Sassuolo – Milan 4 a 3 Serie A diciannovesima giornata, notte fonda in casa Milan

Milan_Calcio_LogoConte direbbe “agghiacciante”, noi ci limitiamo a dire “imbarazzante”. E’ difficile spiegare cosa sia successo al Diavolo questa sera. Ottimo approccio al match, con due gol nei primi dodici minuti, e poi il nulla. O meglio, una serie di errori che consentono a Berardi di siglare il suo personalissimo poker. I buoni propositi di lunedì scorso sono puntualmente svaniti: ed il terzo gol nel finale non illuda. La vittoria degli emiliani è ampiamente meritata. La zona retrocessione dista solamente 6 punti; l’obiettivo stagionale sembra chiaro guardando questo numero.

 

Si chiude con la trasferta in terra emiliana il girone d’andata del Milan. Fin 18 giornate di delusione e di sofferenza; il 2014, però, è iniziato bene. Il 3 a 0 casalingo contro l’Atalanta ha dato morale; non tanto sul fronte del gioco, quanto sul risultato ottenuto. E’ questa la speranza da cui ripartire.

 

Allegri, contro la squadra dove ha iniziato la sua cavalcata nel grande calcio, lascia in panchina i due neo-arrivati, Rami e Honda. Davanti saranno Kakà e Robinho ad agire alle spalle di Balotelli. A centrocampo confermato Cristante al fianco di De Jong e Nocerino. In difesa, davanti ad Abbiati, dentro De Sciglio, Zapata, Bonera ed Emanuelson.

 

Di fronte Di Francesco si schiera con il 4-3-3. Davanti dentro Ziegler al fianco dei talentuosi Berardi e Zaza. Centrocampo con Gazzola, Kurtic e Longhi. In difesa, davanti a Pegolo, spazio per Antei, Ariaudo, Chibsah e Magnanelli.

 

Il primo squillo è del Milan. Dopo ottanta secondi cross di Robinho e conclusione dal limite di De Jong. Il piattone dell’olandese, però, non impensierisce Pegolo. Al 6′ risposta del Sassuolo con Berardi che, dalla destra, rientra su Emanuelson e va al tiro. Abbiati blocca la sfera.

 

All’8′ i rossoneri passano in vantaggio: De Jong e Cristante rubano palla al limite dell’area avversaria e servono Robinho che, da pochi passi, con il mancino brucia Pegolo. Protesta il Sassuolo per un possibile fallo di De Jong, ma De Marco assegna la rete. 0 a 1 al Mapei Stadium.

 

Al 12′ il Milan arriva al raddoppio con Balotelli: Cristante va in percussione dalla destra e serve in mezzo Balotelli che, con il piattone, non può sbagliare una sorta di rigore in movimento. 0 a 2 e partita ben incanalata dai rossoneri.

 

La squadra di Di Francesco non si abbatte ed al 14′ torna in partita: Berardi, pochi centimetri al di là della difesa rossonera, prende palla, supera Abbiati e deposita in rete di sinistro.  Nell’occasione, da rivedere Zapata.

 

Dopo un inizio scoppiettante, il match si spegne per diversi minuti. Al 26′ ci prova ancora Berardi, ma la sua conclusione volante non impegna Abbiati.

 

Poco male visto che l’attaccante classe ’94, si rifà sessanta secondi dopo. E’ il 27′ quando sfugge a Bonera e, dopo un tiro mancato, si coordina con il mancino e trafigge Abbiati, troppo lento a scendere a terra.

 

Il Sassuolo continua il forcing: al 29′ ammonito Bonera che ferma Chibsah lanciato a rete. Della battuta si incarica Zaza: l’estremo difensore rossonero respinge con i pugni.

 

Il Milan prova la reazione al 31′ con Balotelli che, dalla sinistra, si accentra e va al tiro a giro di destro. La sfera termina a lato. Al 35′ brutto gesto di Balotelli che si libera con una gomitata di Antei: giallo per Super Mario. Poco dopo ammonito anche per Antei.

 

Gli uomini di Di Francesco sono sempre vivi: al 40′ arriva la personalissima tripletta di Berardi che, su cross di Longhi, anticipa Emanuelson e batte Abbiati dall’altezza del dischetto del rigore. 3 a 2 e match completamente ribaltato. Imbarazzante la mezz’ora giocata dal Milan dopo essersi portati sullo 0 a 2.

 

Finisce dopo due minuti di recupero un primo tempo che ha visto un grande inizio del Milan, autore di due reti nei primi dodici minuti, ed una grande risposta del Sassuolo che prima accorcia e poi raggiunge il pari con una splendida tripletta di Berardi. Sempre in contropiede, sempre grazie ad una difesa rossonera disattenta e mai puntuale e precisa.

 

La ripresa inizia senza cambi, ma con lo stesso copione. Al 47′ è super Berardi: l’attaccante in comproprietà con la Juventus sigla il poker battendo Abbiati da pochi passi. Inizio shock per il Milan che, invece, di rimettersi in sesto, peggiora ulteriormente la sua situazione.

 

Non si fermano i padroni di casa. Al 49′ lancio di Chibsah per Zaza che, con il mancino, cerca la girata al volo. Palla alta. L’espressione di Allegri dice tutto: siamo di fronte ad una squadra alla deriva.

 

Al 54′ doppio cambio per Allegri: dentro Montolivo e Pazzini al posto di Nocerino e Cristante. A bordo campo si scalda anche Honda; tra poco potrebbe arrivare il debutto anche per il nipponico. Ora sarà 4-2-3-1 con Kakà, Robinho e Balotelli alle spalle di Pazzini.

 

Al 58′ ammonito Zaza che colpisce Kakà sulla caviglia. Al 61′ ci prova Balotelli, ma il suo destro lambisce il palo alla sinistra di Pegolo. Poco dopo giallo anche per Gazzola. Anche lui, assieme a Zaza, salterà la prossima sfida in quanto diffidato.

 

Al 65′ arriva anche il momento di Honda: il giapponese prende il posto di Robinho. Al 66′ volata di De Sciglio sulla destra e palla in mezzo per Kakà che, concludendo, colpisce un avversario e guadagna un corner. Dall’angolo, nulla di fatto.

 

Al 68′ prima chance per Honda che, entrato in area, manca il guizzo necessario per andare alla conclusione. Pochi secondi dopo ancora nipponico pericoloso: colpo di testa e deviazione involontaria di Pazzini che per poco non sorprende Pegolo.

 

Al 70′ torna a farsi vivo il Sassuolo: Chibsah illumina per Zaza che, lasciato libero da Zapata, non riesce ad agganciare la sfera. Al 77′ primo cambio anche per Di Francesco: standing ovation per Berardi ed ingresso di Schelotto.

 

All’83’ Milan pericoloso con Honda che, con il macino, colpisce il palo dal limite dell’area; l’azione prosegue e Kakà serve Pazzini che, di destro, impegna Pegolo. Di Francesco, pochi secondi dopo, richiama anche Zaza, entra Floro Flores.

 

E’ l’85’ quando Montolivo imita Cristante e riesce a siglare il terzo gol per i rossoneri. 4 a 3 al Mapei Stadium, ma Pegolo è stato troppo morbido. Mancano cinque minuti più recupero per tentare il disperato pareggio.

 

Di Francesco all’87’ corre ai ripari: dentro Marzorati al posto di Kurtic. Pochi secondi dopo traversa incredibile di Pazzini che, di testa ed a porta vuota, colpisce il legno dopo l’ottima parata di Pegolo su Balotelli.

 

All’88’ ammonito De Sciglio che entra in scivolata ed in ritardo su Ziegler. Al 94′ cross di De Sciglio dalla destra ed uscita decisa di Pegolo che, in tuffo, allontana di pugno anticipando Pazzini.

 

Dopo cinque minuti di recupero, finisce la girandola di gol del Mapei Stadium. 4 a 3 e vittoria ampiamente meritata e fondamentale per il Sassuolo che sale a 17 punti e supera Chievo e Bologna. Il Milan, invece, rimane fermo a quota 22 e vede la zona retrocessione a soli 6 punti.

 

Atalanta o Sassuolo? Quale dei due match rappresenta un’eccezione in casa Milan? Si spera quello di questa sera, ma vedendo il trend dei mesi scorsi verrebbe da pensare che il Milan è questo. Positivo una volta, ma ampiamente negativo un’altra.

 

E viene da chiedersi come mai, con una difesa imbarazzante, non venga impiegato Rami che, arrivato a Milanello ad ottobre, si allena con i suoi nuovi compagni da oltre tre mesi. Non si vuole rischiare o anche il francese non convince? La Coppa Italia potrebbe dare una risposta importante sotto questo profilo.

 

Settimana ricca di impegni per il Diavolo che mercoledì 15, ore 18.00, sarà impegnato nella sfida casalinga degli Ottavi di finale di Coppa Italia contro lo Spezia e che domenica 19 gennaio, alle 15.00, sfiderà a San Siro il Verona.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Udinese – Inter 1 a 0 Coppa Italia Ottavi di finale, altra delusione per i neroazzurri

Analisi Ottavi di finale Tim Cup Coppa Italia Udinese – Inter e Milan – Spezia

Honda al Milan e D’Ambrosio all’Inter, ecco i primi colpi di mercato delle due milanesi

Rimonta Milan 2014, infortuni 2013, classifica e morale

Calciomercato gennaio 2014 Inter e Milan: Nainggolan, Guarin, Honda, Rami e D’Ambrosio

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here