Sgomberato edificio occupato via Savona 18, 7 manifestanti sono al momento sul tetto

CarabinieriI Carabinieri sono intervenute questa mattina alla Bottiglieria occupata di  via Savona 18.

 

Le operazioni si sono gia’ concluse con l’allontanamento di una ventina di persone; solo in 7 rimangono in cima al tetto dello stabile: sono in corso le trattative per farli scendere.

 

I Carabinieri hanno precisato che queste 7 persone non sono salite dopo lo sgombero, ma si trovavano in presidio sul tetto gia’ prima dell’inizio delle operazioni.

 

“Lo sgombero della Bottiglieria Okkupata è un primo importante passo lungo il percorso di ripristino della legalità e del rispetto della Costituzione che all’articolo 42 tutela la proprietà – commenta il vicesindaco e Assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato. – Ringrazio il Questore Vincenzo Indolfi, il Prefetto Gian Valerio Lombardi che hanno accolto le reiterate richieste di intervento del Comune avanzate sulla base delle tante proteste da parte dei cittadini.

 

“Ora si proceda con lo sgombero degli altri 12 stabili pubblici e privati occupati da decenni dai centri sociali – aggiunge il vicesindaco – dal Cantiere alla Panetteria Okkupata, a cominciare dal Cox di via Conchetta 18. C’è una sentenza del Tribunale di Milano del 4 ottobre, infatti, che ha condannato il centro sociale Associazione Cox a rilasciare immediatamente l’immobile comunale occupato abusivamente e al risarcimento dei danni subiti dal Comune per l’occupazione senza titolo e al rimborso delle spese da liquidarsi in separato giudizio”.

 

Leggi anche:

Sgombero casa occupata via Savona 18, appello della Provincia e petizione dei residenti

Sgombero Lab Zero scontri polizia e manifestanti

Occupazione via Savona 18, i militanti antagonisti riusciti a penetrare nello stabile rivolgono un appello tramite internet ai minifestanti esterni

Sgombero centro sociale Lab 0 Porta Ticinese, in atto in questo momento

Sfratto Leoncavallo rinviato, tutto fermo per altri 2 mesi

Palazzo di Giustizia: condannato Valerio Ferrandi, figlio di un ex terrorista di Prima Linea

 

 Di Redazione

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here