Ricettazione Pozzuolo Martesana Milano, in un box scoperto mercato di oggetti tecnologici, auto e pezzi di ricambio

Hanno tra i 33 e i 27 anni i sei romeni arrestati dai militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di San Donato Milanese. Per tutti l’accusa è  quella di ricettazione.

 

LE SEGNALAZIONI DEI RESIDENTI – Gli uomini dell’Arma sono intervenuti in seguito alle numerose segnalazioni giunte dai residenti di via Torino, a Pozzuolo Martesana (in provincia di Milano), che da un po’ di tempo notavano uno strano andirivieni attorno uno stabile della zona.

 

I PRIMI SOSPETTI E LA SCOPERTA DEFINITIVA– In un primo momento, tutto aveva portato a credere che si trattasse di un giro di prostituzione.

– Ogni dubbio, invece, è stato fugato quando i Carabinieri hanno sorpreso i sei delinquenti all’interno di uno dei box dello stabile.

– Il locale infatti, per l’occasione, era stato trasformato in un vero e proprio magazzino di merce rubata.

– L’operazione è rientrata così nell’ambito di un’ampia indagine, coordinata dalla Procura di Lodi, volta ad arginare il fenomeno della ricettazione di merce elettronica.

 

GLI OGGETTI TECNOLOGICI RECUPERATI – L’elenco della refurtiva recuperata comprende numerosi apparecchi elettronici di ultima generazione:
– 279 smartphone;
– 27 fotocamere digitali;
– 15 videocamere digitali;
– 3 pc fissi;
– 10 navigatori satellitari;
– una console per videogiochi;
– 19 tablet;
– una tv portatile;
– un monitor per pc;
– due lettori dvd;
– due stampanti portatili.

 

DAI DOLCI, ALLE AUTO, PASSANDO PER CAVI DI RAME E ABITI – Ma non è finita qui. Tra la merce rubata anche altre tipologie di oggetti di provenienza eterogenea:
– due borsoni contenenti maglie e palloni da calcio;
– un borsone di dolciumi;
– pezzi di auto;
– cavi di rame;
– due autovetture Panda.

 

GLI ARRESTI – Nel corso del blitz, insieme con la refurtiva – il cui valore si aggirerebbe intorno ai 150 mila euro – i militari hanno sequestrato anche numerosi attrezzi utilizzati dalla banda per scassinare abitazioni e
negozi.

 

L’ARRESTO DEI ROMENI – I sei romeni – dei quali 5 senza fissa dimora e due con precedenti penali per reati contro il patrimonio – sono stati sottoposti a fermo e trasferiti presso il carcere milanese di San Vittore, dove l’autorità giudiziaria ne ha convalidato il fermo.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

S.P.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here