Incidente auto – taxi piazza Appio Claudio Milano, lettore investito da pezzi di semaforo e di veicoli scrive a CronacaMilano

Proprio mentre il Codacons ha lanciato un appello al Comune di Milano a causa del numero troppo elevato di incidenti rilevato nella capitale meneghina, un lettore ha inviato la propria testimonianza circa un drammatico incidente che l’ha visto coinvolto due giorni fa in piazza Appio Claudio. Purtroppo, il luogo era già stato segnalato dal cittadino, che vi si trovava a passare a piedi; fortunatamente, il nostro lettore si è salvato. Ma il pericolo è stato altissimo e, ancora una volta, l’esortazione è rivolta alle Autorità amministrative, chiamate ad intervenire per garantire sicurezza a tutti i pedoni, adulti e ai bambini, che ogni giorno camminano sui marciapiedi della città. Nel dettaglio:

 

ERO SUL LUOGO DI UN INCIDENTE DEVASTANTE” – Buongiorno – esordisce il nostro lettore. – Ieri sera (martedì 2 aprile 2013, ndr) ero sul luogo di un incidente devastante, che poteva innestare una strage di pedoni.

 

PIAZZALE APPIO CLAUDIO: E’ NECESSARIO CHE LE AUTORITA’ INTERVENGANO PER IMPORRE RALLENTAMENTI AI VEICOLI – “Per questo motivo – prosegue il signor G.V., – voglio fare una breve segnalazione circa  un piazzale, ovvero Piazzale Appio Claudio, posto su una direttrice assai pericolosa (viale Naziario Sauro/ Stazione Centrale), che andrebbe rallentata in modo deciso.

 

FINORA NESSUNO HA FATTO NULLA, E I VIGILI NEANCHE CI SONO – “Fino a  questo momento però – prosegue il nostro lettore, – ha trovato le autorità competenti distratte o, forse, ignare del pericolo che incombe sui residenti della zona Zara, quando cercano di attraversare  piazza Appio Claudio, trovando  raramente vigili a controllare il traffico in quel punto pericoloso.

 

LA DINAMICA DEL DRAMMATICO INCIDENTE – “Il 2 aprile intorno alle 21,30/21,45 – spiega G.V., – rientrando a casa mentre camminavo sul marciapiede di via Nazario Sauro in direzione centro (Stazione Centrale), assistevo mio malgrado ad un terribile incidente, in un posto da me già segnalato ad una pattuglia di vigili urbani in modo informale, a causa del pericolo in cui incorrono sia i normali cittadini, sia  un signore non vedente che spesso “ha l’ardire” di attraversare  piazzale Appio Claudio in modo per lui normale.

– “In pratica – aggiunge G.V., – la  Mercedes bianca di un tassista con a bordo una donna di nazionalità straniera speronava una Mini Cooper nera che incrociava  piazzale Appio Claudio, non rispettando la ‘supposta’  precedenza della corsa preferenziale del tassista, finendo  direttamente sul marciapiede.

– “Il sottoscritto, quindi – aggiunge il cittadino, – veniva investito dai pezzi di semaforo e di automezzi che gli arrivavano  addosso, sfiorandolo ma lasciandolo illeso in modo quasi inspiegabile per la vicinanza al veicolo che aveva sentito dopo il terribile botto puntargli addosso, ma non abbastanza per farlo diventare ‘una sardina’ contro il muro della palazzina del viale Nazario Sauro (luogo dove si è arrestata la Mercedes).

– La veeemenza e la forza dell’impatto delle due automobili che si  scontravano – spiega ancora il pedone, – mi permettevano di notare   che il tassista era perfettamente in grado di gridare la propria innocenza;  il passeggero (una donna straniera)  del taxi  perdeva   sangue, ma veniva   prontamente soccorsa dal 118 che arrivava in tempi brevi;  il proprietario della Mini Cooper (veicolo che incrociava il piazzare in modo forse non accurato),  rimaneva pensieroso dentro l’abitacolo, pur senza  apparenti danni alla persona e,  poco dopo, in modo autonomo, saliva sull’auto lettiga, per essere portato in ospedale per probabili accertamenti.

 

IL PERICOLO PERCEPITO DAI RESIDENTI DELLA ZONA – “Non  potendomi dilungare sulla dinamica dell’incidente – sottolinea il lettore, – del quale, posso solo mettere in evidenza che ho visto con certezza due mezzi che si scontravano con un botto veramente forte e con un rumore tale da  indurre le persone delle case vicine a scendere per la strada, spero di poter essere interprete  delle persone che nella zona percepiscono il pericolo consistente di cui scrivo.

– “In pratica – prosegue, – vorrei  ringraziare coloro che in modo molto generoso mi hanno aiutato a riprendermi dalla paura e dallo shock di quei momenti in cui ho visto volare introno a me oggetti di tutti i  tipi, e che mi hanno messo nelle condizioni di portarmi le mani alla testa per proteggermi.

 

LE AUTORITA’ DEVONO INTERVENURE CON URGENZA – “Sarebbe, tuttavia,  opportuno – osserva il cittadino, – che le autorità competenti recepissero  l’urgenza e la necessità che i cittadini richiedono nel voler delle strade più sicure ed agevoli, per camminare senza il pericolo di venire investiti o addirittura uccisi per indolenza o evidente inerzia delle autorità stesse che, spesso, usano mezzi sanzionatori più per motivi amministrativi che per convincere gli automobilisti ad andare ad una velocità contenuta e adatta per una città.

 

VOGLIAMO UNA VITA PIU’ SICURA PER NOI E PER I NOSTRI FIGLI – “Forse le corsie preferenziali danno maggiore possibilità agli utenti privilegiati, fra cui in estate moto e motorini, di andare a velocità sostenute. Tuttavia – conclude il nostro lettore, – forse sarebbe il momento di dire basta al fenomeno  dell’alta velocità in città, per rendere la nostra vita cittadina, e quella dei nostri figli che vanno a scuola,  più sicura. Grazie, G.V.”

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Incidenti Milano: sono troppi, e il Codacons chiede al Comune di istituire una task force

Incidente piazza Tripoli Milano, famiglia investita da auto

Incidente moto – tram viale Tunisia Milano, grave motociclista

Incidente Milano via Vodice angolo piazza Falterona, coinvolta una Volante della Polizia; una residente manda foto e ci chiede informazioni. Ecco cos’è successo

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here