Proteste per obbligo di catene da neve a bordo, una valanga di reclami contro la Provincia di Milano

Pneumatici_invernaliLa notizia è fresca, anzi, gelida, come si addice a questi ultimi giorni di acquazzoni milanesi:  dal 15 novembre 2010 fino al 31 marzo 2011, chi percorrerà le strade di proprietà della Provincia di Milano ( le c.d. “strade provinciali”), avrà l’obbligo di tenere a bordo del proprio veicolo le catene da neve. Nel dettaglio:

 

  
 
 
LE STRADE COLPITE Tra le principali vie d’accesso colpite dall’ordinanza, si annoverano la Cassanese, la Paullese, la Rivoltana, la Nazionale dei Giovi (Milano-Meda), la Padana Superiore ed Inferiore e la Statale della Val Tidone. Il provvedimento approvato, quindi, va a colpire principalmente i cittadini che entrano o escono da Milano, tra i quali i più danneggiati saranno i pendolari.

 

L’ACQUISTO FORZATO COL SOLE O CON LA NEVE Non sono pochi i dubbi suscitati dall’approvazione del provvedimento, in primis circa l’aspetto della remunerazione economica che comporterà l’entrata in vigore dello stesso. In base all’ordinanza, infatti, l’obbligo non sarà limitato unicamente alle giornate di neve, ma, per assurdo, è esteso durante tutto il periodo dei 4 mesi, di modo che gli automobilisti saranno obbligati ad avere catene da neve a bordo anche durante le giornate soleggiate. Coloro, quindi, dovessero decidere di rimanere a casa durante giornate prive di precipitazioni nevose, non potranno comunque evitare l’acquisto delle catene.

 

IL COMMENTO DEL PRESIDENTE DELLA PRIVINCIA DI MONZA E BRIANZAIl presidente della provincia Monza e Brianza Dario Allevi, in data 21 ottobre ha così commentato: “Questo provvedimento ci sembra un’ulteriore vessazione per gli automobilisti e coinvolge purtroppo anche i numerosi pendolari brianzoli che tutti i giorni si muovono verso Milano e che si vedono costretti ad investire preventivamente centinaia di Euro in vista della stagione invernale: la Provincia MB non adotterà simili provvedimenti”.

 

MILANO E LA NEVE – È conoscenza comune che le catene da neve debbano essere utilizzate unicamente quando sul manto stradale giacciono diversi centimetri, appunto, di neve. A Milano la media delle precipitazioni nevose negli ultimi 60 anni è di 21 cm annui: non propriamente “una pista da sci”.

 

SVANTAGGI DELLE CATENE DA NEVE – Un ulteriore fenomeno che rende discutibile l’ordinanza è che nel corso degli ultimi anni l’utilizzo delle catena da neve si è ridotto notevolmente a favore delle gomme termiche. Questo per diversi motivi:

  • La difficoltà a montare le catene da neve nelle situazioni di emergenza;
  • La garanzia della tenuta sul ghiaccio non estesa a tutti i modelli, ma limitata alle versioni rompighiaccio, non adattabili su qualsiasi veicolo;
  • La necessità di utilizzarle solo in presenza di parecchia neve sull’asfalto, pena la rovina del pneumatico;
  • La necessità di toglierle immediatamente al termine del tratto innevato. pena la rovina del manto stradale.

 

RISPETTARE IL BUON SENSO O L’ORDINANZA? – L’assessore provinciale ai trasporti Giovanni De Nicola ha dichiarato: «L’ordinanza si applica quando il buon senso dice che va applicata e non deve essere un modo di fare cassa. Qualora la Polizia Locale sanzioni l’automobilista non in regola in una giornata di sole, sospenderemo l’ordinanza in quel tratto ed evidenzieremo il modo scorretto di utilizzare le norme, che sono invece studiate per creare sicurezza”. La perplessità e il disorientamento, quindi, si può dire che sorgano spontanei: davvero comanderà il buonsenso sull’ordinanza? Era infatti prevedibile che l’obbligo di catene da neve a bordo innescasse una rovente polemica tra gli automobilisti; allora perché non pensarci prima invece di cercare inutili giustificazioni ex post per provvedimento entrato ormai già in vigore?

 

Invitiamo tutti i lettori ad esprimere la propria opinione.

 

Leggi anche:

Sospensione ordinanza catene da neve – Podestà dice che il provvedimento è “soltanto” sospeso

Obbligo catene da neve a Milano, Monza, Bergamo, Varese, Como e Lecco, ecco tutte le posizioni

Rinvio obbligo catene a bordo, Podestà rinvia l’attuazione del provvedimento, prevista per il 15 novembre

Annullamento obbligo catene da neve, Podestà potrebbe annullare l’ordinanza, già bocciata da Palazzo Marino

Obbligo catene da neve o pneumatici termici sulle provinciali di Milano dal 15 novembre 2010

 

Matteo Torti
 
 
 
 
 
 
 
 
 

19 COMMENTI

  1. Non avrei problemi a mettere le catene nel baule ma non lo faro’ per principio.
    Invito tutti a non portarle come forma di protesta così, quando arriveranno valanghe di ricorsi perché in una giornata nuvolosa le catene non erano a bordo vedremo
    cos’accadrà!

  2. Cui prodest? A chi gioverà questa ordinanza?
    Seguire la traccia dei soldi…
    Catene da comprare, o gomme ancor più costose, manti stradali da rifare a fine stagione..

  3. Io monto regolarmente i pneumatici invernali e a temperature inferiori ai 7-8° la differenza di aderenza è sicuramente palpabile. Quello che trovo ridicolo è però fissare dal 15 nov al 31 marzo le date nelle quali rendere obbligatorio nella ns.provincia l’uso di tali pneumatici….neanche vivessimo ad Capo Nord.
    Sarebbe stato molto più ragionevole fissare le date tra inizio dicembre e fine febbraio anche per evitare con i primi caldi di marzo di vedere le proprie costose gomme squagliarsi….

  4. In famiglia abbiamo 2 auto che usiamo praticamente solo pochi giorni alla settimana per andare a fare spesa a 5 Km di distanza da casa. A causa di questa ordinanza dovremo acquistare 2 set di catene da neve che mai utilizzeremo e solo per non essere multati da solerti vigili comunali.

    Mi auguro che per dicembre nevichi per 50 cm e voglio vedere se con le catene a bordo e senza i mezzi spazzaneve le signore di 65 anni saranno in grado di far fronte al problema.
    Ma avete mai provato a montare le catene da neve ?
    Sarebbe bene che la Provincia provvedesse per tempo ad organizzare corsi di formazione per la terza età all’uso di catene. Ci mancava solo questa e poi abbiamo visto tutto.

  5. bisogna chiedersi quanto ha intascato il sig.giovanni de nicola per questa ridcola ordinanza….neanhe vivessimo in montagna, ese poi cambio macchina cosa faccio con le gomme ole catene?

  6. E’ a dir poco ridicolo essere COSTRETTI a spendere 100 € circa per le catene invernali e/o 400 e passa € di gomme invernali in una provincia che è quella di Milano (e temo anche per quelle limitrofe)…capirei l’ordinanza nelle provincie di como/sondrio/treviso/bolzano ecc ecc…ed altre province in regioni magari un poco più interessate….che per buon senso non hanno avuto bisogno di mettersi in mostra.
    Preferirei a questo punto una sanzione adeguata (e non i semplici 78 €, mi pare, di multa) qualora nevicasse, ed il vigile urbano trovi un automobilista in difficoltà che crea intralcio al traffico per non avere catene o pneumatici invernali.

  7. Mi sembra assurdo, anche perche il problema di milano è l’asfalto che si sbriciola ogni volta che piove, prima di costringere i cittadini a compraer inutilmente gomme termiche o catene, dovrebbero garantirci delle strade sicure!

  8. Non è tanto il costo delle catene… ce ne sono anche da 27,00€. E’ il principio. Innanzi tutto la statistica: in 61 anni sono caduti nella provincia di Milano una media di 21 cm di neve e solo l’anno scorso si sono avuti problemi a distanza di 24 anni dalla famosa nevicata di Febbraio 1985 che bloccò Milano e prov.
    Manco fossimo in zona di montagna.

    I vigili non aspetteranno altro che fermare tutti per far cassa.
    I negozianti aumenteranno i prezzi alle stelle.
    I gommisti vedranno crescere a dismisura la richiesta di sostituzione pneumatici perchè danneggiati dalle catene
    Le strade andranno in pezzi alla prima nevicata

    Questa è sicuramente una manovra per spillare soldi a tutti i cittadini. Meno male che siamo in tempo di crisi economica! Chissà cosa ci avrebbero ordinato di comprare se fossimo in pieno boom economico!!!!!

    NON COMPRATE LE CATENE E NEMMENO LE GOMME!
    TANTO QUEST’ANNO NON NEVICHERA’.

  9. Incide sicuramente meno sulle casse delle province (o meglio non incide per niente) far gravare sulle finanze dei cittadini il costo di catene da neve o pneumatici invernali, piuttosto che investire per mezzi spargisale,spazzaneve….E in tutto questo la Regione che ruolo ha?senza entrare nel merito della sensatezza o meno dell’ordinanza che molte province hanno disposto, non sarebbe stato meglio prevedere un provvedimento a carattere regionale?è normale che vi siano strade provinciali dove l’obbligo vige e altre strade in cui tale obbligo non esiste?Iniziare ad es un viaggio nella prov di Monza e Brianza e finirlo nella prov di Milano…interessante. Dire che in alternativa alle gomme invernali a bordo del veicolo devono esserci “idonei mezzi antisdrucciolevoli” (vedi le catene da neve), non è un po’ generica come definizione?allora se a bordo del veicolo ci sono delle bellissime catene da neve della ormai fu 131 mirafiori di mio nonno posso dormire sonni tranquilli?Ultima considerazione: su chi graverebbe l’eventuale sanzione amministrativa?Sul proprietario del veicolo o sull’utilizzatore? e su quest’ultimo vi sarebbe anche la sanzione accessoria della decurtazione punti della patente?
    Una cosa è certa, è migliorata la sicurezza: sì, la sicurezza che ancora una volta dovremo aprire il portafoglio!

  10. Un’ordinana assurda, se da una parte può essere giustificata in caso di neve, non si capisce l’obblico delle catene o delle gomme da neve anche durante le giornate di sole o di pioggia.
    Con questa ordinanza siamo costretti a mettere mano al portafoglio anche se lasciamo l’auto a casain caso di neve e con la crisi economica in cui viviamo questa ordinanza è una ulteriore mazzata economica per tantissima povera gente.
    L’Assessore provinciale Giovanni De Nicola avrebbe fatto bene dormirci su una notte prima di emanare l’ordinanza, e fare tesoro del detto che la notte porta consiglio, avrebbe così evitato un’ulteriore esporso economico da parte dei cittadini.

  11. Ho verificato l’ordinanza della prov di varese…al copia e incolla di quella di milano hanno fatto alcune modifiche (peggiorative) forse leggendo i vari forum su internet, prevedendo per l’obbligo di catene a bordo (se proprio non si hanno quei dai 400 euro in su da investire x le gomme termiche)…”in alternativa, di circolare disponendo, a bordo del veicolo, di idonei mezzi antisdrucciolevoli ( catene ) adeguati allo stesso tipo di veicolo”.
    Quindi niente catene della 131 mirafiori del nonno,ci sono arrivati anche loro purtroppo. Hanno anche realizzato che il codice della strada è composto di molte norme che andrebbero lette e così hanno iniziato a considerare il problema della necessaria segnaletica,in assenza della quale eventuali sanzioni sarebbero tutte contestabili. Le motivazioni si trovano dentro il codice stesso e più precisamente nell’articolo 5 comma 3, citato per altro nell’ordinanza: “i provvedimenti per la regolamentazione della circolazione sono emessi dagli enti proprietari, attraverso gli organi competenti a norma degli articoli 6 e 7, con ordinanze motivate e rese note al pubblico mediante i prescritti segnali”.
    A questo punto sarebbe auspicabile un ricorso collettivo al TAR della Regione Lombardia magari a mezzo delle associazioni dei consumatori.

  12. Mi è capitato di montare le catene mentre mi trovavo in stada ,oltre a non esserci riuscito per vari motivi mani fredde luce scarsa ecc mi è sembrato abbastanza pericoloso visto che le nostre stade non specialmente quelle in questione non sono provviste di spazi adeguati per tale operazione.
    Provo ad immaginare decine di automobilisti alla caduta dei primi fiocchi di neve tutti fermi a bordo stada a montare le catene magari per percorrere pochi chilometri eappena entrano in citta di nuovo tutti fermi per smontale per mancanza di neve sul manto stradale . Per il giustificato timore di una contravvenzione.Che caos !!!
    Anche vero che catene a bordo o gomme termiche sono una sicurezza per l automobilista ma a mio parere questa normativa mi sembra un pò nata per
    scaricare in altro modo eventuali polemiche in caso di disagi alla circolazione
    dovuti a tali eventi atmosferici

  13. Vorri solo sapere se le catene devono essere quelle omologate dai due enti, oppure visto che ho a disposizione delle catene della Konig che però non portano i due marchi dell’omologazione ma vanno bene per il tipo di pneumatico che ho montato sulla mia auto, se posso usarle oppure devo per forza acquistarne di nuove.
    Grazie

  14. E’ realmente una cosa assurda che và contro alla semplice indicazione di non utilizzare l’auto se dovesse nevicare e se non si è attrezzati adeguatamente: date le multe a chi si muove comunque e crea problemi poi agli altri, piuttosto!

  15. La provincia di Milano farebbe bene rimettere in funzione mezzi spargi sale e spazzaneve, come negli anni novanta, quando le previsioni meteo erano meno esatte di oggi e le strade molto più pulite invece di demandare agli automobilisti di attrezzarsi per viaggiare.

  16. Ma se Milano e circondario si blocca anche per due gocce di pioggia!!!!!! Pensano che con le catene montate si riesca a risolvere il problema degli ingorghi????
    Perche’ non vengono istituiti dei corsi a pagamento obbligatori (naturalmente!)
    di guida su neve? Potrebbe essere un business !!!!!!

  17. E’ un Ordinanza assurda, quella della Regione, due sono le cose, o batte cassa, o qualche ditta di costruzione delle suddette catene è in crisi. Ho appena sostituito le mie quattro gomme, per mia auto, (400 €.) e non ho intenzione di spendere altri quattrini, che mantenere un auto allanno costa (fate Voi i conti), solo perchè qualcuno si alza al mattina e non sa cosa pensare, ed inventa sempre a discapito dei cittadini.

  18. Oltre alle giustissime e incaz****me osservazioni riportate da altri mi chiedo :

    Un automobilista con catene a bordo NON montate provoca un incidente a causa di ghiaccio o neve di pochi millimetri sul manto stradale; l’assicurazione dell’automobilista risponderà dei danni provocati con la delibera come attualmente approvata ? .
    Allora bisognerebbe montare le quattro gomme da neve anche con sole splendente ?.
    Credono che siamo tutti berluscones ?
    Ma quando ci ribelliamo a questi politici da quattro soldi ?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here