Chievo Inter 0 a 2 Serie A quinta giornata, Pereira e Cassano decidono la sfida

Il debutto della difesa a 3 non regala particolari soddisfazioni a Stramaccioni; nonostante il risultato lasci pensare ad una gara facile, nel corso dei 95 minuti disputati a Verona, l’Inter è andata molto, forse troppo, spesso in sofferenza sugli attacchi dei gialloblu. Samuel, non ancora in perfette condizioni fisiche, è apparso troppo lento e macchinoso.

 

Stramaccioni, dopo la deludente prestazione casalinga contro il Siena, prova la difesa a tre. Davanti ad Handanovic, infatti, dentro Ranocchia, Samuel ed il giovanissimo Juan Jesus. Centrocampo con Nagatomo e Pereira sulle fasce con capitan Zanetti, Cambiasso e Guarin in mezzo. In avanti sarà Sneijder ad appoggiare il solo Milito.

 

Di Carlo, in cerca di punti pesanti dopo la sconfitta contro la Juventus, punta su Pellissier e Di Michele in avanti, supportati da M. Rigoni. Centrocampo con Vacek, L. Rigoni ed Hetemaj. In difesa, davanti a Sorrentino, spazio a Sardo, Cesar, Dainelli e Jokic.

 

Al 2’ primo brivido per la difesa Clivense: Milito, su assist di Pereira, si fa trovare pronto in area. Peruzzo ferma tutto per un fuorigioco della punta argentina.

 

Pronta la risposta del Chievo; è il 3’ quando Di Michele trova in mezzo Hetemaj che, di testa, anticipa Ranocchia. Handanovic si distende e salva il risultato. Sul contro-cross Juan Jesus si oppone a Rigoni. Al 5’ primo giallo del match: l’arbitro lo sventola a Samuel.

 

Al 9’ ancora gialloblu in avanti: corner di Rigoni e, anche in questa circostanza, colpo di testa di Hetemaj. Handanovic non ha problemi. Al 10’ cartellino anche per il Chievo: se lo becca Rigoni per un fallo su Sneijder.

 

In questo inizio c’è solo il Chievo; al 22’ i veneti si rendono nuovamente pericolosi con Pellissier che sorprende Juan Jesus e si porta a tu per tu con Handanovic. Il pallonetto del valdostano si spegne sul fondo.

 

Al 23’ brutta tegola per l’Inter; Pellissier, in ripiegamento, entra scomposto su Sneijder. L’olandese è costretto ad abbandonare il campo, al suo posto entra Cassano.

 

Al 29’ ancora Chievo: cross di Di Michele e palla che, dopo essere stata ‘ciccata’ da Ranocchia e Samuel, finisce sul mancino di Pellissier. Zanetti, in ripiegamento, ferma l’attaccante clivense. Al 33’ si fa vedere l’Inter; Nagatomo, dalla destra, supera Jokic e serve al centro Guarin che, di destro, va al tiro: palla che lambisce il palo alla destra di Sorrentino.

 

Al 36’ altro giallo per il Chievo; questa volta è Sardo a riceverlo a causa di un brutto intervento su Pereira. Al 43’ arriva la svolta: Nagatomo, dalla destra, entra in area e serve in mezzo Pereira che, in leggero fuorigioco, deposita in rete.

 

Dopo due minuti di recupero termina la prima frazione di gioco che ha visto il Chievo andare ripetutamente vicino al vantaggio; l’Inter, grazie alla ‘pochezza’ del duo Di Michele-Pellissier, è riuscita a tenere inviolata la propria porta ed alla prima occasione si è portata in avanti.

 

La ripresa inizia senza cambi; al 47’ altro giallo per il Chievo. Questa volta tocca a Vacek che ferma il pallone con le mani impedendo una ripartenza neroazzurra. Inter che si porta in avanti al 51’ sfruttando un contropiede: Cassano serve Milito che scarica di destro. Palla che sorvola la traversa.

 

Al 54’ si fa vedere il Chievo con Rigoni; il centrocampista va al tiro angolando molto bene. Handanovic si distende e manda in angolo. Al 58’ applausi a scena aperta per capitan Zanetti che ferma un’azione offensiva del Chievo favorita da un errore di Pereira.

 

Al 60’ buona giocata di Guarin che supera Hetemaj e scarica di destro: palla che si spegne a lato. Due minuti più tardi occasionissima per i clivensi: Samuel viene sorpreso dall’inserimento di Rigoni, ma Handanovic mette in corner. Primo cambio per Di Carlo: dentro Samassa al posto di Di Michele.

 

Partita molto vivace in questa fase; al 64’ occasione d’oro per Milito che, sulla linea del fuorigioco, crossa in mezzo per Cassano. Sorrentino, in uscita, smorza ogni pericolo. La risposta del Chievo arriva su punizione: Handanovic vola alla sua destra per fermare l’ottima parabola calciata da Rigoni.

 

Al 69’ doppio cambio: dentro Gargano per Nagatomo nell’Inter e dentro Cruzado al posto di Vacek nel Chievo. Due minuti dopo problemi per Samuel; il difensore argentino rimane in campo, ma fuori dal campo si scaldano sia Chivu che Silvestre.

 

Al 71’, però, arriva il raddoppio firmato Antonio Cassano; il barese sfrutta al meglio un tocco di fino di Gargano e, da dentro l’area di rigore, fulmina Sorrentino. Partita chiusa. Di Carlo si gioca la terza sostituzione: entra Stoian per Rigoni.

 

All’82’ c’è spazio per un’altra occasione per il Chievo; questa volta è Cruzado, su punizione, ad impensierire la retroguardia neroazzurra. La sfera, però, finisce sul palo. Stramaccioni, pochi secondi dopo, regala uno scampolo di partita a Mudingayi; esce Cambiasso. Nel finale brivido quando Samassa va in rete; Peruzzo ferma tutto per fuorigioco.

 

L’Inter formato trasferta sa solo vincere; altri tre punti conquistati dalla squadra di Stramaccioni e domenica sera alle 20.45 contro la Fiorentina a San Siro, si cercherà la prima vittoria casalinga della stagione.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Crisi Inter e Milan: Stramaccioni e Allegri rischiano l’esonero; analisi e soluzioni tattiche

Inter Siena 0 a 2 , quarta giornata serie A, cronaca e pagelle

Udinese Milan 2 a 1 Serie A quarta giornata, rossoneri ancora sconfitti

Chiusura calciomercato estivo Inter e Milan, ecco il look definitivo 2012 – 2013 delle due società milanesi

Calciomercato Milan, i motivi dietro alle scelte di compravendita della società, attraverso l’analisi economico-finanziaria dell’impero Berlusconi

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here