Tentato suicidio tribunale Milano, fotogallery e video

un uomo si è arrampicato sopra un'impalcatura montata fuori dal Tribunale di Milano, minacciando il suicidio. In corso i negoziati per farlo scendere

tentato-suicidio-tribunale-milano-10-gennaio-2017-2Alle 14,20 circa di martedì 10 gennaio 2016 un uomo, le cui generalità sono ancora sconosciute, si è arrampicato su un’impalcatura all’esterno del Tribunale di Milano, lato via Freguglia, minacciando il suicidio.
Secondo quanto si può riscontrare finora, l’uomo ha bloccato i Vigili del Fuoco intervenuti sul posto con 5 mezzi, due dei quali autoscale, nonché diversi Carabinieri, minacciando di gettarsi se avessero tentato di avvicinarlo.
I negoziati durano da ore e, sul marciapiede, è stato gonfiato il grande materasso in dotazione ai Vigili del Fuoco: il giovane, che sembra senza guanti, è attaccato a un palo in ferro dell’impalcatura, anche se apparentemente la temperatura che sfiora lo zero non sembra farlo desistere (ha anche iniziato a nevicare).
So posto sono pronti a intervenire anche gli operatori del 118, che con un’ambulanza e un’auto medica hanno allestito una barella, pronta a ogni circostanza.
Seguiranno aggiornamenti.
AGGIORNAMENTO delle 16,50:Secondo le primissime informazioni, il suicida avrebbe detto di essere perseguitato dalla giustizia. Dalla finestra del Tribunale si è unito a Vigili del Fuoco e Carabinieri anche il magistrato Alberto Nobili, che ha preso parte agli interventi nel tentativo di capire che cosa volesse l’uomo.
– L’uomo, che risulterebbe comunque essere incensurato, avrebbe poi chiesto di poter parlare con l’ex magistrato Gherardo Colombo, chiamato telefonicamente dal procuratore Francesco Greco e poi sopraggiunto.
AGGIORNAMENTO delle 17,45:Dopo altre ore di negoziazione portato avanti dalle Forze dell’Ordine, dai Vigili del Fuoco e dai magistrati, finalmente l’uomo ha accettato di imbragarsi e farsi portare in salvo. Ancora da verificare le cause alla base del drammatico gesto, che potrebbero avere connotazioni psichiatriche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here