Incidente mortale ciclista Bollate via Trento, ragazzo di 21 anni travolto da albanese ubriaco e drogato a bordo di una Mercedes 220

L’episodio è avvenuto nella notte, intorno all’una, in via Trento a Bollate: un 21enne marocchino, mentre viaggiava in sella alla propria bicicletta, è stato travolto da una Mercedes 220 che sopraggiungeva a folle velocità.

 

Terribile l’impatto: il giovane è stato letteralmente scaraventato in aria, ricadendo nell’opposta corsia di marcia e venendo travolto da altre autovetture in transito che non sono riuscite a schivarlo.

 

Il corpo completamente sfigurato e la mancanza di documenti – riferiscono i carabinieri intervenuti sul posto – hanno reso difficile l’identificazione, avvenuta soltanto a seguito di comparazione dattiloscopia: si tratta di Mohamed S., 21 anni, senza fissa dimora.

 

Sul luogo dell’impatto sono stati trovati frammenti di carrozzeria, a prima vista compatibili con una Mercedes. A breve distanza la notizia di una Mercedes 220 che, a causa della forte velocità, aveva perso il controllo urtando alcuni mezzi in sosta nella periferia di Arese.

 

Intervenuti immediatamente sul posto, i Carabinieri hanno riscontrato  che dal mezzo mancavano alcune parti di carrozzeria compatibili con quelle repertate sulla scena dell’investimento.

 

Messo alle strette, il conducente, T.U., 28enne bollatese, nato in Albania, ha ammesso le proprie responsabilità.

 

Portato all’ospedale di Garbagante Milanese, il 28enne è stato sottoposto ad analisi che hanno confermato l’assunzione di alcol e stupefacenti.

 

Per questo motivo l’albanese è stato arrestato per omicidio colposo, ai sensi dell’art.589 c.p., comma 2 bis, di recente introduzione, il quale prevede l’aggravante di “aver commesso il fatto con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale”.

 

Il pirata della strada si trova ora a San Vittore.

 

Leggi anche:

Incidente Milano via Cogne, morto Pietro Mazzara: polemiche e attesa della posizione di Pisapia sugli sgomberi dei nomadi, dettagli


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here