JapanArt Milano 3 – 7 dicembre 2012 Chie Art Gallery viale Premuda, l’arte giapponese di tutto il mondo nella nostra città, info, opere, artisti, ingresso libero

Mina_SarenacIl Giappone, terra di fascino e misteri, terra di alberi di ciliegio e di anime, terra di grandi metropoli e di giardini zen, terra, infine, che si è rialzata dopo un devastante tsunami, produce stimoli e ispirazioni per creativi di tutto il mondo, molti dei quali rappresentati proprio nella grande mostra arrivata a Milano.

 

IL “MISTERO” COME FIL ROUGE DI JAPANART – Una delle parole più usate dagli artisti di JapanArt per descrivere i propri lavori è stata “mistero”: un’impossibilità di comprendere totalmente la cultura nipponica, che suscita curiosità e spinge ad avvicinarsi sempre più ad essa, cercando di esplorarla attraverso il proprio mezzo artistico. Di seguito gli artisti esposti:

.

B. Chrisse Harwanko e Barrett Biggers La vicinanza diventa fisica nel caso di B. Chrisse Harwanko, nativa americana trasferitasi a Okinawa più di 13 anni fa, che spiega come, adattandosi ai piccoli studi giapponesi, abbia ridotto le dimensioni dei suoi dipinti, scegliendo inoltre per le sue geisha, i soggetti astratti e i suoi collage, la famosa carta fabbricata a mano.

– Così come per Barrett Biggers, anch’egli statunitense, c’è una connessione personale ed emotiva: la moglie giapponese ha ancor più diminuito le distanze da un’arte che non gli era mai stata estranea, ammirata per la sua lunga tradizione. Nelle sue opere grafiche troviamo elementi tipici dell’immaginario riguardante il Giappone, che acquistano colori brillanti e caratteri occidentali.

.

Teruhisa Tahara, Jeroen Huisman e Lorenzo Lucca – Non la tradizione, ma la contemporaneità, è oggetto della riflessione di Teruhisa Tahara, l’unico nativo giapponese in mostra. Il fotografo si concentra su oggetti caratterizzanti la capitale e molte metropoli: i cavi elettrici. Dato l’elevato rischio sismico, i fili non vengono sotterrati, ma fatti correre sui pali, creando così garbugli intricati che invadono il paesaggio urbano. Questi cavi rappresentano anche la possibilità di connessione (e quindi di relazione) tra individui ai nostri giorni.

– Alla tecnologia e alla modernità del Paese nipponico si ispira anche un altro fotografo in esposizione: Jeroen Huisman. Olandese, riflette sulle contraddizioni di una cultura, secondo lui, “incastrata” tra futuro e passato. I suoi Fragments, incontrati sulle strade in giro per il mondo, ricordano il Giappone attraverso la figura del cerchio, simbolo religioso e presente sulla bandiera.

– Immediata e tecnologica per il mezzo usato: uno smartphone, spontanea e vissuta per il punto di vista, la serie Giap-phone, realizzata da Lorenzo Lucca, rappresenta i momenti topici di un viaggio nelle isole: dai treni locali allo Shinkansen, dai noodles ai parchi. Annotando visivamente le esperienze con mente aperta, il fotografo registra le differenze, le apparenti asimmetrie di una società in cui è ospite.

.

Mina Sarenac – Contrasti e scambi culturali sono poi protagonisti delle fotografie dell’artista serba Mina Sarenac. In queste immagini, scattate durante il “Japanese Pop-Culture Festival” a Belgrado, coesistono le antichissime arti marziali e la performance di danza di stampo più occidentale, rappresentati con lo stile pulito, sobrio e rigoroso tipicamente giapponese. La performer esegue movimenti forti, precisi ma allo stesso tempo aggraziati, ricordando che delicatezza, disciplina e determinazione fanno parte, in modi diversi, di entrambe le culture.

.

Jaya SubergAlena Krupetskova e Claudia Tejeda – Le contraddizioni si assorbono e assumono i toni e le sfumature del sogno e della irrealtà nelle opere di Jaya Suberg e Alena Krupetskova. La prima utilizza fotografia e grafica per creare immagini “sospese”, leggere. Troviamo in esse storie di personaggi leggendari, che sembrano usciti dai film di Kurusawa, a cui tanto lei si ispira. Le sue opere raccontano di un mondo surreale, frutto di grande riflessione e suggestioni vissute, risultato di interiorità e fatti avvenuti nella realtà esterna.

– Lo stesso fascino orientale si ritrova nelle immagini della Krupetskova, a cui si aggiunge però un tocco di glamour. La fotografa di moda, infatti, si è concentrata sugli abiti, il make up e le acconciature, che, uniti all’atmosfera onirica, conducono la modella – e l’osservatore – in una dimensione romantica e fuori dal tempo.

– Anche la pittrice e illustratrice tedesca Claudia Tejeda ha ricercato nella sua arte di riprodurre l’armonia e l’aspetto meditativo appartenenti a riti e tradizioni di questo popolo. La semplicità e la calma delle zone rurali (meno conosciute) vengono personificate, attraverso collages, da musicisti silenziosi e colorati animali marini a riposo. Una riflessione quindi su zone un po’ isolate del Giappone rispetto alle sue immense metropoli, ma ricche comunque di costumi e di uno stile proprio.

.

Yelena Zhavoronkova – Infine, con le immagini di Spring in Japan di Yelena Zhavoronkova, l’osservatore è immerso nella tranquillità di un giardino zen. L’ordine e la sobrietà di questi parchi naturali, rigogliosi ma mai invadenti, ha influito profondamente sul modo di vivere della fotografa e poi sul suo stile. Tra templi, alberi secolari e specchi d’acqua, l’animo ritrova equilibrio e armonia, sensazioni che gli scatti, anche se privi di esseri umani, riescono a trasmettere.
Natura, glamour, metropoli, sogno, fantasia e quotidianità: si traduce in molti modi l’ispirazione che il Paese del Sol Levante regala e che regalerà probabilmente per sempre.

 

 JapanArt

– dal 3 al 7 dicembre 2012

– vernissage martedì 4 dicembre ore 18.30

– orari di apertura: 11.30-18.30

– Chie Art Gallery, viale Premuda 27, 20129 Milano

– Curatrice: Anna Mola

– Tel.: 02 36601429

– Mail: chie.artgallery@gmail.com

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Mostra Vigili del Fuoco Milano e dimostrazioni nuclei specializzati 1 – 9 dicembre 2012 presso Museo della scienza e della Tecnologia, tutte le info

Artigiano in fiera Rho Fieramilano 1 – 9 dicembre 2012, novità,orari, parcheggi, agevolazioni per disabili, spedizioni a domicilio, info

Mostra fotografica Milano “Wildlife Photographer of the Year” 20 ottobre – 18 dicembre 2012 Museo Minguzzi, info e biglietti gratis con CronacaMilano

Mostra gratuita Harry Potter Milano 8 novembre 2012 – 6 gennaio 2013 Castello Sforzesco, “Da Pinocchio a Harry Potter. 150 anni d’illustrazione italiana con immagini Archivio storico Salani”, programma incontri, laboratori e info

Mostra Costantino Milano Palazzo Reale 25 ottobre 2012 – 17 marzo 2012, biglietti, orari, sezioni, info

Mostra Picasso Milano 20 settembre 2012 – gennaio 2013, orari, costo biglietti, prenotazioni, info

Installazione gratuita Hangar Bicocca Milano “On Space Time Foam”, 25 ottobre 2012 – 3 febbraio 2013: l’opera a 24 metri d’altezza di Tomas Saraceno e gli eventi collaterali, info

Cracking Art Monza e Cuneo ottobre – dicembre 2012, info e indirizzi sulle installazioni a cielo aperto di lupi, chiocciole, tartarughe e altri animali

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here