 Milano,

– telefono 02-26.431

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Emergenza anti-caldo Milano 2012, basta chiamare l’ 800777888 per avere assistenza, pasti domiciliari, buoni spesa, iniziative ricreative e molto altro

Cura leucemia innovativa San Raffaele Milano, nuova tecnologia di immunoterapia cellulare, info e medici

Tumore al seno Milano San Raffaele, servizio telefonico per ottenere visite immediate, dettagli

Malattie rare da accumulo lisosomiale, info, contatti con medici, terapie innovative

Sportello malattie rare Policlinico, telefono, orari, patologie, contatti con i medici

Nuova cura sclerosi multipla San Raffaele Milano, scoperto come modulare la mielinizzazione dei nervi, dettagli e nomi dei professori che hanno condotto lo studio

Tumore al pancreas, nuove terapie San Raffaele Milano, massimi esperti e contatti per i pazienti

Radioterapia innovativa Rapidarc Humanitas, gli entusiasmanti traguardi raggiunti contro il cancro

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here