Chirurgo estetico evasore Abbiategrasso Milano, oltre un milione di euro non dichiarati

EuroL’operazione è stata svolta dai militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Milano, nell’ambito dei periodici controlli eseguiti nei confronti dei professionisti.

 

IL CHIRURGO ESTETICO – In base a quanto spiegato, le Fiamme Gialle hanno eseguito una verifica nei confronti di un chirurgo estetico di Abbiategrasso.

 

LE OPERAZIONI ALL’INTERNO DI CLINICHE PRIVATE – Durante l’indagine, i militari hanno appurato che il soggetto prestava la propria opera in varie cliniche private della regione.

– Attraverso l’utilizzo delle indagini finanziarie e dei riscontri con le cartelle cliniche rinvenute attraverso numerosi controlli incrociati, è emerso che il chirurgo, al termine delle operazioni, rilasciava ai clienti regolari ricevute che, però, negli ultimi cinque anni non erano mai state dichiarate.

 

OLTRE 1 MILIONE DI EURO NON DICHIARATI – “I compensi ricevuti ammontano a 1,1 milioni di euro ricevuti con bonifici, assegni o in contanti – hanno spiegato i finanzieri – e poi versati nei conti correnti intestati a lui e alla moglie”.

 

IL MODUS OPERANTE DEL MEDICO – “La peculiare metodologia di accertamento, basata sull’esame dei conti correnti, si è rivelata particolarmente efficace nell’intercettare i cospicui flussi finanziari in entrata ed in uscita”, ha proseguito la Gdf, che questo modo ha potuto ricostruire il reale volume d’affari del professionista.

 

LE ACCUSE – Attesa, quindi, l’ingente somma di imposta evasa (pari a circa 450 mila euro), e il superamento delle soglie di reato relative all’omessa dichiarazione dei redditi, il professionista e la moglie sono stati denunciati alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Vigevano.

– Le accuse formulate sono di omessa dichiarazione dei redditi per il chirurgo, e di ricettazione per la moglie, per aver ricevuto somme di denaro provenienti dall’attività professionale del marito non confluite in dichiarazione.

 

I SEQUESTRI PREVENTIVI – I militari della compagnia di Magenta hanno pertanto eseguito i sequestri preventivi, disposti dal gip presso il tribunale di Pavia, su:

– l’abitazione dei coniugi,

– due autovetture a loro intestate

– il saldo dei conti correnti a loro riconducibili.

– Il tutto fino all’ammontare dell’imposta evasa calcolata in 443 mila euro.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci aredazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Redditometro e Reddi-test contro evasione fiscale, il programma dell’Agenzia delle Entrate

Arresto commercialista milanese latitante a Londra, avrebbe favorito un clan della ‘nrangheta

Evasori scontrino fiscale Legnano, dai controlli della Gdf il 90% dei commercianti non emette lo scontrino

Arresto architetto Sarno Monza, l’accusa è concussione; i dettagli dell’operazione della Gdf di Milano

 

di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here