Cedevita Zagarbia – Olimpia EA7 Milano 71 a 83, Basket, seconda giornta di Eurolega

MILANO –  L’ Olimpia Milano che stenta in campionato ritrova la propria identità in Eurolega. Seconda vittoria consecutiva nel gruppo C della massima competizione europea per il roster biancorosso. Nella capitale croata, la squadra milanese cancella la deludenteprestazione di Avellino, battendo il Cedevita con il punteggio di 83-71.

 

Capitan Omar Cook sempre più leader e trascinatore: 15 punti messi a segno e 6 assist per i compagni. Keith Langford, invece, ne sigla 17, tra cui tre triple, serve 4 assist ai compagni e conquista quattro rimbalzi. Anche Antonis Fotsis si è reso protagonista della serata con 13 punti. Scariolo tira un sospiro di sollievo, ritrovando la squadra smarrita delle scorse settimane in vista del match contro l’ACEA Roma.

 

Milano, quindi, conquista una vittoria importante per risollevare il morale dopo la debaclè di Avellino. Gara controllata per quasi tutti i quaranta minuti. Zagabria ha provato  a tenere il passo dell’EA7 prima di cedere alla classe e l’estro del roster biancorosso.

 

EQUILIBRIO INIZIALE – Coach Scariolo schiera il quintetto iniziale composto da Cook, Langford, Fotsis, Bourousis e Hairston. Risponde la formazione di casa con Wright, Gelabale, Saput, Andric e Babic. Match che inizia con le triple di Antonis Fotsis e Omar Cook. Subito 0-6 in favore di Milano. Green risponde per i padroni di casa siglando il primo canestro croato. Milano non demorde e riprende la corsa: Langford firma da due , così come Hairston.

– La banda Scariolo allunga a +6 ai danni del Cedevita. I padroni di casa non intendono gettare la spunga. Il roster di Maljkvic recupera clamorosamente un parziale apparentemente difficile: Gelabale e Wright agguantano l’ Olimpia a quota 14. Il finale di primo quarto offre una gradevole lotta punto a punto. L’ EA7 riesce ad avere la meglio negli istanti antecedenti la sirena grazie alle realizzazioni di Keith Langford. Finisce 19-16 in favore della formazione meneghina.

 

ZAGABRIA NON MOLLA – Il secondo periodo di match vede i padroni di casa scendere in campo con grinta e determinazione. Bilan firma il primo canestro, segue Wright. Scariolo non sembra soddisfatto dell’approccio dei suoi in questo secondo quarto. Il tecnico bresciano ordina il time out quando i padroni di casa riescono a pervenire al pareggio.

– Cedevita sulle ali dell’entusiasmo: Wright e Gelabale confezionano il sorpasso croato grazie a quattro punti consecutivi che lasciano di sasso i giocatori in casacca biancorossa. Milano non ci sta a perdere. Omar Cook prende in mano il timone della formazione milanese firmando due triple letali per il morale dei padroni di casa.

– Nel finale di secondo quarto sale in cattedra la classe del roster di Scariolo: Langford sigla il vantaggio meneghino, Bourousis e Fotis permettono di mettere la freccia, mentre Cook chiude il tempo. Wright, spina nel fianco della difesa biancorossa, non basta per evitare il parziale negativo prima dell’intervallo: 40-37 Olimpia.

 

BABIC-COOK: DUELLO A SUON DI CANESTRI – Il terzo quarto comincia con un Babic subito a canestro. Zagabria vuole pareggiare, ma Milano cerca di staccare l’avversario. Padroni di casa che tornano in vantaggio grazie a Gelabale. Hairston e Cook riportano avanti l’EA7. Il capitano meneghino firma una tripla andando in doppia cifra. Cedevita agguerrito e parziale di 6-0 in favore del roster di Miljkovic che permette ai croati di pervenire al pareggio: 49-49.

– Malik Hairston sigla quattro punti consecutivi, e grazie al canestro di Fotsis, è nuovamente +6. Green e Babic tengono a galla i padroni di casa, riducendo lo svantaggio. L’Olimpia Milano prova ad allungare: al suono della sirena il parziale dice: Cedevita 50, EA7 53.

 

FUGA OLIMPIA – All’inizio del decisivo ultimo quarto, Rok Stipcevic firma il primo canestro con una bomba da tre. Gianluca Basile non rimane certo a guardare, piazzando una tripla che taglia le gambe alla squadra di casa: +9 Olimpia.

– La banda Scariolo alimenta il vantaggio e comincia a gestire la gara. I padroni di casa non demordono: Gelabale firma quattro punti consecutivi, mentre Babic mette paura a Cook & co. Milano, però, trascinata da Keith Langford riprende la corsa verso la vittoria. Lo statunitense sigla tre canestri consecutivi consentendo ai suoi di allungare nuovamente sui croati.

– Fino al termine del match la formazione meneghina vanta 12 punti di distacco, finisce 71-83. Il risultato finale premia la squadra allenata da Sergio Scariolo che dopo le opache prestazioni di Bologna ed Avellino, con in mezzo la convincente gara casalinga contro Istanbul di venerdì scorso, ritrova smalto e punti importanti. Adesso domenica l’ACEA Roma al Forum, giovedì il Caja Laboral sempre tra le mura amiche.

 

TABELLINO CEDEVITA ZAGABRIA – OLIMPIA EA7 MILANO 71-83 (16-19; 37-40; 50-53; 71-83)

  • CEDEVITA ZAGABRIA      : Car, Wright      14 punti, Suput 8, Babic 7, Andric 8, Suton, Bilan 6, Ilievski 2, Gelabale      20, Nurkic 4, Green, 2 Bazdaric. Coach:      Maljkovic.
  • OLIMPIA EA7 MILANO: Giachetti, Stipcevic 5 punti, Hairston 6,      Fotsis 13, Cook 15, Chiotti, Bourousis 11, Melli, Langford 17, Gentile 5,      Hendrix 6, Basile 5. Coach:      Scariolo.
  • ARBITRI:      JOSE (ESP), MAESTRE,      NICOLA (FRA), SHULGA, BORIS (UKR)

Giovanni Parisio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here