Disabili a Expo Milano: bello, ma “Chissà cosa c’era al secondo piano”. Speranze deluse emergono dall’indagine Eurisko sui disabili alle prese con le barriere di Expo

Pisapia Milano“Ho visitato il piano terra di un sacco di Paesi del mondo. Chissà cosa c’era al secondo piano”. Capita di chiederselo alle persone con disabilità che visitano l’Expo di Milano, secondo un’indagine condotta nel capoluogo lombardo attraverso 38 interviste telefoniche di cui 25 a pazienti con sclerosi multipla e 13 a caregiver. La ricerca, firmata da Eurisko nell’ambito del laboratorio ‘Smart cities e sclerosi multipla’ promosso da Biogen, è stata presentata ieri nella città meneghina in vista della Giornata mondiale contro la Sm che si celebra giovedì 28 maggio. “Expo 2015 rischia di essere un’occasione persa”, è il timore che emerge dalle risposte degli interpellati.

 

BELLISSIMO, MA DOVE SONO GLI ASCENSORI? – “Sono stato all’Expo. Tutto modernissimo, bellissimo, studiatissimo. Peccato che in certi padiglioni, in molti anzi, non ci fossero ascensori per salire al secondo piano, ma solo rampe di scale”. Una testimonianza diretta che fotografa un sito espositivo promosso ‘con riserva’. “Sebbene il sito sia per molti versi all’avanguardia in termini di accessibilità – si rileva nella sintesi dell’indagine – emergono alcune note critiche. Per chi è andato all’Expo, emerge la conferma che serve ancora investire su una cultura dell’accessibilità”.

 

ANCORA LONTANO IL RAGGIUNGIMENTO DI UNA CULTURA DELL’ACCESSIBILITA’ – Lo spazio che ospita l’Esposizione Universale 2015 è “tendenzialmente privo di barriere, ma comunque vulnerabile in tema di accessibilità: alcuni padiglioni non sono visitabili al secondo piano”, inoltre si segnalano “qualche disservizio (la navetta attrezzata fuori uso, il sito per le prenotazioni riservate ai disabili bloccato)” e casi di “impreparazione del personale (incapace nel dare info precise in tema di accessibilità)”.

 

SPERANZE DELUSE – In generale, “le speranze per un miglioramento dell’accessibilità in tutta la città in occasione dell’Expo sono risultate un po’ deluse: non si è notato un significativo miglioramento della qualità degli spazi pubblici in città”. A Milano, insomma, dal punto di vista di chi convive con una disabilità e di chi se ne prende cura “molte delle classiche barriere sono rimaste”. (adnkronos).

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Barriere disabili Odontostomatologico Paolo Pini Milano: “Sindaco, Assessori, venite voi in carrozzina!”

Via Gassman Milano Quartiere Adriano, tante promesse elettorali ma i disabili sono ancora bloccati tra aiuole e cemento: foto e intervista di CronacaMilano

Foto furgone BikeMi Milano parcheggiato su area disabili in via Filzi all’una del pomeriggio, gli scatti inviati da un lettore

Parcheggi selvaggi Milano via Lessona, foto scattate da una lettrice: “Auto e moto costringono mamme con passeggini e disabili a camminare in strada”

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here