Esondazione Seveso Milano, 6 milioni di danni per le attività economiche

esondazione SevesoSi è scatenato il putiferio stanotte, nel quartiere Niguarda, zona Nord di Milano, a causa di un problema che sembra ormai diventato un appuntamento fisso ad ogni temporale: l’esondazione del Seveso. E questa volta, i danni per città e cittadini sono più ingenti che mai.

 

AL BUIO E CON LE STRADE ALLAGATE – Secondo quanto comunicato, il quartiere Isola non solo si è allagato, ma è rimasto anche al buio.

– Molti cittadini, inoltre, sono rimasti bloccati e, stamani, non hanno potuto neanche uscire, poiché anche diversi cortili si sono allagati.

 

 

METROPOLITANE – La fermata della metropolitana M5 Istria, in mattinata, è stata momentaneamente chiusa.

– Alla stazione M3 di Zara, alcune uscite sono temporaneamente non accessibili.

– La circolazione della metropolitana resta comunque regolare per tutte e 4 le linee.

– Regolare anche la circolazione dei mezzi di superficie, ad esclusione dei tram e dei bus che toccano l’area Niguarda. Per tali mezzi, infatti, ci sono rallentamenti e deviazioni causati dagli allagamenti, fino a piazzale Lagosta.

 

LE STRADE COINVOLTE – Al centro dell’allagamento, ancora una volta, il quartiere Niguarda. Tuttavia, l’acqua ha allagato anche:

viale Suzzani, via Ca’ Granda, viale Fulvio Testi e viale Sarca fino a sfiorare la zona di piazza Sondrio e arrivare in piazzale Lagosta.

 

CIRCOLAZIONE IN TILT – L’allagamento ha provocato gravi disagi anche per la circolazione delle auto. Il traffico è rimasto bloccato non solo in tutta l’area di Niguarda, ma anche su:

– viale Monteceneri e sul cavalcavia Bacula, su viale Jenner e via Lancetti, e sulle arterie principali che conducono al centro.

 

WORK IN PROGRESS – Secondo quanto spiegato dall’assessorato alla protezione civile del Comune di Milano, rappresentato dall’assessore Marco Granelli, l’acqua continua ad affluire a monte, prolungando gli allagamenti che in media, nelle precedenti esondazioni, rientravano nel giro di un paio d’ore.

 

I DANNI ECONOMICI PER LE ATTIVITA’ LAVORATIVE Intanto, sei milioni e mezzo di euro soltanto di mancata attività, oggi e nei prossimi giorni: è la prudenziale stima di Confcommercio Milano delle conseguenze per il commercio con l’esondazione del Seveso che ha colpito Pratocentenaro e Isola. Perché i negozi riaprono, ma si lavora poco o nulla. E per punti vendita che, ad esempio, contano proprio in questi giorni di incrementare il lavoro per i saldi estivi, il danno è anche più grave.

– “Con il Seveso non si può certo andare avanti così di emergenza in emergenza: chiediamo al Comune l’immediata convocazione straordinaria dei Duc (Distretti urbani del commercio) Pratocentenaro e Isola”, ha detto Giorgio Rapari, vicepresidente di Confcommercio Milano. – “Gli eventi climatici come quelli che stanno accadendo – sottolinea Rapari non possono essere affrontati con sorpresa e rimpalli di responsabilità fra istituzioni, ma vanno preventivati anche dal punto di vista economico e dei danni subiti”.

– “Gli allagamenti e quanto poi segue – aggiunge Carlo Proserpio, presidente di Ascopratocentenaro (l’Associazione dei commercianti della zona Ca’ Granda-Niguarda interessata all’esondazione assieme al quartiere Isola) – significano, oltre ai grandi disagi con un quartiere invaso da fanghiglia, almeno tre giorni di sicuro sostanziale stop nel lavoro”.

 

 

UNITA’ DI CRISI SEVESO, PISAPIA CONVOCA UNITA’ CRISI A PALAZZO MARINO – Dopo il verificarsi di un disastro che perdura da anni, e la cui risoluzione era anche al centro delle promesse pre-elettorali del sindaco Pisapia, il Primo ha convocato per oggi pomeriggio una unità di crisi a palazzo Marino, per la esondazione del Seveso.

– In Comune si riuniranno gli assessori e tutti i soggetti competenti negli interventi, da A2a a MM, polizia locale e protezione civile, oltre ai rappresentanti del consiglio di zona 9.

– La riunione e’ stata fissata per le 14.30.

 

AGGIORNAMENTO del 8 luglio 2014 ore 9 – Sono una quarantina le vie interessate dall’interruzione dell’energia elettrica nei quartieri allagati dal Seveso. A2a è al lavoro per ripristinare la corrente in molte vie e piazze fra Niguarda e Isola: da piazza Istria e piazzale Caserta alle vie Laurana e Asmara, da via Lario a via padre Luigi Monti, da via Taramelli a via Veglia, ai viali Marche, Zara, Testi, Suzzani, Sarca, Ca’ Granda.

 

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E  SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Esondazione Seveso Milano, analisi sul perché il Seveso straripa e soluzione della Giunta Pisapia: i Seveso Angels

Temporale Milano, esondazione Seveso, sottoposso allagato viale Sarca e strade più colpite da via Ca’ Granda e via Caserta

Esondazione Seveso Milano viale Zara e via Ca’ Granda, circolazione in tilt, livello fiume cresciuto di 227 centimetri

Esondazione Seveso Milano, allagati viale Zara, Niguarda, viale Sarca

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here