Sicurezza vigili Milano, sindacati pretendono maggiore sicurezza personale e sostengono l’utilità dei pattugliamenti misti eliminati da Pisapia

I fatti portano alla ribalta la questione dell’annullamento dei pattugliamenti misti, ovvero quel progetto “Strade Sicure” che, creato nel 2008 dal ministro della Difesa Ignazio La Russa e dal ministro della Giustizia Roberto Maroni, è stato cancellato lo scorso luglio per volere della giunta Pisapia: l’annullamento di tale Nucleo fu infatti una delle prime disposizioni della nuova Amministrazione, siglato dalla riflessione “Milano non è Beirut” esternata da Mirko Mizzali (SEL), avvocato storico dei centri sociali milanesi, consigliere comunale della giunta Pisapia e ora presidente della Commissione Sicurezza di Milano. Adesso, in particolare a seguito della tragica morte del vigile Niccolò Savarino, travolto dal Suv guidato dal nomade Remi Nicolic mentre svolgeva il proprio lavoro, della manager Alessandra Gabaldini in coma dopo essere stata aggredita mentre tornava a casa in bicicletta, e dei due vigili che ieri hanno inseguito due rapinatori finendo da loro travolti (fortunatamente senza gravi conseguenze), i sindacati Sulpm (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Municipale) riportano l’attenzione sulla scelta della Giunta di cancellare i pattugliamenti misti operati dai militari in aiuto a Carabinieri e Polizia, e sulla sicurezza personale che dovrebbe essere garantita agli agenti.

 

L’ASSESSORE ALLA SICUREZZA GRANELLI SI COMPLIMENTA CON I VIGILI, MA IL SINDACATO VUOLE SICUREZZA, NON PAROLE – “La sicurezza è un diritto dei cittadini e noi vogliamo fare la nostra parte – ha detto il portavoce Sulpm, Daniele Vicini, – senza che venga riportata indietro la lancetta del tempo per metterci solo agli incroci. Inoltre – precisa Vicini – vogliamo garantire anche la nostra sicurezza”.

 

L’ELIMINAZIONE DEI PATTUGLIAMENTI MISTI DEI MILITARI – A poco, quindi, sono servite le parole complimentose espresse dall’assessore alla Sicurezza di Milano, Marco Granelli, che ha lodato la professionalità dimostrata dai due agenti coinvolti nell’inseguimento di ieri, mentre i sindacati hanno ribattuto: “I militari dovevano rimanere, poiché liberavano risorse utili sul territorio, e le forze dell’ordine potevano dedicarsi ad altre attività di controllo”.

L’ELIMINAZIONE DEI NUCLEI SPECIALIZZATI DELLA POLIZIA LOCALE – Inoltre, i sindacati pretendono anche che la Giunta tenga fede a quanto promesso in tema di sicurezza personale degli agenti della Locale, chiedendo che non vengano eliminati i nuclei operativi creati dalla precedente Amministrazione.
– In tale senso, la richiesta era arrivata sempre da Mazzali che aveva chiesto la cancellazione, in particolare, degli agenti impegnati a presidiare la sicurezza a bordo dei mezzi pubblici, soprattutto di notte.
– A rischio anche i Nuclei impiegati per risolvere i problemi del territorio (soprattutto nei campi rom), il nucleo Cinofili, Fotosegnalamento e Polizia scientifica.

 

L’INIZIO DI TUTTO, LA RICHIESTA DELL’ELIMILAZIONE DEL NUCLEO “STRADE SICURE” AD OPERA DEL PRESIDENTE DELLA SICUREZZA MIRKO MAZZALI – Tutto era nato dalla richiesta, poi accolta, avanzata da Mirko Mazzali: «Milano non è Beirut e non ha bisogno di militari nelle strade”, aveva affermato Mazzali, chiedendo al sindaco di avviare un’interlocuzione con il ministero della Difesa per un progressivo disimpegno dei militari.

 

L’OPERAZIONE “STRADE SICURE”: I SUOI RISULTATI E IL SUO SMANTELLAMENTO – L’operazione Strade Sicure è un progetto nato nell’agosto del 2008, creato dal ministro della Difesa Ignazio La Russa e dal ministro della Giustizia Roberto Maroni.

  • In base a tale progetto, erano stati istituiti nei quartieri ‘a rischio’ di Milano pattugliamenti dinamici misti, di militari e forze dell’ordine.
  • E’ stata la Questura di Milano a certificare ufficialmente che “nelle vie pattugliate dall’esercito e presidiate per obiettivi sensibili, i reati si sono ridotti del 40% e, il servizio ‘Strade sicure’, ha contribuito alla diminuzione, su tutta Milano, del 48% dei reati nel biennio 2008-2010.
  • Alla linea voluta da Mazzali, il sottosegretario alla Difesa Guido Corsetto ha risposto: «Se da Milano ci dicono che non hanno più bisogno dei nostri militari, saremo ben contenti, coordinandoci con il ministero degli Interni e con altri sindaci, di trasferirli in altre zone dove la loro presenza è considerata importante».
  • A seguito di una serie di polemiche, Pisapia ha comunque mantenuto fede alla richiesta di Mazzali, al quale nel frattempo ha assegnato il ruolo di Presidente della Commissione Sicurezza di Milano.
  • In questo modo, proprio alla vigilia dell’agosto 350 militari sono stati eliminati da 34 strade a rischio della città, tra le quali viale Monza e via Padova.

 

LA QUESTIONE COLLATORALE: LA POLEMICA TRA PISAPIA E IL COMANDANTE PROVINCIALE DEI CARABINIERI, SERGIO PASCALI – Ultimo, solo cronologicamente, nel contesto “Sicurezza a Milano”, il botta e risposta tra il sindaco Pisapia e il comandante provinciale dei Carabinieri, il colonnello Sergio Pascali, tecnico qualificato con varie azioni anti-mafia nel suo curriculum, che ha fondato il suo operato su cifre e fonti certe per ogni dato annunciato e portato alla cittadinanza.

  • Era stato proprio il Comandante Pascali ad auspicare che il Comitato richiedesse il ritorno dei militari a partire dal primo ottobre, «indipendentemente dalla politica locale, a Milano o in provincia», ritenendoli utili sul piano della prevenzione.
  • Tale richiesta giungeva proprio nel momento in cui Pisapia aveva dichiarato che “A Milano un negoziante su 5 paga il pizzo”.
  • Da qui il parere del Comandante dei Carabiniere, che giudicava i dati dichiarati dal sindaco inattendibili e, del resto, senza fonte certa: il Primo Cittadino non ha infatti riferito da dove abbia tratto un tale, grave e allarmistico dato di “allarme racket”.
  • «Non sappiamo da dove il sindaco abbia preso i suoi dati o da chi li abbia avuti, ma non sono attendibili – avrebbe sostenuto il colonnello Pascali. – Sono stati già nettamente smentiti dalla Dia di Milano e dalla Direzione nazionale antimafia». Di uguale opinione anche il prefetto Gian Valerio Lombardi, che ha confermato: «I numeri non sono quelli».
  • Dopo la polemica, tuttavia, tra Pascali e il sindaco  è intercorsa una telefonata chiarificatrice “dai toni cordiali”, a seguito della quale il Comandante dei Carabinieri e Pisapia si sarebbero lasciati in rapporti costruttivi e sereni per la città.
  • Ora, non rimane che aspettare: mentre scippi ed aggressioni continuano, ai cittadini non rimane che sperare che qualcuno faccia qualcosa per riportare la Sicurezza nelle strade di Milano.

 

 

L’INVIO DEI MILITARI PRESSO 9 COMUNI DELL’HINTERLAND – Era stato il sindaco di San Donato, sul far delle schermaglie tra Pisapia e La Russa,  a chiedere: “I militari che scartate da Milano li date a noi?”. A distanza di 5 mesi, i militari arrivano davvero, per coadiuvare le Forze dell’Ordine in 9 Comuni del Milanese.

  • «Apprendo con soddisfazione della decisione con cui il prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi, ha deciso l’invio, nelle aree più a rischio criminalità di 9 Comuni della Grande Milano, di alcune unità dell’Esercito, impegnate nel pattugliamento del territorio in sinergia con le strutture di Polizia e Carabinieri – ha dichiarato il presidente della Provincia di Milano, On. Guido Podestà -. L’impiego di uomini e donne con le stellette aveva, del resto, in molte realtà italiane già fornito risultati straordinari, grazie all’operazione “Strade sicure”, voluta dall’ex ministro della Difesa, Ignazio la Russa. Credo non esista alcun dubbio nell’affermare che il binomio Forze dell’Ordine-Esercito, sia riuscito a garantire, in quel frangente, la sicurezza in tutto il Paese pure grazie alla serietà e alla professionalità riconosciuta ai nostri militari in Italia, come nel resto del mondo».

 

IL COMMENTO DEL SINDACO DI CORSICO: BENE I MILITARI, DA IMPIEGARE ANCHE NELLE ZONE SEGNALATE DAI NOSTRI CITTADINI –  Dopo l’arrivo dei militari nel centro storico di Corsico, il sindaco Maria Ferrucci ha voluto incontrare il comandante della locale caserma della Guardia di finanza per concordare i dettagli dell’impiego delle forze armate sul territorio. D’altra parte, lo stesso Prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi aveva sottolineato nella sua comunicazione del 15 dicembre scorso che “La finalità è quella di realizzare, attraverso un ulteriore supporto all’attività di prevenzione e di controllo del territorio già in atto, il miglioramento degli standard di sicurezza in favore della cittadinanza, concentrando l’attenzione sugli aspetti di maggiore criticità”. E più avanti: “Resta inteso che sarà possibile, su indicazione della S.V., procedere alla modifica e alla rimodulazione dei dispositivi, orientandoli verso obiettivi che risulteranno di volta in volta più bisognosi di attenzione”.

  • “Proprio cogliendo questa possibilità che ci è stata data – ha sottolineato Ferrucci – abbiamo concordato di scrivere una lettera al Prefetto con la quale chiederemo che i militari possano essere impiegati anche in altre zone del nostro territorio, dove ci sono maggiori segnalazioni da parte dei cittadini e quindi una più elevata percezione di insicurezza”.
  • Il contingente messo a disposizione, infatti, può essere impiegato non solo per attività di presidio, ma anche per servizi di perlustrazione e pattugliamento, potendo eseguire controlli sulle persone o su veicoli ritenuti sospetti.
  • Intanto, il sindaco Ferrucci si è fatta portavoce di tutti i primi cittadini del sud Milano per chiedere l’istituzione di un commissariato di Polizia nella zona: “La scarsità di risorse – precisa l’assessore alla Polizia locale Livio Colombo – ha inciso in modo significativo anche sui contingenti delle forze dell’ordine, oggi sempre più scarsi e dotati di pochi mezzi. La presenza dei militari non può sostituire completamente il lavoro di indagine e controllo di carabinieri e finanzieri e, noi ribadiamo, anche della polizia di stato”. In particolare, gli agenti che già hanno competenza nella zona sud al confine con Corsico e gli altri Comuni di cintura spesso impegnati in attività che vanno oltre i confini di Milano.
  • Sarà possibile una sinergia tra polizia di stato e carabinieri, insieme alla vigilanza urbana? Il territorio corsichese, considerando anche i Comuni confinanti, ha delle peculiarità sia per la presenza storica di famiglie legate alla ‘ndrangheta sia per il recente sviluppo della criminalità soprattutto dell’Est europeo. “Se fosse possibile una maggiore sinergia tra carabinieri, polizia di stato, guardia di finanza e polizia locale – ancora Ferrucci – si riuscirebbero a raggiungere risultati importanti per garantire maggiore sicurezza ai corsichesi. Una collaborazione interforze che verrebbe affiancata da una lavoro di raccolta dati e informazioni che i nostri uffici possono fare, anche grazie a una convenzione con l’Agenzia delle entrate, e che metteremmo volentieri a disposizione degli inquirenti. “Il nostro obiettivo – conclude il sindaco di Corsico – è assicurare la giustizia sociale come prerequisito essenziale per la legalità”.

 

INTANTO I GHISA MILANESI VENGONO MESSI A PRESIDIARE GLI CCESSI DI AREA C – Non da ultimo, la polemica porta alla luce anche i nuovi impieghi dei vigili che, invece di venire sottoposti agli addestramenti promessi dalla nuova Giunta, sono impiegati a presidiare costantemente gli accessi dei varchi di Area C.
– “Vogliamo i corsi di addestramento», insiste il portavoce dei vigili e, riferendosi all’incontro avuto a Palazzo Marino a seguito della tragica uccisione di Niccolò Savarino, ribadisce: «Ora chiediamo che il sindaco apra i tavoli che ha promesso»

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. ancora la questione dei militari che hanno tolto ha Milano, direi che il sindaco ha preso un provvedimento giusto. I cari militari, forse il sign De Corato non lo sa, ma in periferia e a Quarto soprattutto, dopo una settimana che giravano come ombre dei poliziotti sono stati menati e sono scappati! Da quel momento ogni sera si imboscavano nel bar a guardare le partite di calcio, oppure sostavano vicino alla ferrovia a farsi i C…. LORO! MA COSA SERVIVANO? i REATI SONO GLI STESSI CHE C’ERANO L’ANNO SCORSO, cosi come gli scippi e le aggressioni alle forze di polizia locale, ma il più delle volte non uscivano sui giornali.
    Ora si vuole strumentalizzare la questione dei Militari che hanno tolto. POSSO SOLO DIRE ME NO MALE, uno spreco di soldi e risorse, non è meglio che aumentino le forze di polizia e carabinieri? 4 militari con 2 poliziotti; forse è meglio che dei 4 militari, 2 gli assumessero nel corpo della polizia. Sicuramente costerebbero di meno che avere 4 ombre in giro per strada! E che magari i carabinieri iniziassero a lavorare e uscire invece di starsene nelle caserme !!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here