Attacco hacker università italiane, a Milano colpite Politecnico, Bocconi e Bicocca

L’azione è stata eseguita durante la notte.

 

“Questo è un grande giorno per tutti noi. E un pessimo giorno per le università italiane. I loro siti sono deboli, pieni di falle. Come fate a dare i vostri dati a idioti del genere? È uno scherzo? Cambiate password ragazzi; cambiate concetto di sicurezza, università. Avremmo potuto rilasciare molto di più, avremmo potuto distruggere dati e reti intere. Siete pronti per tutto questo?”.

 

Queste le parole postate a firma di LulzStorm su Twitter, a seguito del furto di dati, ritenuti fino ad ora protetti, di 18 atenei italiani.

 

Le Università colpite, nel dettaglio, sono:

  • Bologna (Antoniano e Unibo),
  • Cagliari,
  • Milano (Politecnico, Bocconi e Bicocca),
  • Bari,
  • Foggia,
  • Lecce,
  • Messina,
  • Modena,
  • Napoli,
  • Pavia,
  • Roma,
  • Salerno,
  • Siena,
  • Torino,
  • Urbino.

 

Secondo quanto comunicato dalla Polizia postale, gli hacker hanno rubato username e password di studenti e professori, riuscendo in alcuni casi ad impossessarsi anche di indirizzi e-mail, numeri di cellulare, nonché nomi e cognomi.

 

Leggi anche:

Rapine conti online, sgominata banda di hacker che assoldava complici in un liceo milanese

 

Di Redazione


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here