Arresto clandestino Opera, bloccato mentre trasportava pneumatici illegalmente

Posto di blocco OperaE’ successo a Opera, lungo la strada consortile a Mirasole.

 

Qui, nell’ambito di un abituale controllo del territorio, gli agenti della Polizia Locale hanno notato un furgone che procedeva con andatura incerta.

 

Immediatamente è scattato l’alt: quando il conducente del mezzo ha accostato, sono iniziati i controlli del caso. Da subito A.E. di origine brasiliana, alla guida del mezzo, è risultato senza valida patente.

 

Non solo, a seguito di ulteriori accertamenti, ha mostrato un passaporto scaduto ed un permesso di soggiorno decaduto.

 

 

L’accertamento delle infrazioni e dei reati è proseguito, poi, quando gli agenti hanno ispezionato il furgone: nel vano sono stati individuati quintali di pneumatici.

 

Un trasporto di rifiuti speciali che l’uomo stava effettuando senza autorizzazioni, magari per poi concludersi illegalmente con un abbandono di rifiuti in qualche roggia o strada di campagna.

 

Trasportato in Questura, il brasiliano è risultato avere diversi precedenti penali e, su di lui, è già stato emesso un ordine di espulsione dal territorio italiano. Oltre alla sanzione, che supera le diverse migliaia di Euro, l’uomo rischia adesso anche la galera.

 

L’attenzione che dedichiamo al territorio ci consente di raggiungere importanti risultati a tutela della Città, – comunica il Sindaco di Opera, Ettore Fusco. – La nostra Polizia Locale è all’avanguardia e preparata ad ogni evenienza. Di fatto, uomini e donne del comando, sono sempre operativi ed hanno maturato un fiuto tale per cui riescono a scorgere, con linearità, i trasgressori ed a trattare con competenza e professionalità qualsiasi caso gli si presenti. Si tratta quindi di una risorsa  fondamentale per Opera che garantisce, ai nostri cittadini, una qualità di vita di gran lunga superiore a quella delle altre realtà della provincia di Milano”.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Arresto albanesi via Litta Modignani Milano, avevano rubato 4 ruote a una Smart

Tentato furto ruote di automobile via Mercato Milano, beccato mentre caricava le gomme appena smontate

Rom Milano sud Cesano Boscone, la disperazione di un residente: “Se non mi credete, venite a vedere con i vostri occhi”

Di Redazione

2 COMMENTI

  1. Mi fa molto piacere sapere che c’è qualcuno che fa bene il suo dovere, ma chi fa le leggi evidentemente non lo fa… cosa succederà a questo brasiliano? niente …. secondo voi se ne andrà perchè ha un atto di espulsione? Certo che no…. e nessuno lo metterà in galera…le carceri sono super affollate…..
    Da noi alcuni gg fa hanno preso un extracomunitario senza documenti su un’auto rubata con sopra attrezzi per lo scasso, dopo averlo portato in caserma dove questo rideva in faccia ai carabinieri lo hanno lasciato andare perchè non potevano fargli niente……. ma come siamo messi?

  2. Proprio così Cristina li arrestano e poi li rilasciano perché hanno le mani legate da leggi ridicole eccessivamente garantiste. Bisogna uccidere per finire in galera, anzi a volte non serve nemmeno questo. Senza leggi forti e soprattutto senza qualcuno che le applichi seriamente non si va da nessuna parte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here