Madre maltrattata dal figlio via Angera Milano, cucina il piatto sbagliato e lui l’aggredisce

E’ bastato che cucinasse un piatto a lui poco gradito perché una madre di 66 anni venisse aggredita dal suo stesso figlio.

 

La brutta vicenda è accaduta ieri,  all’ora di cena, in un condominio di via Angera. In base a quanto emerso, il  figlio della donna, con trascorsi da eroinomane, non sarebbe nuovo a questo tipo di comportamento.

 

Già in passato, infatti, l’uomo era stato arrestato per maltrattamenti nei confronti dei suoi genitori.

 

L’anno scorso, prima che suo padre morisse nell’ottobre 2012, il tribunale gli aveva addirittura vietato di avvicinarsi alla loro abitazione. Un provvedimento, però, che era sempre stato ignorato dal genitore.

 

Ieri sera, tuttavia, c’è stata la proverbiale scintilla che ha fatto traboccare il vaso. Al momento di mettersi a tavola, infatti, la madre si è vista afferrare per il collo dal figlio perché, a suo dire, gli aveva cucinato una pietanza poco appetitosa.

 

A quel punto, la 66enne, sottrattasi alla forte morsa, è riuscita a raggiungere l’apparecchio telefonico e ad avvisare le forze dell’ordine.

 

Quando gli agenti sono giunti sul posto, la vittima ha confessato i ripetuti maltrattamenti subiti ad opera del figlio nel corso degli ultimi tempi.

 

L’uomo è stato immediatamente arrestato.

 

Per lui anche una multa per il possesso di un flacone di metadone che, stando alle sue giustificazioni, gli sarebbe servito a disintossicarsi dall’eroina.

 

La 66enne è stata trasportata in codice verde al Niguarda, per accertamenti.

 

Leggi anche:

Violenze domestiche, cronaca, legislazione, indirizzi per avere aiuto di primo soccorso e dopo l’emergenza

Donna maltrattata da marito Milano, ancora allarmanti i dati sulle violenze domestiche in Italia

Arresto uomo Parabiago per maltrattamenti al padre, perseguitava anche la madre e la sorella

Arrestato giostraio via Ziegler, Lampugnano: incendia roulotte per avere soldi e comprare droga

S.P.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here