OLIMPIA EA7 MILANO – ANADOLU EFES ISTANBUL 80 A 75 , BASKET, EUROLEGA

MILANO – I Boston Celtics sono ormai un ricordo in casa Olimpia Milano, ma qualche spunto dalla formazione NBA la banda Scariolo ha saputo tenerlo stretto, facendone tesoro nel primo confronto valido per l’ Eurolega 2012/13. Al Mediolanum Forum di Assago l’ EA7 sfodera una prestazione convincente contro l’ insidiosa formazione turca dell’ Anadolu Efes Istanbul, aggiudicandosi il confronto con il punteggio di 80-75.

 

Il roster biancorosso conquista la prima vittoria nella massima competizione europea dando dimostrazione di essere una squadra in crescita. Meccanismi difensivi quasi assimilati, fase offensiva  micidiale, ma soprattutto precisione al tiro dalla distanza.

 

Il dato più importante, e confortante allo stesso tempo, è la media realizzativa dai 6,75 metri: 15 realizzazioni su 28 tentativi da tre. Leggermente al di sopra del 50%, segno che la formazione meneghina continua il percorso di miglioramento e perfezionamento delle proprie potenzialità.

 

Mattatore della serata per il roster “Armani” è sicuramente Ioannis Bourousis. Il giocatore greco, infatti, ha messo a segno ben 23 punti, dove figurano 2 tiri da tre, cinque tiri liberi, conquistando sette rimbalzi e servendo un assist ai compagni.

 

Anche Keith Langford è stato autore di una prestazione altisonante. Lo statunitense dopo aver saltato il big-match amichevole di domenica contro i Celtics, mette a segno 16 punti, dove risaltano le quattro bombe da tre centrate nell’arco dei 40 minuti. Tutto sommato buona prestazione complessiva dell’EA7, al di là delle individualità.

 

AVVIO IN SORDINA – Per l’esordio europeo nel venerdì sera di Eurolega, Scariolo opta per il quintetto titolare composto da Hairston, Fotsis, Cook, Langford e Bourousis.  Mahmuti risponde con Balbay, Farmar, Vijacic, Erden  e Savanovic. I primi minuti di match non sono tra i più promettenti: Savanovic apre le danze sfruttando una serie di disattenzioni difensive, con principale protagonista un Malik Hairston ancora negli spogliatoi.  Istanbul avanti di sei lunghezze.

 

Bourousis cambia il ritmo dell’ Olimpia siglando due triple e due tiri liberi: pareggio. Il greco e Keith Langford, successivamente, decidono di prendere per mano la squadra facendo cambiare completamente marcia al roster di Scariolo. Milano comincia ad avere in gestione il pallino del gioco, piazzando un parziale di 8-0 firmato Bourousis-Langford. Il tandem “Armani” a suon di bombe da tre, chiude il primo quarto sul punteggio di 18-15.

 

MILANO RISPONDE A FARMAR – L’avvio in sordina del primo quarto mette in guardia l’Olimpia da possibili disattenzioni. Nel secondo periodo i padroni di casa partono forte grazie a Langfrord che sigla da tre alimentando il divario tra le due formazioni. Il roster di Mahmuti, però, non intende mollare un solo centimetro di campo, vendendo cara la pelle.

 

Ecco che ne viene fuori un secondo quarto lottato. Un Farmar incontenibile è la spina nel fianco per il roster di Scariolo. Il giocatore turco ispira la manovra e piazza una serie di canestri in un parziale di 9-0 in favore dell’ Efes Istanbul . Risultato momentaneo ribaltato da Istanbul che conduce 28-27. Milano non ci sta e grazie alla giovane coppia Melli-Gentile riprende in mano la gara.

 

Il figlio d’arte, Gentile, piazza cinque punti consecutivi, tra cui una tripla. Nicolò Melli, invece, concretizza una ripartenza. Farmar prova nuovamente  a far male all’ EA7,ma il “cecchino” Bourousis piazza l’ennesima bomba dall’arco e due tiri liberi, regolando la pratica Efes per il primo tempo. Si va all’intervallo sul parziale di 40-34 in favore di Milano.

 

SPRINT OLIMPIA – La pausa tra i due tempi serve alla banda Scariolo per ritrovare le energie necessarie per sferrare il colpo finale ai danni dell’Efes. Mahmuti  sprona i suoi affinchè riprendano in mano la gara. Vujacic prende in parola il proprio coach piazzando subito quattro punti consecutivi. L’Olimpia non accusa il colpo, anzi prende spunto per ripartire a capofitto. Bourousis e Langford non mollano la presa, mentre Hairston risponde con una tripla.

 

Grazie al canestro dell’ex Siena, Milano alimenta il vantaggio a dieci punti. A Langford e Melli sembra non bastare e quindi mettono a segno due bombe dalla distanza: 61-45. La formazione di Istanbul dopo il time-out prova ad equilibrare la gara con Farmar e Savanovic, ma il terzo periodo si chiude sul 64-50 in favore dell’EA7.

 

IL FINALE E’ DI BOUROUSIS – 14 punti di vantaggio alla ripresa dell’ultimo quarto sono un buon margine da gestire. Istanbul, però, non intende alzare bandiera bianca. La banda Mahmuti mette in apprensione il forum nei momenti finali di partita. Farmar e Savanovic suonano la carica alla formazione in casacca rosso-blù.  Milano, nelle fasi iniziali dell’ultimo quarto, alimenta a 18 il vantaggio, prima della rinascita turca.

 

Batuk apre con una tripla. Farmar sigla cinque punti, mentre Savanovic completa l’opera. Meno sette punti con 3 minuti da giocare ancora. I canestri di Cook non servono all’EA7 per allontanare il pericolo Efes.  Ci pensa Basile con una tripla a tranquillizzare il Forum, ma Farmar non intende arrendersi. Ecco che a 48’’ dalla sirena Istanbul si trova a meno quattro, ma Bourousis mette la ciliegina su una prestazione da 8 in pagella conquistando un rimbalzo difensivo fondamentale e firmando il tiro libero che consegna i primi due punti europei all’Olimpia Milano.

 

TABELLINO OLIMPIA EA7 MILANO – ANADOLU EFES ISTANBUL 80-75 (18-15; 40-34; 64-50; 80-75)

  • OLIMPIA EA7 MILANO: Giachetti, Stipcevic 5 punti, Hairdton 10, Fotsis 6, Cook 5, Chiotti, Bourousis 23, Melli 7 , Langford 16, Gentile 5, Hendrix, Basile 3. Coach: Scariolo
  • ANADOLU EFES ISTANBUL: Balbay 2 punti, Farmar 19, Vujacic 9, Batuk 5, Erden 2, Gonlum 4, Savanovic 12, Lucas 8, Kuqo 10, Giler, Sirin, Barac 3. Coach: Mahmuti
  • ARBITRI: Arteaga (SPA), Rocha (POR), Gkontas (GRE)
  • STATISTICHE: Tiri da 3: 15-7; Rimbalzi: 25-34; Tiri liberi: 13-10

Giovanni  Parisio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here