Omicidio Chinatown Milano, cinese ucciso a colpi di pistola

Forse una rapina andata male avrebbe causato la morte di un uomo di nazionalità cinese di 32 anni; trovato un bossolo, si cerca l’arma

incidenteambulanzapronto-soccorso L’aggressione si è svolta in un appartamento della Chinatown milanese, il quartiere Paolo Sarpi: qui una donna, nella mattina di mercoledì 30 novembre 2016, una volta rincasata ha trovato il marito, connazionale 32enne, riverso, in fin di vita. A nulla, purtroppo, è valsa la corsa all’ospedale Niguarda, dove l’uomo è deceduto.
Secondo le prime indagini dei Carabinieri, l’uomo sarebbe stato ferito a morte con colpi di arma da fuoco al petto, tesi che si discosta radicalmente dall’iniziale pista del suicidio.
Gli uomini della Scientifica, perlustrando il luogo del delitto, hanno trovato un bossolo; ancora ricercata l’arma.
Dalle indagini è merso anche che l’aggressore sarebbe entrato nell’appartamento senza lasciare segni di effrazione sulla porta, circostanza che apre numerosi scenari: potrebbe essere stata la stessa vittima ad accogliere in casa il suo assassino.
Gli Inquirenti non escludono, inoltre, anche la strada della rapina: l’omicidio potrebbe essere stato un tragico, accadimento imprevisto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here