Lazio – Milan 4 a 5 Semifinali di Coppa Italia ritorno, passano i rossoneri dopo i calci di rigore

La freddezza di Romagnoli decide la sfida: i rigori sorridono al Milan, sarà finale con la Juventus

È il Milan la seconda finalista dell’edizione 2017-18 della Tim Cup: Gattuso trionfa in semifinale contro la Lazio e raggiunge la Juventus. Bellissima partita stasera, con in campo due squadre molto solide ma comunque propense ad offendere, con Donnarumma autore di belle parate nel primo tempo e Kalinic che al 118’ si divora una rete incredibile, tutto solo davanti a Strakosha. La lotteria dei calci di rigore sorride al Milan che arriva al derby di domenica stanco, ma appagato.
Formazione titolare per Gattuso che si affida nuovamente a Cutrone al centro dell’attacco con Suso e Calhanoglu sui lati. Centrocampo con Kessie, Biglia e Bonaventura. Davanti a Donnarumma dentro Calabria, Romagnoli, Bonucci e Rodriguez.
Dopo 4 minuti la Lazio si fa vedere con Lulic che crossa per Immobile che, in girata, non trova il pallone. Al 5’ grande intervento di Donnarumma che vola e alza sopra la traversa un bel colpo di testa di Immobile. Al 6’ ancora Gigio presente con un intervento ravvicinato su Milinkovic-Savic.
Al 14’ ancora Lazio pericolosa con un cross di Marusic, allontanato non benissimo da Calabria; occasione nata da un errore di diagonale di Calhanoglu. Al 17’ erroraccio in fase di disimpegno di Rodriguez che consegna palla a Milinkovic-Savic che, però, calcia di poco a lato.
Al 18’ prima chance per il Milan con Suso che disorienta Lulic e va al tiro con il mancino, ma Strakosha respinge; sulla ribattuta ci prova Cutrone, ma era in fuorigioco. Al 26’ in agguato Cutrone che per poco non approfitta dell’incomprensione tra Strakosha e Caceres.
Al 35’ terza prodezza di Donnarumma che si oppone ad Immobile, servito molto bene da Luis Alberto. Poco dopo giallo per Kessie. Negli ultimi minuti non accade altro di interessante: le due squadre vanno negli spogliatoi sul risultato di 0 a 0. Bella partita fin qui, con la Lazio decisamente più pericolosa.
Tutto confermato ad inizio ripresa, nessun cambio. Subito Calhanoglu pericoloso al 47’, ma la sua conclusione è centrale e Strakosha blocca. Al 55’ pericoloso Calabria, bravo ad andare al tiro su passaggio filtrante di Suso, ma Strakosha è attento e si salva.
Al 57’ ammonito anche Romagnoli per un fallo su Immobile. Passano cento secondi e Bonaventura lancia il contropiede rossonero e serve Calhanoglu, ma il turco non inquadra la porta. Occasione sprecata. Al 65’ altro contropiede di Bonaventura che questa volta serve Cutrone, ma il giovane attaccante rossonero si fa rimontare da Radu.
Al 68’ primo cambio per Inzaghi: dentro Felipe Anderson e Luis Felipe per Luis Alberto e Caceres. Gattuso risponde inserendo Kalinic per Cutrone, poco incisivo in area, ma comunque sempre nel vivo del gioco. Al 74’ ammonito Calabria che allarga il braccio sulla ripartenza di Immobile.
All’87’ punizione da zona pericolosa per Milinkovic-Savic che però calcia sopra la traversa. Al 91’ ammonito Marusic che ferma la ripartenza di Calhanoglu. Non succede altro nel recupero, si va ai supplementari.
Al 96’ dentro Montolivo per Kessie, autore di una prestazione sontuosa. Passa un minuto e Calhanoglu ci prova su punizione, ma Strakosha vola e mette in corner. Nel finale del primo tempo doppia ammonizione: Radu per fallo su Suso e Milinkovic-Savic per proteste.
Nel secondo tempo supplementare subito grande intervento in scivolata di Romagnoli su Milinkovic, poi dentro Borini per Suso, stanco e poco nel vivo del gioco questa sera.
Clamorosa occasione da gol per Kalinic al 117’, ma l’ex Fiorentina tutto solo davanti a Strakosha calcia incredibilmente alto negando al Milan la gioia del passaggio turno senza passare dai rigori.
Dal dischetto si presenta subito Immobile: Donnarumma intercetta, ma non riesce a respingere.
Rodriguez, invece, si fa ipnotizzare da Strakosha.
Para anche Donnarumma che nega la gioia a Milinkovic-Savic.
Sbaglia anche Montolivo: Strakosha para.
Anche Lucas Leiva fallisce: Donnarumma para.
Bonaventura gol: 1 a 1 e due rigori a testa ancora da tirare.
Si riparte da Parolo: angolatissimo è rete.
Per il Milan va Borini: 2 a 2.
È il momento di Felipe Anderson: il brasiliano tira non bene, ma Donnarumma non ci arriva.
Responsabilità per Bonucci: gol, si va a oltranza.
Lulic: Donnarumma spiazzato.
Calhanoglu: palla a sinistra, portiere a destra.
È la volta di Luis Felipe: alta!
Occasione per Romagnoli: gol.
In finale ci va il Milan, dopo una bellissima girandola di rigori. Gattuso conquista la prima finale da tecnico del Milan. Sfida alla Juventus.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here