Consulente arrestato per frode fiscale da Gdf Milano, contestati milioni di euro

Complesse investigazioni di polizia giudiziaria avrebbero disvelato un articolato sistema di frode fiscale, imperniato sul ruolo svolto da società italiane

Gli uomini della Guardia di Finanza del Gruppo di Milano hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Milano nei confronti di un consulente finanziario, ritenuto responsabile di riciclaggio, aggravato dal carattere transnazionale, individuato nel corso dell’analisi di rischio condotta dal “Pool latitanti fiscali” della Procura della Repubblica di Milano.
Le complesse investigazioni di polizia giudiziaria hanno disvelato un articolato sistema di frode fiscale, imperniato sul ruolo svolto da 7 società italiane, designate dall’organizzazione criminale quali soggetti economici deputati a emettere fatture per operazioni inesistenti nel settore delle sponsorizzazioni sportive. Del sistema avrebbero beneficiato oltre trenta società su tutto il territorio nazionale, le quali hanno annotato, nelle loro scritture contabili, false fatture per quasi 50 milioni di euro, abbattendo, in tal modo, significativamente la propria base imponibile. Le ricostruzioni contabili e bancarie svolte dai militari della Guardia di Finanza hanno permesso di accertare, infatti, un fraudolento sistema di sovrafatturazione pari ad oltre l’80 per cento dell’importo indicato nelle richiamate fatture fittizie, confluite poi nelle dichiarazioni fiscali presentate per gli anni dal 2012 al 2016 dalle imprese beneficiarie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here