Ecopass Milano, no dei commercianti e raccolta firme per lunedì 31 ottobre 2011

Siamo agli sgoccioli per l’emissione delle linee guida definitive su Ecopass: prima che la delibera arrivi in giunta, un ultimo tavolo tecnico è stato ottenuto dai commercianti per ottenere, almeno, alcune agevolazioni. Controparte della negoziazione sono l’assessore al Commercio Franco D’Alfonso e alla Mobilità Pierfrancesco Maran.

 

LA PROPOSTA DEGLI ASSESSORI D’ALFONSO E MARAN – Proprio D’Alfonso e Maran, infatti, hanno presentato i provvedimenti che faranno il destino dei commercianti milanesi su Ecopass. Tra i punti salienti proposti da Palazzi Marino:

  • pedaggio da 5 euro per tutti, dal lunedì al venerdì,
  • parcheggio gratuito per commercianti e artigiani, ma nessuno sconto sul pedaggio;
  • agevolazioni per aziende ospedaliere e la Questura;
  • vigore per due anni del provvedimento, in forma di “sperimentazione”.

 

IL NO DI 13 ASSOCIAZIONI DI COMMERCIANTI E LA RELATIVA REPLICA – Chiara la risposta dei commercianti, che hanno presentato all’Amministrazione un documento congiunto intercategoriale a firma di 13 associazioni: Confcommercio Milano, Federdistribuzione, Confesercenti Milano, Cdo Milano Compagnia delle Opere, Apam, Cna Milano, Confartigianato Apa Milano Monza Brianza, Unione Artigiani, Casartigiani Milano, Fai Milano, Alsea, Aicai, Assolombarda. Tra i punti controversi:

  • sperimentazione della nuova congestion charge di 12 mesi, e non due anni;
  • un “mix equilibrato di esenzioni: per i veicoli meno inquinanti come quelli a gpl, a metano ed euro 5, oltre che per gli ibridi ed elettrici;
  • l’introduzione di una tariffa “x charge” assolutamente ridotta;
  • la possibilità di acquistare abbonamenti periodici agevolati, fino all’abbonamento annuale, che convenzionalmente potrà essere quantificato ad un costo equivalente al controvalore di 100 ingressi.

 

PARI DIGNITA’ PER COMMERCIANTI E RESIDENTI – Le richieste presentate al Comune, hanno precisato le categorie del commercio, partono da un assunto ben preciso:

  • “chi esercita qualsivoglia attività economica” è “un soggetto detentore di pari dignità rispetto ad un cittadino residente”, quindi gli va riconosciuto il diritto, “nel pieno rispetto delle regole, a muoversi e ad operare, premiando i comportamenti virtuosi di quanti hanno già operato rilevanti investimenti per il ricambio del parco mezzi circolante verso motorizzazioni a nullo o basso impatto ambientale”.

 

PER MIGLIORARE LA VIABILITA’ BISOGNA POTENZIARE I SERVIZI, NON SPREMERE I CITTADINI CON NUOVE TASSE – Lo smog non si abbatte a colpi di balzelli.

Con questa riflessione il documento presentato dai commercianti sottolinea che per migliorare la gestione del traffico non serve immettere una nuova gabella, ma sarebbe invece necessario:

  • rivedere la rete delle infrastrutture;
  • potenziare il trasporto pubblico;
  • aumentare le piazzole di carico scarico merci e migliorarne la logistica;
  • razionalizzare gli spazi per la sosta dei residenti e non.

 

RACCOLTA FIRME LUNEDì 31 OTTOBRE ALLE ORE 13,30

  • Per tutti quanti vogliono dire NO!, lunedì 31 ottobre 2011 è stato organizzato dalla Lega Nord un presidio anti-ecopass «a nome e per conto dei 100mila milanesi che saranno tartassati».
  • Le firme saranno raccolte in 50 tra le principali piazze cittadine.

 

Leggi anche:

Ecopass residenti, ecco cosa dovranno fare i residenti per uscire e tornare a casa

Ecopass Milano, ticket unico da 5 o 10 euro sabato compreso, e tutte le altre ipotesi analizzate una per una: comunque vada sarà un salasso

Divieto circolazione Lombardia e Milano 15 ottobre 2011 – 15 aprile 2012, elenco divieti e deroghe

Blocco traffico Milano 20 novembre 2011, nuova domenica a piedi

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here