Mostra Aldo Buzzi e Saul Steinberg Biblioteca Braidense Brera Milano 13 – 30 gennaio 2016, orari, ingresso libero, info

Tra le novità esposte, i disegni anni Trenta e Quaranta, finora sconosciuti, dello scrittore lombardo maestro di leggerezza e ironia, una sua sorprendente sceneggiatura e altro

invito-buzzi-steinbergDopo Sondrio (Galleria Credito Valtellinese) e Forte dei Marmi (Museo della Satira) è finalmente approdata alla Biblioteca Nazionale Braidense la mostra ideata dal libraio antiquario Andrea Tomasetig in collaborazione con Marina Marchesi e Franco Salghetti-Drioli. La tappa milanese è stata arricchita di nuovi importanti materiali inediti e da una selezione delle pubblicazioni possedute dall’istituto di Brera. Tra le novità esposte, i disegni anni Trenta e Quaranta, finora sconosciuti, dello scrittore lombardo maestro di leggerezza e ironia, una sua sorprendente sceneggiatura sulla Rinascente del 1952, lo schedario di centinaia e centinaia di ricette manoscritte, a cui si aggiunge una serie di biglietti augurali natalizi e di buon anno del grande disegnatore romeno trapiantato a New York.
“FINALMENTE” A MILANO – “È finalmente approdata a Milano” perché si tratta della storia dell’intensa amicizia, personale, ma soprattutto intellettuale, che ha unito Aldo Buzzi e Saul Steinberg, e che ha avuto come palcoscenico la città di Milano. È il Politecnico ad accogliere negli anni Trenta i due giovani studenti di architettura ed è l’effervescente mondo editoriale, che qui ha la sua capitale, a esaltare fin dagli esordi il loro talento creativo. Con questa iniziativa la Braidense conclude il programma di eventi legati a EXPO2015, rimarcando nel contempo quanto il suo patrimonio librario sia vasto ed eterogeneo.
STORIA DI AMICIZIA – L’archivio dello scrittore e la mostra che da esso prende corpo raccontano l’amicizia feconda tra Aldo Buzzi e Saul Steinberg, che ha pochi paragoni nel Novecento per durata, intensità e importanza.
– Lo dimostrano l’intreccio, che solo l’archivio dispiegato può far risaltare, tra scrittura e grafica, tra i libri dell’uno e i disegni dell’altro, gli articoli in comune sulle riviste, i ritratti, le lettere, le fotografie, i biglietti e gli oggetti augurali, le agendine, le frasi tratte dai loro libri e riportate ingrandite.
– Materiali preziosi ora visibili grazie alla disponibilità di Marina Marchesi – figlia di Bianca Lattuada, la compagna di una vita – e del nipote Giovanni Cavedon, che aprono al pubblico il suo archivio, in larga parte inedito.
LA MOSTRA – La mostra non è data dalla semplice somma delle carte di Buzzi (verso cui è in atto una più che doverosa “riscoperta”) e dei disegni a sé stanti di Steinberg, ma, al contrario, dal rapporto che unisce tra loro le opere esposte, raccolte con convinzione dallo scrittore nel corso della sua lunga vita e che ad esse ha attribuito un valore profondo, che solo ora appare.
– L’iniziativa si configura pertanto non come un omaggio “minore” al celebre disegnatore satirico del “New Yorker”, sulla scia delle molte esposizioni americane realizzate nel biennio 2014-15 per il centenario, ma come la presentazione forse più autentica di due grandi figure del Novecento.
– Un filo conduttore è la comune passione per la gastronomia. Libri, disegni e oggetti la documentano in abbondanza e danno un sapore particolare alla mostra, non a caso avviata nell’anno dell’Expo.
– La mostra, allestita in collaborazione con l’architetto Jacopo Gardella, si avvale del patrocinio del Politecnico di Milano e del sostegno della Fondazione GTechnology.
LA PROIEZIONE DELL’INTERVISTA A STEINBERG – A complemento dell’esposizione in mostra sarà proiettata l’intervista televisiva realizzata da Sergio Zavoli a Steinberg nel 1967 (Rai Teche).

Un’amicizia tra letteratura, arte e cibo.
– Milano, via Brera 28 – Biblioteca Nazionale Braidense, Sala Maria Teresa
– La mostra sarà visitabile dal 13 al 30 gennaio 2016
– Orari: lunedì, martedì, mercoledì e sabato dalle ore 9.30 alle ore 13.30, giovedì e venerdì dalle 9,30 alle 18,00.
– Ingresso libero.
– Per informazioni: mail: b-brai.comunicazione@beniculturali.it – tel 02 86460907 int. 501

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here