Amichevoli Milan – Monza 2 a 0 e Inter – Prato 1 a 0, le due milanesi vincono grazie ai giovani

BandiereEvitare figuracce e verificare la reale affidabilità di qualche giovane da aggregare alla prima squadra. Erano sostanzialmente questi gli obiettivi di Inter e Milan per le amichevoli domenicali contro, rispettivamente, Prato e Monza. I neroazzurri hanno vinto 1 a 0 grazie alla rete di Mbaye, mentre i rossoneri si sono imposti per 2 a 0 con i gol di Niang su rigore e Mastalli. A brillare, però, sono stati Kovacic e Mastour.

 

INTER – PRATO: DECIDE MBAYE – Sono sicuramente sufficienti le indicazioni che mister Mazzarri ha avuto dall’amichevole di domenica 20 luglio contro il Prato. Il match è terminato 1 a 0, ma le palle-gol sono state molte di più.

– Occasioni sprecate soprattutto da Icardi e Kovacic che, però, per mole di gioco sono stati sicuramente i migliori in campo. La rete decisiva, invece, è stata siglata da Mbaye al 68′, pochi secondi dopo il suo ingresso.

– I neroazzurri chiudono quindi il ritiro a Pinzolo con una vittoria; ora sarà tempo del trasferimento in America per affrontare nella Guinness Cup Manchester United, Real Madrid e Roma.

– Nella sfida contro il Prato ad essersi messi in luce sono stati soprattutto Kovacic e Icardi. Il primo, schierato dietro le due punte, ha dato prova di affidabilità e garanzia nella costruzione del gioco, mentre il secondo è stato sempre nel vivo del gioco, pur sbagliando qualche occasione da rete.

– Il risultato poteva, e probabilmente doveva, essere più rotondo, ma Mazzarri è sembrato comunque soddisfatto. Indicazioni non molto positive sono arrivate da Jonathan, schierato come interno di centrocampo. L’italo-brasiliano non è stato in grado di adattarsi a questo nuovo ruolo.

 

AUSILIO PARLA DI MERCATO – Piero Ausilio, promosso come direttore sportivo dopo l’allontanamento di Branca, al termine dell’amichevole contro il Prato si è offerto ai taccuini per rispondere ad alcune domande di calciomercato.

– Il suo intervento si è basato innanzitutto sulla necessità di cedere dei giocatori: “Una rosa giusta è di circa 25 giocatori. Sicuramente qualcosa faremo a centrocampo e davanti, ma prima è necessario cedere alcuni giocatori”. I nomi sono i soliti: Silvestre, Kuzmanovic, Schelotto tre esempi.

– Poi la necessità di completare il reparto offensivo: “Quando rientrerà Palacio sarà un valore aggiunto. Un acquisto davanti sarà fatto, ma adesso preferiamo valutare le situazioni e aspettare qualche giorno per aspettare la situazione giusta a livello economico e non solo tecnico. Serve un attaccante che faccia gol e che completi un reparto già forte”.

 

MILAN – MONZA: BRILLA IL TALENTO DI MASTOUR – Buona la seconda per mister Pippo Inzaghi che anche contro il Monza, formazione che milita nella nostra Lega Pro, si è imposto per 2 a 0 grazie alle reti di Niang al 69′ su rigore e di Mastalli al 75′ dopo una gran bella azione del sedicenne Mastour, che ha stregato Galliani e Barbara Berlusconi, entrambi presenti in tribuna al Brianteo.

– Il Milan di Pippo Inzaghi, allenamento dopo allenamento, sta prendendo sempre più forma. Il modulo prescelto è il 4-3-3, quello in grado di far rendere al meglio El Shaarawi, oggi presente per un tempo e mezzo. Davanti mancava Menez, che ha accusato un affaticamento, pertanto il Faraone è stato affiancato da Niang e Pazzini. Nella ripresa, invece, sono subentrati Robinho e Mastour.

– Ed è stato proprio il giovane 16enne italiano, di origini marocchine, ad impressionare Galliani e Barbara con una bell’azione nell’occasione del raddoppio del Diavolo. Palla rubata a metà campo e discesa con tanto di slalom fino all’area di rigore avversaria; poi assist per Mastalli e 2 a 0 servito.

– El Shaarawi e Pazzini sono rimasti un po’ in ombra, mentre è sembrato attivo e pimpante Niang, desideroso di guadagnare la fiducia del nuovo tecnico dopo la deludente scorsa stagione. Dietro il punto fermo è stato Alex, schierato con Bonera prima e Rami dopo.

 

IL VERTICE AD ARCORE – Dopo l’amichevole contro il Monza, per Inzaghi e Galliani è stata la volta del classico vertice ad Arcore.

– Con il presidente Berlusconi si parlerà di mercato in entrata, il nome più insistente sembra essere Cerci, ma anche e soprattutto in uscita, con la questione Balotelli su tutte.

– L’idea e la strategia sono chiare: se arriverà un’offerta sui 28 milioni di euro, Super Mario sarà ceduto. Il gradimento al vertice è al minimo storico e Inzaghi vuole con sé gente disposta a dare il massimo. E Balotelli, purtroppo, ha dimostrato anche al Milan di non essere quel giocatore pronto a sacrificarsi per il resto della squadra.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

M’Vila all’Inter, mentre il Milan cerca di vendere Balotelli, ma a che squadra? Ipotesi

Prandelli contro l’Italia: Balotelli non è un campione, delusione da Giuseppe Rossi

Pato tra poco all’Inter, che intanto punta su Astori e Dodò. Dettagli

Mazzarri rinnova con l’Inter fino al 2016, ma il calciomercato sembra tutto fermo

Kakà lascia il Milan, andrà al San Paolo, poi in Usa all’Orlando. Riparte il calciomercato del Diavolo

Dimissioni Abete e Prandelli, rivoluzione Italia dopo l’eliminazione dai Mondiali 2014

Matteo Torti

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here