Vaccini, in Lombardia nessuna proroga per nido

I genitori dovranno fornire la documentazione entro il 10 settembre, altrimenti i bambini saranno allontanati

incidnete-ricercatore-ospedale-medicineAttenzione per tutti i bimbi che, rientrati dalle vacanze, si preparano a mandare i propri bambini al nido e alle scuole di infanzia: in Lombardia, chi non presenterà documentazione riguardante i vaccini entro 10 settembre, verrà allontanato.
Niente proroga di 40 giorni, quindi, per i bambini lombardi non vaccinati: saranno allontanati. Tuttavia, i piccoli in tali condizioni non saranno lasciati a se stessi, ma avranno la possibilità di accedere a un ‘Percorso formale di recupero dell’inadempimento’ che, in 40 giorni, permetterà loro di mettersi in regola e riprendere la frequenza.
Questo il contenuto di una lettera che oggi l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, invierà nel pomeriggio ai ministri alla Salute Beatrice Lorenzin e all’Istruzione Valeria Fedeli, annunciando la firma di un decreto.
Gallera ha aggiunto che lo scopo della legge in questione è quello di raggiungere la massima copertura vaccinale e, attraverso il percorso suggerito,  i genitori con più dubbi o resistenze potranno accedere a un percorso di recupero dell’inadempimento.

Leggi anche:
Vaccini obbligatori, lista indicazioni anno scolastico 2017 – 2018
Referendum autonomia, Maroni: obiettivo è una Lombardia a Statuto Speciale. Spiegazioni
Referendum autonomia Lombardia, data, quesito per intero, Costituzione, spiegazioni per tutti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here