Furti Politecnico Milano, il racconto shock di uno studente

Furti di computer ed oggetti tecnologici dentro agli edifici dell’Ateneo, e problemi anche nei parcheggi: “Purtroppo, sono sempre persone straniere”. Continuate a scriverci

politecnicoDi seguito la segnalazione shock inviata alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it) da uno studente del Politecnico di Milano, esasperato dai tanti furti compiuti dentro l’Ateneo.
Riportiamo la mail interamente e invitiamo tutti i lettori a continuare a scriverci: mandateci segnalazioni, foto e video. Noi continueremo a darvi voce.
“Buonasera, sono uno studente del politecnico di Milano (come saprete fiore all’occhiello delle classifiche universitarie e bla bla bla). Vi racconto dalla sede di Bovisa dell’università, l’accaduto di questa mattina (11 settembre 2017, nda):
Mi reco in biblioteca bl28: ultimo edificio costruito e moderno, nonché privo di tornelli (chiunque quindi può entrare senza esser sottoposto a un controllo, se non quello visivo dei bibliotecari). Mentre studio, verso le 12:30 noto due ragazzi che fanno avanti e indietro e poi prendono un libro a caso, tra quelli disponibili alla consultazione, e si siedono in un posto ovviamente non casuale.
Tempo 20 secondi e si rialzano, sistemano il libro e se ne vanno di tutta fretta.
Insospettito dalla rapida consultazione e dai movimenti inusuali che hanno fatto quando erano seduti, li rincorro mentre passano indisturbati davanti il controllo dei bibliotecari (capisco la loro impossibilità nel controllare tutte le persone che entrano ed escono, però penso che un occhio attento come lo è stato il mio, che nemmeno è il mio lavoro, possano averlo). Quindi corrono giù per le scale, li raggiungo e chiedo loro di aprire lo zaino. Estraggono un Mac, allora domando loro di inserire la password di accesso.
Ovviamente non la sapevano, uno dei due corre via invece l’altro rimane; chiamo le forze dell’ordine e insieme ad altri ragazzi lo “assicuriamo alla giustizia”. Restituiamo il pc al malcapitato e chiudiamo la cosa.
Purtroppo di avvenimenti di questo tipo se ne verificano molti (nell’edificio di fronte BL27 è ormai buona norma, da parte dei ragazzi che portano i volantini delle pizze, tornare indietro più carichi di prima di cose tecnologiche), e tutto questo accade anche nel parcheggio (a me personalmente hanno aperto la macchina qualche mese fa; un mio amico lascia ormai, stanco della rottura della serratura dell’automobile, la lascia direttamente aperta, legata solo internamente con il catenaccio; inoltre, vetri rotti per rubare oggetti sono ormai all’ordine del giorno).
Si fa sempre fatica a dirlo e riconoscerlo, ma purtroppo gli autori dei furti sopraelencati sono persone di origine straniera.
Detto ciò mi domando se nelle classifiche mondiali, o europee, o italiane, siano presenti anche dei parametri di sicurezza o tranquillità dello studente, perché vedo che si preferisce piantare alberi per scalare le classifiche (nulla contro l’elemento in sé, ma fatico a capire il collegamento con la qualità dell’insegnamento), piuttosto che salvaguardare chi vive l’università da un’insicurezza ormai dilagante.
Scrivo a voi perché ho letto l’articolo inerente alla questione dei braccialetti nelle zone nevralgiche di Milano e l’ho molto apprezzato.
Nel caso vogliate dare un po’ di importanza a questi avvenimenti, non voglio comparire come paladino della giustizia (anonimo quindi), ma vorrei solo portare all’attenzione pubblica degli episodi molto gravi, che non vengono considerati dagli alti gradi dell’università. Grazie, A.N.”

Leggi anche:
Furti Politecnico Milano Bovisa, una studentessa: “Rubano fino a 10 computer a settimana, aiutateci a portare alla luce questo problema!”
Moto rubata via Celoria Milano davanti Politecnico, ecco targa e foto
Migranti giardini Legnone Milano, la paura dei residenti “Che succede se non diamo i soldi che ci chiedono?”
Turisti e cittadini molestati da immigrati Milano, ancora la scusa del braccialetto. Foto e video

1 COMMENTO

  1. La situazione e’del tutto fuori controllo.
    Quello che hai raccontato succede ovunque a Milano,in tutte le vie e in tutti i contesti.
    Vetri rotti,scippi,minacce per futili motivi,truffe,proposte di documenti falsi e matrimoni combinati,bottiglie e resti dello spuntino a pochi metri dai cestini.
    Gente che sorveglia il territorio.
    Purtroppo al ministro Orlando sembrano cose che non necessitano di intervento straordinario,mentre e’ impegnato 6 mesi a fare il candidato alle primarie.
    Al Pd sembrano bravi ragazzi molto simpatici.
    In carcere ci mettono il ragazzetto ventenne che si fa una cannetta.
    Queste persone invece hanno il nullaosta che tanto non c’e’ niente da fare.
    Con Sala la situazione e’ comunque migliorata di molto rispetto a Pisapia e alla Moratti.
    Ma il numero di chi viene a Milano dall’Italia e dall’estero appositamente per rubare e truffare e’ aumentato esponenzialmente,proprio perche’ e’ l’unico luogo al mondo dove ti comporti cosi’ e nessuno ti dice niente.
    Hai fatto bene ma hai rischiato parecchio.
    La persona che ha lasciato un oggetto di valore incustodito ha comunque sbagliato,dove vive?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here