Aumento costo strisce blu Milano dal 3 maggio 2017, in centro 4,50 euro dalla terza ora in poi. Elenco strade interessate

Il Comune spiega che non è certo per fare cassa: è per contrastare le poveri sottili e per rendere disponibile a tutti il suolo pubblico

assessore-granelli
Marco Granelli, assessore alla Viabilità di Milano (ex assessore alla Sicurezza nella giunta Pisapia)

Il Comune di Milano, con la Giunta di Beppe Sala, ha varato a partire da mercoledì 3 maggio 2017 le nuove tariffe della sosta negli stalli cittadini contrassegnati dalle strisce blu,aumentando il costo dei parcheggi a pagamento all’interno di numerose via della Cerchia dei Bastioni.
FINO A 4,50 EURO ALL’ORA: MA È PER CONTRASTARE LE POLVERI SOTTILI, NON PER FARE CASSA – Secondo il Comune di Milano il provvedimento non è assolutamente finalizzato a far cassa: tra i suoi scopi, ad esempio, il contrasto  all’innalzamento delle polveri sottili prodotte dall’uso dei veicoli privati, nonché “favorire un migliore utilizzo degli stalli tenendo conto del valore del suolo pubblico e della necessità di renderlo più disponibile a tutti i cittadini, e non solo all’ingombro dei veicoli privati che invece possono fruire dei parcheggi disponibili nelle strutture”, ha dichiarato direttamente il Comune in una nota.
– “Quindi più spazio per i mezzi collettivi, sharing mobility, veicoli elettrici e a due ruote e più rastrelliere per le biciclette”, ha ben specificato la giunta di Beppe Sala.
RESIDENTI: OLTRE AL DANNO, LA BEFFA – Il provvedimento sembra una beffa soprattutto per particolari zone della città, come piazza Castello, dove la Giunta Pisapia prima, e la Giunta Sala ora, hanno portato all’eliminazione di circa 250 posti auto per i residenti, costringendo gli abitanti del quartiere a dover ricorrere proprio alle strisce blu pur di parcheggiare la propria auto e tornare finalmente a casa.
ELENCO STRADE INTERESSATE DAI RINCARI – Di seguito l’elenco delle strade interessate alla variazione a partire da mercoledì 3 maggio 2017: corso di Porta Romana, corso Europa, corso Italia, corso Magenta, corso Venezia, largo Augusto, largo Victor de Sabata, largo Maria Callas, largo Francesco Richini, piazza Castello, piazza Tommaso Edison, piazza Mentana, piazza Salvatore Quasimodo, piazza S. Stefano, piazza Santi Pietro e Lino, piazza Velasca, piazzale Luigi Cadorna, piazzetta Umberto Giordano, via Alberico Albricci, via Flavio Baracchini, via Bocchetto, via Brisa, via Caminadella, via Cesare Correnti, via dei Giardini, via della Posta, via delle Ore, via Durini, via Fatebenefratelli, via Foro Buonaparte, via Luigi Illica, via Giovanni Lanza, via Larga, via Alessandro Manzoni, via Giuseppe Mengoni, via Mercato, via Molino delle Armi, via Monte di Pietà, via Gaetano Negri, via Pietro Paleocapa, via Paolo da Cannobio, via Francesco Pecorari, via Pontaccio, via Porlezza, via Romagnosi, via S. Clemente, via S. Maria Valle, via S. Sofia, via S. Tecla, via S. Vito, via Tivoli, via Giuseppe Verdi, via Pietro Verri, via Verziere, via Fernanda Wittgens.
– Nei prossimi giorni, progressivamente, saranno cambiati i cartelli della sosta di tutte le strade interne alla Cerchia dei Bastioni e successivamente anche quelli delle vie esterne fino al completamento di tutta la città.
– Contestualmente alle nuove indicazioni saranno attivate le nuove tariffe fino al completamento entro l’estate degli 83mila stalli contrassegnati dalle strisce blu.
GLI AUMENTI – Per quanto riguarda la sosta singola, il Comune spiega che “la revisione va nella direzione di disincentivare la lunga permanenza” (anche se, in merito, non si capisce allora perché sia stato aumentato del 50% anche il costo della prima e della seconda ora di sosta):
All’interno della Cerchia dei Bastioni, la tariffa passa:
– da 2 euro/ora per le prime 2 ore e 3 euro nelle successive,
– a 3 euro/ora le prime 2 ore e 4,50 euro per le ore successive nelle ore diurne dalle 8:00 alle 19:00, tutti i giorni.
Per le ore notturne:
– dalle 19:00 alle 24:00: da 2 euro/ora le prime 2 ore e poi gratis
– a 3 euro/ora nelle prime 2 ore e poi gratis.
“FAVORITI GLI ABBONAMENTI ATM” – “Vengono sempre favoriti gli abbonamenti, in particolare l’incremento è pari a zero per l’abbonamento integrato sosta/ATM” – precisa il Comune (Atm è una società pubblica di proprietà del Comune di Milano, nda)” e per l’abbonamento agevolato per chi svolge servizi di pubblica utilità nella cerchia dei Bastioni.
Nella cerchia dei Bastioni, per quanto riguarda l’abbonamento agevolato mattutino (dalle 8:00 alle 15:00) si passa:
– da 70 a 80 euro al mese
– da 700 a 800 euro all’anno;
Per l’abbonamento agevolato serale (14:00-24:00) si pass:
– da 70 a 80 euro/mese
– da 700 a 800 euro/anno.
L’abbonamento per l’intera giornata passa da:
– 120 a 140 euro al mese
– da 1.200 a 1.400 all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here