Rapina in appartamento Milano via Santi Nabore e Felice, malviventi narcotizzano e legano 72enne e la fanno finire in ospedale, nel weekend sono stati denunciati ben 5 furti tra abitazioni e uffici

Due giorni da incubo per i milanesi, che continuano a fare i conti con ladri senza scrupoli capaci di infiltrarsi negli appartamenti cittadini depredando tutto quanto possibile: contanti, gioielli e persino pietre preziose.

 

5 FURTI IN ABITAZIONE IN 2 GIORNI: FORSE C’E’ QUALCOSA CHE NON VA – Oltre ai 400mila  euro rastrellati in due abitazioni di via Ressi, il finto postino che ha ripulito l’anziana in via Crivelli e l’ufficio del commerciante di pietre preziose dal quale sono stati sottratti gioielli per 50mila euro, i ladri hanno colpito anche in via Santi Nabore e Felice, in piena mattinata.

 

LA DINAMICA DELLA RAPINA – Qui quattro malviventi, presumibilmente sudamericani, hanno scelto l’appartamento di una signora di 72 anni per compiere il colpo perfetto.

  • Il primo passo è stato suonare alla porta dell’anziana fingendo di avere una consegna da effettuare.
  • Quando la donna, fidandosi, ha aperto la porta al presunto fattorino, i 4 membri della banda le sono saltati addosso aggredendola, narcotizzandola e legandola mani e piedi con alcune fascette da elettricista.

 

IL BOTTINO – I rapinatori hanno arraffato tutto quanto trovato, senza dimenticare i pezzi di argenteria e i gioielli in oro che aveva indosso la vittima.

 

LA LIBERAZIONE – A liberare l’anziana sono stati i vicini di casa: rientrando hanno visto la porta della vicina aperta e si sono insospettiti.

 

IL TRASFERIMENTO IN OSPEDALE

  • Sopraggiunto il 118, la signora è stata portata in ospedale in codice giallo.
  • Fortunatamente i medici non hanno riscontrato condizioni di gravità preoccupante, anche se la debilitazione a causa del grande spavento è stata seria.

 

AGGIORNAMENTO del 28 settembre 2011 ore 13,00: Nonostante tutto ciò, il Comune taglia i finanziamenti alla Polizia locale e all’illuminazione pubblica, agli anziani, alle case popolari e alle categorie più deboli. La giunta Pisapia si prepara infatti a varare la manovra da 54 milioni di euro già approvata lunedì 26 settembre 2011: i tagli previsti si abbattono soprattutto sui finanziamenti alla Polizia locale e agli anziani,  ai quali si aggiungono colpi di ascia a molteplici categorie, quali:

  • 6,5 milioni di euro tagliati alla Polizia locale;
  • 2,8 milioni in meno per l’illuminazione pubblica;
  • 5,9 milioni eliminati dai finanziamenti ai servizi per l’assistenza agli anziani;
  • 3 milioni tagliati ai servizi di prevenzione e riabilitazione;
  • 1,8 milioni cancellati per le case popolari;
  • 4,6 milioni tagliati alla scuole secondarie superiori;
  • 4,9 milioni cancellati per attività culturale e teatrali;
  • 1,5 milioni in meno per le piscine comunali;
  • 5,6 milioni cancellati ai servizi per la viabilità e circolazione stradale;
  • 3 milioni tagliati agli asili nido e ai servizi per l’infanzia.
  • PER TUTTI I DETTAGLI, LE MOTIVAZIONI ADDOTTE DALLA MAGGIORANZA E LE SOLUZIONI PROPOSTE CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Ritirati militari Milano, alla vigilia dell’agosto la città perde 350 uomini preordinati alla sua sicurezza

Furto appartamento viale Abruzzi Milano, rubati 150 mila euro: è l’epilogo di un agosto scandito da rapine nelle case, alle persone, nelle banche e nei supermercati, nonché di truffe agli anziani, risse, aggressioni e accoltellamenti

Furto appartamenti via Azalee, rubano chiavi da portineria e svaligiano 5 abitazioni

Tentato furto ufficio Milano viale Gran Sasso, preso ladro nascosto sotto una scrivania


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here