Vigili di quartieri agli incroci pericolosi Milano, elenco strade presidiate. Ma non dovevano servire alla sicurezza?

Vigili di quartiereSi chiama “Sicuri insieme” ed è il progetto – già lanciato in via sperimentale in passato – che il Comune di Milano ha messo in atto per la sicurezza degli incroci stradali milanesi. Il piano, diventato operativo ieri, 8 settembre, prevede il presidio di 121 incroci tra i più pericolosi della città, mediante l’impiego di 374 vigili di quartiere. Due le fasce orarie prescelte: dalle 7.45 alle 8.45 di mattina e dalle 18.15 alle 19.15 del pomeriggio.

 

CONTROLLI: VIABILITA’ E SOSTA SELVAGGIA – Dalla nota diffusa dal Comune si legge che gli incroci da presidiare sono stati scelti dai nove Consigli di Zona in collaborazione con i Vigili passando al setaccio, quartiere per quartiere, i crocevia più “critici dal punto di vista della pericolosità e del traffico, o particolarmente soggetti alla sosta selvaggia”.

– “Ci siamo confrontati con i cittadini e con gli stessi agenti e abbiamo deciso che i tempi erano maturi per ampliare le attività di servizio – spiegano da Palazzo Marino – e affiancare alla lotta al degrado nuovi compiti molto importanti. La viabilità è  una delle attività principali della Polizia locale. Da qui la scelta di presidiare fisicamente alcuni incroci strategici per ogni quartiere”.

– I controlli degli agenti in servizio non riguarderanno solo la viabilità, ma anche la sosta selvaggia, “che soprattutto in prossimità di un’intersezione può costituire grande pericolo per la sicurezza stradale soprattutto se il veicolo ingombra la carreggiata, strisce o scivoli pedonali o impedisce una corretta visuale a pedoni e automobilisti”.

 

DE CORATO: “VIGILI DI QUARTIERE PER LA SICUREZZA, NON PER IL TRAFFICO” –  Di diverso avviso, riguardo l’iniziativa del Comune, Riccardo De Corato, vice-presidente del Consiglio comunale e capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale in Regione.

–  “I vigili di quartiere servono per la sicurezza, non per il traffico – dichiara con un certo scetticismo -. Capisco che per l’Amministrazione arancione il problema della sicurezza non è al primo posto, ma per i milanesi sì e i trecento vigili di quartiere rendevano più tranquille le zone, soprattutto quelle periferiche. Adesso vengono spostati mattina e sera a controllare gli incroci e segnalare i divieti di sosta: non che non sia un servizio utile, ma non è il loro compito”.

– “Ci sono gli agenti della polizia locale espressamente dedicati al controllo della viabilità, perché non si usano quelli? Constatiamo per l’ennesima volta che il concetto di sicurezza e presidio dei quartieri non è nel Dna del centrosinistra”, la conclusione di De Corato.

 

L’ELENCO DEI 121 INCROCI PERICOLOSI – Polemiche a parte, in una città ad alto tasso di congestione automobilistica come Milano, l’elenco degli incroci in questione è necessariamente molto lungo. Di seguito la lista, suddivisa zona per zona.

Zona 1: piazza della Scala con via Manzoni, largo La Foppa con via della Moscova, corso Venezia con via Senato, corso Italia con via Santa Sofia.

– Zona 2: via Tunisia con via Vittor Pisani, via Melchiorre Gioia con via Cagliero e con viale Lunigiana, piazza Greco con via De Marchi, viale Monza con via Petrocchi, con via Chioggia e con via Pirano.

Zona 3: corso Buenos Aires con largo Argentina e con piazza Lima, piazza Risorgimento con corso Indipendenza e con corso Concordia, piazzale Susa con viale Romagna, piazzale Piola con via Pacini, viale Palmanova con via Carnia e questa con piazza Udine.

Zona 4: corso XX Marzo con piazza 5 Giornate, viale Corsica con viale Mugello, corso Lodi con piazza Medaglie d’Oro e viale Umbria, piazza Cuoco con viale Molise, via Mecenate con piazza Ovidio.

Zona 5: viale Giovanni da Cermenate con via Bazzi e via Volvino, via dei Missaglia  all’altezza di via Boifava, piazza Abbiategrasso, via Manduria e via Baroni.

Zona 6: piazza Frattini angolo via Lorenteggio, via Giambellino con via Brunelleschi, viale Famagosta con via Santander.

Zona 7: piazza Piemonte all’incrocio con corso Vercelli, piazza Wagner con via Buonarroti, via Gavirate con piazzale Segesta a piazzale Lotto, via Novara con via San Giusto, via delle Forze Armate con via Olivieri e via Rismondo.

Zona 8: piazza Firenze con corso Sempione, via Rossetti con viale Cassiodoro, piazzale Giulio Cesare con viale Belisario, via Mac Mahon con viale Monte Ceneri, piazza Stuparich con viale Salmoiraghi, viale Serra con via Traiano, viale Certosa con piazzale ai Laghi, via Grassi con via Belgioioso.

Zona 9: viale Marche con via Murat, viale Jenner con via Valetllina, piazza Nigra con via Imbriani, via Ponale con via Suzzani, via Teano con via Comasina, via Astesani con viale Affori.

 

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

S.P.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here