Rapporto dipendenze Asl 2014, allarmante il mix tra droghe e alcol in voga tra i giovanissimi

Alcol -300x225Lo studio è stato realizzato dall’Osservatorio del Dipartimento dipendenze dell’Asl in collaborazione con Emg – Marketing & Opinion Research, evidenziando le differenze rispetto a quanto riscontrato in analoghe ricerche negli anni precedenti. I risultati sono stati presentati nel capoluogo lombardo durante un convegno sul tema, volto a presentare un’indagine condotta a ottobre 2013, attraverso questionari autosomministrati su 3 mila persone di età compresa tra 14 e 64 anni.

 

IL CONSUMO DI COCAINA DAI 15 A DOPO I 35 ANNI – Dai dati emerge che a Milano il consumo di cocaina varia, come segue, in base alle diverse fasce di età:

– 15-24 anni –  Fra i 15-24enni il consumo di cocaina è perfettamente allineato alla media nazionale: l’1,4% in questa fascia d’età dichiara di averne fatto uso almeno una volta negli ultimi 12 mesi (1.067 persone), nel 2010 erano il 5,2%.

– 25-34 anni – Diverso il discorso se ci si sposta nella fascia d’età 25-34 anni, più sensibile all’immagine abbinata alla ‘polvere bianca’: il 5,9% (5.141 persone) dichiara di aver tirato almeno una volta negli ultimi 12 mesi, contro una media nazionale ferma all’1,1%. E il dato è in crescita rispetto al 4,2% rilevato nel 2010.

– dopo i 35 anni – L’utilizzo crolla, infine, dopo i 35 anni.

 

LE SCELTE DEI GIOVANISSIMI – Sulle scelte dei più giovani pesa il diverso costo dei vari stupefacenti. Mentre la ‘generazione coca’ invecchia, fra i nativi digitali si fa strada un nuovo approccio alle droghe:

– “Si tratta di ragazzi abituati al paradigma dell’Mp3”, spiega Riccardo Gatti, direttore del Dipartimento dipendenze dell’Asl milanese. Per loro il ‘marchio’ non conta. E non fa presa lo status e lo stile di vita ben definito a cui fa riferimento la cocaina.

– Se l’imperativo è sballarsi,aggiunge Gatti, “prendono un po’ qua e un po’ là quello che gli serve di volta in volta. Semmai nella scelta pesa il basso costo. E quello che conta è il risultato”. Gli under 25 sono consumatori a proprio agio nel supermarket della droga, nel quale si muovono con una mentalità più aperta e senza confini.

 

IL MIX TRA DROGHE E ALCOL IN FASCIA 15-24ENNI – I segnali di questa tendenza si possono leggere anche nei numeri:

fra i 15-24enni l’11,8% dichiara di aver fatto uso almeno una volta nel 2013 di altre sostanze psicoattive, rispetto a quelle tradizionalmente più diffuse. Non solo: lo sballo si ricerca anche con l’alcol.

– Uso combinato di cannabis, tabacco e binge drinking per 13 mila giovanissimi

– Gli esperti segnalano come preoccupante fra gli under 25 il “consumo associato di cannabis, tabacco e alcol in modalità binge drinking. Possiamo stimare – riferisce Gatti – che il fenomeno riguardi il 16% dei 15-24enni nell’ultimo anno, circa 13 mila persone che, se manterranno queste abitudini, andranno incontro in futuro a malattie connesse all’uso di queste sostanze, accorciando la propria aspettativa di vita, e provocando un relativo aumento delle spese per la salute pubblica”.

 

LA CRESCITA DI SMART DRUGS E METANFETAMINA – L’indagine rileva una lieve crescita delle smart drugs e della metanfetamina. Sono numeri piccoli, quindi il trend andrà confermato negli anni a venire. Ma gli addetti ai lavori sono “ragionevolmente allarmati” perché si tratta di sostanze diverse e talvolta poco conosciute nei loro effetti, e perché al momento il fenomeno è confinato alla fascia d’età dei giovanissimi:

– Su tutto il campione l’1,3% (7-10 mila persone) ha dichiarato nel 2013 di aver fatto uso almeno una volta di ecstasy e anfetamine, contro lo 0,8% del 2010.

– Stabile l’uso di inalanti e popper che resta a quota 0,9%, e di ketamina fermo allo 0,2%.

 

IN AUMENTO ANCHE USO DI EROINA E OPPIACEI – Mentre chi ha fatto uso almeno una volta di eroina o oppiacei passa dallo 0,3% allo 0,5% (2-4 mila persone).

 

SCARICA GRATIS IL LIBRO CON TUTTE LE RISPOSTE DELLA RICERCA SCIENTIFICA, LE FOTO DEL CERVELLO SOTTO L’INFLUSSO DELLA DROGA A PARTIRE DAL FETO E TANTO ALTRO – E’ possibile scaricare gratuitamente il libro “Cannabis e danni alla salute” CLICCANDO QUI

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Capire sintomi di chi si droga, progetto prevenzione per genitori con figli da 8 – 18 anni

Effetti cannabis, marijuana e hashish, conosciamo meglio le ‘droghe leggere’ e vediamo se fanno davvero così male oppure no, soprattutto a giovani e adolescenti

Binge drinking, conseguenze sul cervello soprattutto in età adolescenziali, dettagli

Ragazza in coma etilico Milano ricoverata clinica De Marchi, ha 15 anni

Dimostrazione cani antidroga Gdf Milano presso scuola Achille Mauri, fotogallery e video

 Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here