Morto senzatetto Milano Stazione Centrale, era un marocchino di 40 anni con problemi di alcolismo; il nuovo assessore alle politiche sociali: “Finora è stato fatto troppo poco”

E’ successo durante la scorsa notte.

 

 

 

 

 

LA VITTIMA

  • Un uomo di 40 anni, senza fissa dimora, originario del Marocco, è stato trovato senza vita in piazza 4 Novembre, presso la Stazione Centrale.
  • Secondo quanto ricostruito l’uomo, che si chiamava Hamed, aveva gravi problemi con l’alcol ed era un frequentatore della zona, dove andava a rifugiarsi soprattutto durante la notte per dormire.

 

IL COMMENTO DEL NUOVO ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI

  • “La città deve farsi carico di queste emergenze, finora è stato fatto troppo poco», ha provocatoriamente commentato l’assessore alle Politiche Sociali, Pierfrancesco Majorino, forse dimenticando che con il mancato rinnovo del pacchetto Anti-Movida istituito dalla precedente Amministrazione viene meno tra l’altro anche il divieto di vendere alcolici a minori di 16 anni.

 

AIUTI DEL PASSATO “NERO SU BIANCO” – La speranza, ora, è tutta risposta per le iniziative che verranno istituite dal nuovo assessore Majorino affinché ‘la città si faccia carico di queste emergenze’, in modo da evitare il ripetersi di simili tragedie.  In attesa, si ricordano alcune delle iniziative intraprese dalla scorsa Amministrazione ad opera l’Assessorato alla Famiglia e alle politiche sociali:

  • la guida completamente gratuita “Milano, dove mangiare, dove dormire e dove lavarsi” pubblicata dalla Comunità di Sant’Egidio con la collaborazione e il patrocino dall’Assessore Mariolina Moioli;
  • “Un libretto da tenere in tasca per orientarsi nella città , alla scoperta di tutti i luoghi dove a Milano si può essere aiutati. Una guida che vuole essere uno strumento per tutti, per conoscere la straordinaria rete di solidarietà della nostra città affinché si costruiscano e si rafforzino sinergie e collaborazioni tra interventi istituzionali, professionali, di volontariato e pratiche spontanee dei cittadini.” Aveva detto l’ex assessore Moioli.
  • Tra i temi trattati nella guida, oltre quelli nominati, anche orari, indirizzi, recapiti e informazioni su: centri di aiuto, ascolto e orientamento;  difensori civici; notizie utili per fare i documenti; patrocini gratuiti; assistenza sanitaria e servizi gratuiti; servizi di assistenza per alcolisti e tossicodipendenti, e molto altro, il tutto diviso per zona con tanto di mappa illustrata estraibile da portare sempre con sé.

 

SUL WEB –  Per chi preferisse usare la rete, il Comune della scorsa Amministrazione aveva anche provveduto, tra le altre iniziative, alla creazione della Guida sulla Reatà del Sociale 2010-2011, da scaricare gratuitamente da internet e ove trovare indicazioni, indirizzi, contatti, numeri di telefono e nominativi di responsabili di associazioni e cooperative in grado di accogliere, guidare e gestire le problematiche non solo di disabili bambini e adulti, anziani, contesti familiari e donne malmenate, ma anche di immigrati irregolari. In particolare, rispetto a questi ultimi si provvedeva a dare indicazioni per i servizi gratuiti di:

  • integrazione scolastica;
  • laboratori interculturali;
  • scuole di italiano per stranieri;
  • scuole di italiano per donne straniere;
  • sostegno accesso all’alloggio;
  • Assistenza sanitaria immigrati senza permessi di soggiorno;
  • accompagnamento ai servizi territoriali;
  • centri di ascolto,
  • centri di distribuzione vestiti;
  • centri di distribuzione acqua e cibo;
  • centri diurni;
  • centri di assistenza, informazione, orientamento famiglie;
  • sostegno per chi necessiti di cure mentali;
  • sportello casa;
  • sportello lavoro;
  • sostegno detenuti ed ex detenuti italiani e stranieri e alle loro famiglie;
  • accoglienza e sostegno psicologico;
  • consulenze legali;
  • orientamento e sostegno a donne vittime di violenza e/o in difficoltà.

 

Leggi anche:

Scarica gratis la guida Realtà del sociale 2010-2011 – contatti, servizi di associazioni e cooperative sociali per disabili, anziani, famiglia, adulti


Di Redazione

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here