Febbre del Nilo Lodi, origine, sintomi, prevenzione e info

Zanzara CulexSalgono a 4 i pazienti ricoverati per la Febbre del Nilo, contratta nel lodigiano.

 

LE ULTIME VITTIME – Le ultime due vittime sono un uomo di 69 anni e uno di 78.

Le condizioni dei due pazienti sono, purtroppo, molto gravi.

– Mentre il 69enne è attualmente ricoverato in terapia intensiva presso il reparto dell’ospedale Maggiore di Lodi, il 78enne è invece ricoverato nel reparto di malattie infettive e tropicali dell’ospedale Delmati.

 

ORIGINE DEL NOME – Il nome dell’infezione, “West Nile Virus”, si richiama al luogo d’origine della patologia,  il distretto di West Nile in Uganda, dove il germe venne isolato per la prima volta nel 1937.

– Da allora è stata registrata, in particolare, una gravissima epidemia virale nel 2012, negli Stati Uniti, dove sono morte 286 persone.

– Sempre nel 2012, in Italia è stato identificato un nuovo ceppo del virus.

– Dal 2008, in Italia, è in vigore un’ordinanza del Ministero della Salute che dà il via ad un piano di sorveglianza Straordinaria della West Nile Disease. Il virus del Nilo è stato infatti dichiarato endemico nel nostro Paese dalle autorità sanitarie.

 

TRASMISSIONE DEL VIRUS – Il vettore principale del virus della Febbre del Nilo sono le zanzare del genere Culex.

 

INCUBAZIONE E SINTOMI – Il periodo di incubazione della malattia va dai 2 ai 15 giorni.

I sintomi iniziali assomigliano a quelli dell’influenza, e sono rappresentati da febbre moderata (che in genere perdura da 3 a 6 giorni), nonché nausea e cefalea.

– Il malessere può comprendere anche dolore oculare, mal di schiena, mialgie (dolori muscolari), artralgie, tosse, eruzioni cutanee, linfadenopatia e dispnea (difficoltà a respirare), alterazione dello stato di coscienza, confusione mentale, disorientamento, tremori, convulsioni, e coma.

– I disturbi possono interessare anche l’apparato gastrointestinale, con nausea, vomito e diarrea.

– I soggetti più a rischio sono gli anziani e le persone con patologie pregresse, che possono essere colpiti anche da gravi complicazioni neurologiche, quali meningite asettica, encefalite, oppure meningoencefalite.

– Generalmente il malato si rimette spontaneamente in 3-5 giorni, ma la malattia può essere anche mortale, specialmente in individui anziani e immunodepressi.

 

PREVENZIONE – Tra i mezzi efficaci a prevenire il contagio rientrano:

– insetticida o spray anti-zanzare,

– indossare vestiti che coprano braccia e gambe,

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Allarme Legionella a Milano – Niguarda e Bresso, sintomi, rischio contagio, rimedi, precauzioni e info pratiche

Di Redazione

Foto: “CulexNil” per wikipedia.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here