Inter – Napoli 0 a 0 Serie A ventottesima giornata, un match senza sussulti

Nessun sussulto a San Siro: match che si chiude con un pareggio che non serve a nessuno

Una partita senza alcun tipo di sussulto e che finisce con un punto che scontenta entrambe le squadre. L’Inter tiene a bada il Milan, ma non trova il guizzo mentale che avrebbe potuto far parlare di crisi alle spalle, mentre il Napoli sale a quota 70 punti, con la Juventus avanti di una lunghezza e che mercoledì recupererà la partita rinviata contro l’Atalanta.
Spalletti vuole definitivamente uscire dalla crisi che lo attanaglia da dicembre a questa parte. Dentro Icardi al centro dell’attacco con Perisic, Rafinha e Candreva alle sue spalle. Centrocampo con Brozovic e Gagliardini. In difesa, davanti ad Handanovic, spazio per Cancelo, Skriniar, Miranda e D’Ambrosio.
I partenopei, invece, si affidano al classico e collaudato 4-3-3 con Insigne, Mertens e Callejon. Centrocampo con Hamsik, Jorginho e Allan. In difesa, davanti a Reina, dentro Hysaj, Albiol, Kouibaly e Mario Rui.
Non ci sono grandi occasioni da rete nei primi minuti; al 17′ cartellino giallo per Allan che ferma la ripartenza di Icardi. Al 25′ ci prova Hamsik da fuori area, ma il tiro termina ampiamente a lato.
Al 38′ Koulibaly serve involontariamente Perisic, ma poi rimedia fermando il croato. Sul prosieguo dell’azione ammonito Gagliardini per una brutta entrata su Mertens.
Finisce senza alcun sussulto un primo tempo veramente avaro di emozioni, con entrambe le squadre più preoccupate a difendere che ad offendere.
Tutto confermato ad inizio ripresa, con l’Inter che prende subito un palo con un colpo di testa di Skriniar, comunque in fuorigioco. Pronta la risposta del Napoli con Insigne che calcia di poco a lato.
Al 61′ ammonito Insigne per fallo su Skriniar, mentre Spalletti inserisce Eder per un evanescente Rafinha. Sarri risponde con Zielinski al posto di Hamsik. Poi dentro anche Borja Valero per Candreva, ma le palle gol continuano a latitare.
Nel finale ammonito Albiol per fallo su Cancelo, poi dentro Karamoh e Milik per Perisic e Mertens, anche Rog per Allan. Ma niente, non succede assolutamente nulla.
Inter che esce da San Siro con un pareggio che tiene a bada le velleità da quarto posto del Milan: sono 52 i punti dei neroazzurri contro i 47 del Milan e un derby ancora da giocare. La Lazio è avanti di una sola lunghezza, la Roma di 4.
Inter che tornerà in campo domenica prossima a Genova per la sfida delle 12.30 contro la Sampdoria.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here