Piccioni avvelenati piazza del Duomo, 80 carcasse trovate poche ora fa, è stato avvelenato il mais

Kissss“Un gesto di pura cattiveria, stupido e pericoloso” ha commentato il vicesindaco e Assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato e, per una volta, si spera che in merito via sia una concordanza unanime.

 

Certo, i piccioni non godono della massima popolarità: a volte si viene sporcati dalle loro deiezioni, e non si può propriamente garantire la loro impeccabilità igienico-sanitaria.

 

Tuttavia, ciò che indigna è che qualcuno possa essere ricorso ad un gesto di tale barbarica crudeltà.

 

Ripercorrendo i fatti, solo poche ora fa, alle 12,26 di oggi, la Polizia Locale ha rinvenuto la spaventosa quantità di 80 piccioni morti davanti al monumento equestre a Vittorio Emanuele II, nel centro di piazza Duomo.

 

Sul posto sono stati quindi chiamati i tecnici dell’Asl per prelevare alcune carcasse dei poveri volatili, e sottoporle immediatamente alle analisi di laboratorio.

 

Il risultato emerso, è agghiacciante.

 

Da una prima rilevazione sembra infatti che i poveri  pennuti siano morti per aver ingerito mais avvelenato, cioè più dettagliatamente mischiato ad anti-parassitari.

 

Attualmente l’area è stata recintata dal Nuir e così rimarrà fino a questa notte, quando sarà effettuata la necessaria bonifica.


Intanto, oltre al disgusto per una tale inumana, spregevole cattiveria, non possiamo che affidarci a quanto precisato dal vicesindaco De Corato: “Sono in corso accertamenti anche attraverso le telecamere al fine di individuare il responsabile

 

 

Leggi anche:

Gatti uccisi a bastonate a Bareggio, taglia di 5000 euro su chi ha compiuto un tale abominio

Professore uccide conigli a martellate durante lezione di anatomia, il prof Carlo Rando prima ha tentato di strangolarli poi ha afferrato un martello

Cane cade dal traghetto, il personale lo lascia annegare mentre annaspa tra i flutti del mare

Cassazione, non c’è danno morale se l’animale muore per colpa dei veterinari

Vietato l’ingresso in ospedale per i cani guida, e anche i padroni non vedenti rimangono fuori

Maltrattamenti animali, in Italia un caso ogni 10 minuti

Gatti abbandonati d’estate, quest’anno sono stati quasi 150mila i cuccioli, le nidiate e gli esemplari adulti che gli uomini hanno destinato a morte

Milano, anche gli animali hanno il loro Tribunale

 Di Redazione
 
 
 
 
 
 

1 COMMENTO

  1. Abituarsi ai maltrattamenti degli animali e voltare lo sguardo altrove é il gesto peggiore che ogni individuo possa avere nel suo stesso rispetto e quello per tutto cio che lo circonda.
    Per chi crede che un uccello come il colombo possa essere solo un animale sporco e portatore di malattie dico:non riuscite a capire quale sia la differenza tra noi e loro.
    Novembre 2010,in Germania gia freddo inoltrato, un amico mi porta due piccioni piccolissimi forse nati fuori stagione, quasi stecchiti dal freddo, bagnati, pelle poche piume e ossa,per uno dei due non davo nulla di scontato era ridotto malissimo, cosi per dargli un minimo dio calore li metto in uno scatolo con un panno di lana e una bottiglia di plastica con acqua tiepida.
    Intanto preparo con acqua e polenta una pappina liquida non sapendo e non avendo altro per le mani,gli inietto con una siringa nel piccolo becco questo liquido piu volte durante la giornata, con la speranza che almeno uno dei due potesse farcela, erano cosi piccoli e indifesi, facevano solo tanta tenerezza.
    Da allora sono trascorsi 6 mesi, il maschio é volato via appena ha raggiunto le facolta di farlo, la femmina alla quale ho dato il nome di “Piccola” ha impiegato piu tempo, poi trovato un compagno ha preso il volo anche lei.
    Ogni giorno, da quel volo trova sempre il tempo per farmi visita, entra dalla finesta o dal balcone vola in cucina , sulla mia spalla, sulla scrivania, pur dovendo lottare con la mia gelosissima dobermann alla quale non é mai stata simpatica…. lei non manca mai di mostrare la sua presenza. Per me é stata una esperienza bellissima unita alla gratitudine che questo piccolo uccello mi mostra ogni volta che viene e mi guarda con due occhietti felici.
    Nessun animale é cosi infame e crudele come noi, avremmo tantissimo da imparare da loro, ma non é possibile in quanto non amiamo neanche noi stessi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here