Gay picchiati e rapinati, arrestati due quarantenni che avevano in casa coltelli, tira-pugni e un manganello telescopico

Auto_delle_PoliziaGli agenti della Digos hanno eseguito questa mattina due ordini di custodia cautelare per rapina aggravata, percosse e ingiurie ,nei confronti dei due aggressori di una coppia omosessuale e un cittadino extracomunitario, fatto avvenuto lo scorso 30 maggio in zona Colonne di San Lorenzo.

 

I soggetti individuati e responsabili delle accuse sono due uomini di Milano di 41 e 42 anni, entrambi residenti in zona viale Monza: Marco C. e Andrea Filippo T.

 

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, i due quarantenni il 30 maggio si erano recati ad un raduno di “skinheads” a Cinisello Balsamo.

 

Raggiunte le Colonne di San Lorenzo hanno quindi aggredito a calci e pugni una coppia gay e, poco dopo in via Torino, strattonato e rapinato un africano.

 

Grazie ai video acquisiti dalle telecamere attive in strada, la Polizia ha potuto comparare i dati dell’auto su cui sono fuggiti i malviventi, risalendo successivamente alle rispettive identità.

 

A carico di entrambi gli aggressori sono stati riscontrati anche precedenti per reati legati a condotte violente, tra cui la rissa.

 

Le Forze dell’Ordine, stamattina, hanno ispezionato le abitazioni dei due ritrovandovi coltelli, tira-pugni e un manganello telescopico. I due quarantenni sono stati arrestati.

 

Leggi anche:

Aggrediti gay presso Colonne di San Lorenzo, zona Porta Ticinese, sabato sera

Guarire i gay dall’omosessualità: questa frase non è piaciuta, e sono fioccate proteste contro lo psicologo statunitense Joseph Nicolosi

 

Di Redazione
 
AGGIORNAMENTO DEL 23-9-2010 ore 13,12: Comparsi stamattina a San Vittore davanti al GIP Anna Maria Zamagni per l’interrogatorio di garanzia, gli aggressori hanno entrambi scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere. Gli avvocati difensori hanno presentato istanza di conversione della misura di custodia cautelare in carcere in una meno coercitiva. Il GIP si è riservato di decidere in attesa del parere del pubblico ministero Mario Venditti.
 
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here